/ Viabilità

Viabilità | 04 giugno 2019, 14:47

Le ruspe raggiungono la vetta del Colle dell’Agnello, in alta Val Varaita: il 7 giugno prevista l’apertura del valico italo-francese

Rimarrà transitabile sino ad ottobre, in concomitanza con la “Foire de Saint Luc” di Guillestre, evento nel Queyras al quale prendono parte anche molti italiani

Le ruspe in punta al Colle dell'Agnello (Foto Riccardo Tidili)

Le ruspe in punta al Colle dell'Agnello (Foto Riccardo Tidili)

Le ruspe dell’impresa V.A. di Riccardo Tidili hanno raggiunto ieri (lunedì) i 2744 metri del Colle dell’Agnello, valico automobilistico italo-francese che collega la Valle Varaita al Queyras.

Si tratta del secondo valico automobilistico più alto d’Italia, terzo invece – sempre per altitudine – in Europa. Il Colle rimarrà aperto al traffico sino ad ottobre: tradizionalmente, infatti, si attende ogni anno la “Foire de Saint Luc”, che si tiene sempre di lunedì, per chiudere la strada transfrontaliera.

La percorribilità dell’“Agnello” viene garantita proprio per la fiera di Guillestre, dal momento che l’evento nel Queyras risulta essere molto partecipato anche da molti italiani.  

Poi, la chiusura per tutta la stagione invernale, mentre in primavera vengono avviate le operazioni di sgombero dello spesso strato di coltre nevosa che ricopre la strada.

Sul versante italiano, i lavori sono di competenza della Provincia di Cuneo. Quest’anno sono stati avviati a fine maggio. I mezzi e gli operai della V.A. di Pontechianale, su mandato dell’Amministrazione provinciale, hanno iniziato a liberare la strada dalla neve, raggiungendo ieri la vetta del Colle.

L’apertura ufficiale al traffico, che ogni estate richiama sul valico centinaia di motociclisti e ciclisti è prevista per il 7 giugno.

Nicolò Bertola

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium