/ Politica

Politica | 30 maggio 2019, 15:56

Cherasco, prima uscita in Germania con la fascia tricolore e poi la Giunta per il nuovo sindaco Carlo Davico

Pieno di voti per la compagine guidata dal 48enne geometra di frazione Bricco, scelto dall’87% dei suoi concittadini. La palma di consigliere più votato al rappresentante di Roreto Umberto Ferrondi

Il 48enne Carlo Davico, nuovo sindaco di Cherasco

Il 48enne Carlo Davico, nuovo sindaco di Cherasco

Vista dai numeri lascia davvero poco spazio alle interpretazioni la portata del voto col quale i cheraschesi hanno in sostanza rinnovato la fiducia alla lista "Insieme per la tua Cherasco", espressione dell’amministrazione uscente, ora guidata dal nuovo primo cittadino Carlo Davico.

Il 48enne geometra di frazione Bricco (509 a 49 l’esito della sfida tra candidati a sindaco nella piccola frazione di Oltre Stura), al suo terzo mandato in municipio dopo due elezioni nelle quali era stato il consigliere più votato, ha ripetuto l’exploit anche da aspirante alla fascia tricolore, ora indossata in forza di 4.329 voti (87,47%) contro i 620 suffragi complessivi raccolti dal giovane Giovanbattista Boccardo, 18enne studente all’Itis di Fossano che, entrato in Consiglio, ora avrà modo di confermare l’intraprendenza e il senso civico già dimostrato presentandosi come più giovane candidato a sindaco d’Italia.

Un esito al quale ovviamente si accompagna la grande soddisfazione del neo eletto primo cittadino, il quale ora tiene a ringraziare i cheraschesi per "una fiducia che rappresenta anche un riconoscimento per quanto di buono fatto in questo decennio di impegno amministrativo. Un lavoro che ora intendiamo proseguire portando a termine quanto avviato, a partire dall’attesa circonvallazione, e con un occhio sempre rivolto a tenere alto il nome della nostra città quale centro turistico di grande e crescente richiamo".

Per farlo si avverrà di una squadra alla cui composizione sta ovviamente già lavorando, anche se per avere i nomi dei componenti la nuova giunta bisognerà attendere la prossima settimana, anche perché in questi giorni il nuovo sindaco sarà impegnato nella prima uscita con la fascia tricolore, alla guida della delegazione cheraschese che sarà ospite presso la città gemella di Möckmühl, presso Stoccarda.

Più che probabile che a far parte della squadra di governo sarà innanzitutto l’ormai ex primo cittadino Claudio Bogetti, che dopo 24 anni in amministrazione è stato confermato tra i 13 componenti (sindaco compreso) del Consiglio comunale con un bottino personale di 567 preferenze.

Meglio di lui hanno fatto solamente il rappresentante della popolosa frazione di Roreto Umberto Ferrondi, campione di preferenze della tornata con 607 voti, e l’assessore uscente (a bilancio e politiche giovanile) Elisa Bottero (579), premiata però anche dal meccanismo del voto di genere.
Tutti andranno a sedersi sugli otto banchi riservati alla maggioranza in assemblea, insieme a Maurizio Rosso (500 voti), altro assessore uscente, a Giuseppe Pino Bonura (472), Sergio Giovanni Barbero (347), Agnese Marcella Dogliani (325) e Lidia Fissore (263). Esclusi, pur con un ragguardevole risultato personale, Irma Lamberti (237) ed Enrico Maria Marengo (204).

Sul fronte dell’opposizione, oltre al suo giovane candidato a sindaco, la lista "Nuova Cherasco" porterà invece in Consiglio Guido Vassallo (87 voti), Giuseppe Dompè (25) ed Elisa Cerone (24). Esclusi Roberto Germano (15), Domenico Panero (15), Fabrizio Generali (11), Isabella Boccardo (5), Michael Masante (2), Claudia Ferrraro (1) e Reham Ismail.

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium