/ Politica

Politica | 23 maggio 2019, 11:30

Luisa Tuveri si candida al Consiglio regionale: “Chi mi conosce sa che sono una persona seria che ha dimostrato competenza ed esperienza”

60 anni, da 34 vive nel cuneese. È candidata all’interno della lista civica “Sì TAV per il Piemonte” che appoggia Alberto Cirio

Luisa Tuveri si candida al Consiglio regionale: “Chi mi conosce sa che sono una persona seria che ha dimostrato competenza ed esperienza”

Sono una donna, una mamma e una nonna e sono una persona che è in grado di andare oltre il colore politico quando si tratta di fare scelte moderate e liberali, indispensabili per la crescita e lo sviluppo della provincia e della nostra Regione”.

Si presenta così Luisa Tuveri, 60 anni, cuneese da 34 anni, dove si è trasferita per motivi di lavoro. La Tuveri è l’unica candidata alle prossime elezioni regionali del 26 maggio all’interno della lista civica “Sì TAV per il Piemonte”.

Tuveri, perché la sua candidatura al Consiglio regionale?

Sono appassionata di Politica da sempre, e ho una formazione liberale che risale ai tempi del Liceo. La mia candidatura nasce a Torino, la città dove sono nata, cresciuta, mi sono laureata e sposata.
Nasce in seno alla nostra lista civica nell'area di Energie per l'Italia, da persone che mi conoscono da sempre e conoscono la mia storia personale e politica. Sono onorata di essere l'unica donna che Cirio ha voluto nella sua lista civica in provincia di Cuneo.

Vivendo da 34 anni nel cuneese, conosco quindi bene entrambe le realtà”.

Quali sono gli argomenti che ritiene importanti e che seguirà nel caso dovesse essere eletta?

Le priorità sono, ovviamente, il lavoro, quindi il mondo delle imprese e la Sanità.
E' indispensabile la collaborazione tra il mondo delle imprese e la Politica, i gruppi di lavoro vanno fatti tra persone competenti per ottenere risultati concreti.

La Sanità riceve spesso critiche che non rendono giustizia ai tanti ottimi professionisti che ci lavorano. C'è un sistema distorto che ha aumentato solo la burocrazia, le pratiche amministrative rubano tempo all'attività sanitaria e la bloccano, dilatando i tempi d'attesa.
Altra nota dolente il numero chiuso alle Facoltà di Medicina: abbiamo carenza di medici, bisogna assumere i giovani e non richiamare professionisti di 70 anni!
”.

Di cosa ha bisogno dal suo punto di vista la Provincia di CN ?

Bisogna assolutamente realizzare le infrastrutture e i raccordi autostradali, la Cuneo-Asti e la Savigliano-Saluzzo sono solo due esempi di una viabilità provinciale disastrosa e che la riforma Delrio, togliendo potere e risorse ha ulteriormente peggiorato.
Bisogna valutare bene i costi di manutenzione e adeguamenti di strutture ospedaliere decadenti e inadeguate alle moderne necessità della medicina. Evitare sprechi inutili che comportano disagi e rischi per i pazienti anche in un'ottica di infezioni ospedaliere.

Quindi economia, infrastrutture, territorio e tutela dell'ambiente”.

Perché, dunque, votare Luisa Tuveri?

Perché chi mi conosce sa che oltre alla professionalità sono una persona seria che non trascura l'empatia e che ha dimostrato competenza ed esperienza in molteplici settori.

Sono stata Segretario Provinciale e Consigliere Nazionale di un partito fino al 2006. Sono stata Responsabile Regionale del Coordinamento Donne Uil- Sanità Piemonte. Sono un'ortottista che da 34 anni lavora in Oculistca all'Ospedale di Savigliano e grazie alla mia professione conosco problematiche di persone di ogni provenienza ed età”.

comunicazione politico elettorale

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium