/ Politica

Politica | 30 maggio 2019, 10:04

L’albese Marello più forte dei pronostici: l’ex sindaco va in Regione come candidato più votato della Granda

Per lui oltre 3mila preferenze in città e quasi altrettante sul territorio, anche fuori da Langhe e Roero. "Ha pagato il lavoro di apertura fatto in questi anni da sindaco". Poi ringrazia gli elettori e dedica il risultato all’ex vicesindaco Mariangela Roggero Domini

Maurizio Marello, ha compiuto 53 anni lo scorso 16 marzo

Maurizio Marello, ha compiuto 53 anni lo scorso 16 marzo

Sconfitto nella sfida amministrativa, vinto anche dal vento contrario spirato a livello nazionale e certo poco aiutato dal risultato in qualche modo sotto le attese fatto registrare dalle altre forze in campo (fattore non secondario nel determinare il passaggio già al primo turno del forzista Carlo Bo), nel tracciare un bilancio di questa difficile tornata elettorale il centrosinistra albese può almeno in parte consolarsi con l’importante affermazione di cui il sindaco uscente è stato protagonista nella sfida delle regionali.

In lizza coi colori del Pd tra i candidati della Granda a sostegno del governatore uscente Chiamparino, Maurizio Marello ha infatti portato a casa un risultato personale andato probabilmente al di là delle aspettative della vigilia.

Con un totale di 5.813 voti l’ormai ex sindaco albese (nel municipio langarolo lascerà la giovanissima figlia Ester, eletta con 198 preferenze) non ha solo sbaragliato la concorrenza interna di altri due accreditati campioni del campo democratico – la collega braidese Bruna Sibille (3.597) e l’assessore regionale uscente Francesco Balocco (3.086). Ma è risultato il candidato più votato dell’intera provincia, davanti al primo cittadino santostefanese Luigi Icardi (Lega, 4.596) e all’ex sindaco di Cervere e coordinatore provinciale di Forza Italia Franco Graglia (3.579).

"Certamente un ottimo risultato – commenta il diretto interessato –, anche oltre le previsioni della vigilia, anche se ovviamente speravo che potesse maturare in un contesto diverso. Sicuramente mi ha fatto grande piacere ricevere 3.035 voti dagli albesi, quasi altrettanti sul territorio di Langhe e Roero e numerosi anche in altre zone della provincia: credo sia stato riconosciuto il lavoro di grande apertura e collaborazione che ho sempre ricercato in questi anni da sindaco".

Il 53enne avvocato del Mussotto con residenza alla Reala di Corneliano, vicino alle Acli, titolare insieme alla sorella Raffaella di un'azienda vitivinicola a Montelupo Albese, si prepara così a una nuova avventura politica tra i cinquanta eletti del parlamentino di Palazzo Lascaris, dove peraltro sarà l’unico rappresentante di centrosinistra dalla provincia di Cuneo: "Una circostanza che mi responsabilizza. Cercherò di fare il possibile per rappresentare nel modo migliore il mio territorio e l’intera provincia. Cercherò di imparare questo mestiere nuovo, confidando che in questa impresa possa aiutarmi la lunga esperienza da sindaco e i vent’anni complessivamente trascorsi in Consiglio comunale ad Alba".

Nell’attesa di mettersi alla prova in uno nuovo scenario sul quale, certo sull’altro fronte, ritroverà il concittadino Alberto Cirio, l’ex sindaco tiene a fare un ringraziamento e una dedica.
"Il primo va ovviamente a tutti gli elettori che hanno voluto riporre in me la loro fiducia, sperando di non deluderla, e a tutte le tante persone che mi hanno dato una mano a raggiungere un risultato per me molto importante. E, se mi è consentito, come già feci cinque anni per la mia rielezione in municipio, vorrei dedicare questo risultato a Mariangela Roggero Domini, mio vicesindaco quando varcai la soglia del municipio da primo cittadino. Una fuoriclasse della politica, che mi aiutò tantissimo quando iniziai a occuparmi della cosa pubblica e alla quale ancora oggi va tutta la mia riconoscenza. Se oggi ho raggiunto questo traguardo lo devo anche a lei".

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium