/ Curiosità

Curiosità | 03 giugno 2019, 12:58

Uno, due, Trisss! La saviglianese Beatrice Inguscio mostra la sua musica (e le sue “Buffalo” bianche)

La partecipazione a “TheVoice” è stata solo una dei tanti progetti di quest'anno. In lavorazione l'inedito scritto ed interpretato da lei

Uno, due, Trisss! La saviglianese Beatrice Inguscio mostra la sua musica (e le sue “Buffalo” bianche)

Beatrice Inguscio, in arte Trisss, accavalla le gambe e fa vedere al mondo la sua luminosità, associata alle enormi “Buffalo” bianche che porta ai piedi.

Beatrice parla del suo amore per la musica che l'ha portata sul prestigioso palco di The Voice of Italy" (era nel team "Elettra" ed è uscita alle Battle, ndr). Un amore per la musica che si è evoluto nel tempo: 
“Ho iniziato a cantare seriamente solo alle superiori”.

Beatrice ha frequentato il liceo Musicale Ego Bianchi di Cuneo: “Il mio primo approccio alla musica è stato brutale, perché ho avuto un’insegnante che non riusciva a capire cosa realmente volessi dire con la mia voce”.

In concomitanza con le lezioni scolastiche, Beatrice inizia a tenere lezioni private che la avvicinano al suo talento: “Ho scoperto lì di essere forte, perché ho imparato ad utilizzare lo strumento”.

Mi sono svegliata un giorno e sapevo che da grande avrei voluto fare la cantante, così ho iniziato a buttarmi a capofitto nella disciplina: studiavo, sperimentavo e durante il weekend tenevo masterclasses per migliorarmi sotto ogni aspetto - sorride parlandone -. In un mondo dove tutti, grazie ad internet, possono essere conosciuti ed apprezzati, si deve puntare sull’unicità del talento e fare “quel qualcosa in più” che ci rende inimitabili".


La sua partecipazione a “TheVoice” è stata solo una dei tanti progetti che ha portato, e sta portando, avanti quest’anno. Uno dei tanti è fare uscire il suo primo inedito, scritto ed interpretato da lei. E' in lavorazione: “Deve essere la totale espressione di me e del mio essere”.

Consiglia a tutti i giovani di seguire i propri sogni e di sperimentare nuovi stili, nuove esperienze e di scoprire nuove parti di sè: “L’”espandersi” è il motore dell’arte”.

Sara Giordano

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium