Solidarietà - 04 giugno 2019, 16:59

Sport, musica e sicurezza sulla strada: si conclude l'edizione del Life 2.0 di Verzuolo

Per l'occasione è stata inviata la medaglia di rappresentanza della Presidenza del Senato della Repubblica arrivata al presidente di Segnal'etica Giacomo Mana per l'organizzazione dell'evento dedicato alla sicurezza stradale

Foto di Michela Gullino

Foto di Michela Gullino

Si è conclusa domenica 2 giugno una nuova edizione del Life 2.0. Tre giorni di sport e iniziative volte al coinvolgimento dei giovani sul tema della sicurezza stradale.

Il Life for Flying ha avuto origine nel 2003 in seguito alla scomparsa sulla strada di due ragazzi verzuolesi diciassettenni, Fabrizio e Mattia. 

Attraverso lo sport di cui erano appassionati questi ragazzi: ping pong, pallavolo, calcio balilla e corsa podistica si è creata l’occasione di incontrare altri giovani del saluzzese e creare momenti di gioco e riflessione.

"Abbiamo cercato di far divertire e divertirci attraverso lo sport"
- spiegano gli organizzatori - "la musica e i giochi ma allo stesso tempo di sensibilizzare e far riflettere sul vero senso del Life. Abbiamo riproposto il librone, due grossi pannelli di legno foderati con della stoffa e tenuti assieme da delle cerniere, con sopra le foto di chi purtroppo non vi è più perché vittima della strada per non dimenticare mai ciò per cui quest’evento è nato, abbiamo capito che “Ceci n’est pas conduire” se in una mano abbiamo il volante e dall’altra il cellulare, abbiamo coinvolto l’Univoc (volontari per i non vedenti) per calarci nei panni di un non vedente e capire le emozioni che si possono provare con gli altri quattro sensi, abbiamo coinvolto Saluzzo Migrante, per comprendere cosa si prova ad arrivare in un Paese straniero senza nessun rifermento, solo e non voluto, abbiamo raccolto le offerte durante la messa per poter continuare ad adottare a distanza Sirin, una bambina siriana che ha avuto la sfortuna di nascere in un Paese meraviglioso ma nel momento sbagliato."

"Il merito di tutto ciò ovviamente non è solo nostro" - continuano gli organizzatori - "In primis vanno ringraziate le associazioni e la Proloco di Verzuolo che, come ogni anno nell’ombra e nel silenzio, ha lavorato tre giorni gestendo il bar, aiutandoci a distribuire l’acqua e le merende e rendendosi disponibile per tutto ciò che fosse necessario. Ringraziamo tutti gli sponsor e tutti coloro che, in un modo o nell’altro, hanno dato una grossa mano al Life. Non sembra ma sono veramente tanti. Infine, ma non per questo meno importanti, ringraziamo le amministrazioni comunali di Verzuolo e di Saluzzo e tutti i loro funzionari che, nonostante le numerose problematiche che sono tenute ad affrontare ogni giorno, si sono sempre rese disponibili. L’ondata di magliette verdi per Verzuolo è terminata ma questo non vuol dire nulla, lo spirito Life a Verzuolo e nel saluzzese è presente tutto l’anno."

Per l'occasione è stata inviata la medaglia di rappresentanza della Presidenza del Senato della Repubblica arrivata al presidente di Segnal'etica Giacomo Mana per l'organizzazione dell'evento dedicato alla sicurezza stradale. 

 

 

Daniele Caponnetto

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

SU