/ Cronaca

Cronaca | 22 agosto 2019, 11:46

Barge, Bagnolo e Cardè flagellate dal maltempo: superati i 10 centimetri d’acqua, il torrente Ghiandone salito di 4 metri in 8 ore (FOTO e VIDEO)

Chiusa la Provinciale 589, la Saluzzo-Pinerolo. Innumerevoli gli interventi di Vigili del fuoco, Protezione civile, Carabinieri e squadre comunali e provinciali. L’acqua arrivata alle finestre delle case. A Barge crolla il ponte di via Assarti, chiusa al traffico. A Bagnolo circolazione interrotta in via Termine. Ancora una volta ricomincia la conta dei danni

Le immagini che giungono da Barge e Bagnolo Piemonte

Le immagini che giungono da Barge e Bagnolo Piemonte

La Valle Infernotto e parte della pianura Saluzzese – in particolare Barge, Bagnolo, Envie e Cardè – si ritrovano nuovamente flagellate dal maltempo.

Il temporale che si è abbattuto sul territorio questa mattina, alle prime luci dell’alba, ha portato con sé smottamenti, allagamenti ed esondazioni di corsi d’acqua. In alcuni casi, l’acqua è arrivata a lambire le finestre delle abitazioni, poste a pian terreno, sfiorando in alcune località il metro di altezza.

Non si contano, al momento, gli interventi di Vigili del fuoco, Carabinieri, squadre di Protezione civile e operai.

Operano su più fronti le squadre dei pompieri di Barge, Saluzzo, Racconigi, Cuneo, e Torino. In azione anche i nuclei SAF (Speleo, alpino, fluviale) i sommozzatori e l’elicottero Drago 55, che ha sorvolato a lungo la zona colpita dal nubifragio, e che ora staziona presso il distaccamento di Saluzzo, pronto a intervenire in caso di necessità.

Tante le richieste di intervento per via di scantinati e autorimesse allagate.

La strada provinciale 589, “dei laghi di Avigliana” è attualmente interrotta nel tratto tra Crocera di Barge e Saluzzo, a causa del pericoloso innalzamento del livello del torrente Ghiandone, che ad ogni piena presenta criticità, esondando proprio all’altezza del ponte sul quale corre la Provinciale.

Interrotta, per il medesimo motivo, anche la strada comunale che collega Revello (da località Staffarda), Envie e Barge.

Il Ghiandone, che alle 3 di questa notte registrava un livello di 0,25 metri, alle 11 si è attestato a quota 4,29 metri. Il livello idrometrico, salito di oltre 4 metri nel giro di 8 ore, ha superato la soglia di pericolo.

Interrotta, a Barge, anche via Assarti, all'altezza del civico 15: qui la furia di un rio minore ha portato al cedimento ed al crollo di un ponte, poco a valle dell’incrocio con via Colombaro.

A Bagnolo Piemonte, invece, chiusa via Termine: “Su tutto il territorio comunale – spiega il sindaco Fabio Bruno Francoregistriamo dissesti idrogeologici dovuti ai forti temporali di elevata intensità che dalle prime ore del mattino si sono abbattuti sul Bagnolo.

Nel dettaglio abbiamo strade allagate, detriti riversati sulle strade, corsi d'acqua esondati e cittadini allagati ed alcune zone isolate. Sul territorio stanno operando le squadre di soccorso, insieme agli operai comunali”.

Aperta, a Barge, la sala operativa comunale (criticità possono essere segnalate allo 0175.347610), mentre la Protezione civile di Bagnolo Piemonte – che sta intervenendo con pompe idrovore in seguito ad alcuni allagamenti – raccoglie segnalazioni al numero 331.8607737.

Sulla Valle Infernotto, nelle ultime 6 ore, sono caduti 102 millimetri di pioggia, vale a dire più di 10 centimetri d’acqua. Ancora una volta, il territorio deve fare i conti con elevatissime quantità d’acqua, in un lasso di tempo troppo ristretto.

Segnalazioni anche di numerosi blac-out elettrici, mentre all'ITT di San Martino di Barge, dopo l'allagamento di questa mattina, è ripresa la produzione, che deve però fare i conti con le interruzioni di corrente elettrica.

Nicolò Bertola

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium