/ Attualità

Attualità | 16 settembre 2019, 13:41

A Bra taglio del nastro per il "Dado della Pace" e per la nuova area gioco inclusiva in piazza Roma

Stamattina lunedì 16 settembre. Presenti il sindaco Gianni Fogliato, l’amministratore delegato della ditta Baratti & Milano Guido Repetto e Carlos Palma, coordinatore internazionale del progetto “Living Peace”

A Bra taglio del nastro per il "Dado della Pace" e per la nuova area gioco inclusiva in piazza Roma

Tanti sorrisi e allegria nella mattina di lunedì 16 settembre a Bra dove, nei giardini di piazza Roma, sono stati inaugurati la nuova area gioco inclusiva e l’istallazione del “Dado della Pace”, sviluppato nell’ambito del progetto internazionale “Living Peace”.

Presenti all’inaugurazione del giardino, realizzato con il contributo di 50mila euro della ditta Baratti & Milano, il sindaco Gianni Fogliato ed una rappresentanza dell’Amministrazione comunale.

Un progetto che parte da lontano, con la Giunta Sibille. “Sono giochi nuovi che permetteranno a tutti i bambini di giocare e di diventare grandi”, ha detto il primo cittadino, aggiungendo: “Questo non è il primo giardino che la Baratti & Milano ci permette di realizzare. Sono tantissimi. Come sindaco che rappresento tutti voi, dico un grosso grazie. Le aree verdi e gioco sono un investimento importante per la città. Significano gioco, socializzazione, supporto alla genitorialità e sicurezza”. Immancabile la presenza dell’amministratore delegato della Baratti & Milano Guido Repetto e di Carlos Palma, coordinatore internazionale del progetto “Living Peace” e ideatore del percorso di educazione alla pace attraverso lo strumento del dado.

L’area giochi inclusivo e sensoriale è stata creata nella parte dei giardini lato via Audisio, dopo un intervento di riqualificazione. Finita la cerimonia i bambini delle scuole intervenuti hanno dato vita ad un inedito taglio del nastro, impadronendosi gioiosamente della struttura.

L’area gioco si è arricchita di attrazioni utilizzabili da parte di tutti i bambini fino ai 5 anni, installati su una pavimentazione antitrauma. I giovanissimi fruitori potranno giocare, socializzare e divertirsi in sicurezza su una doppia altalena, un castello-giostra polivalente ed un divertente interfono fiorito. A cui si aggiungono sedute, arredi urbani e passatempi nei pressi della pensilina della fermata bus, anch’essa dai colori sgargianti pensati con gli occhi dei bambini. Una veste nuova per rendere decisamente più simpatica l’attesa.

Inoltre, grazie al nuovo impianto di illuminazione, il divertimento sarà garantito anche nelle ore notturne. In questo regno dedicato alla spensieratezza ha trovato la sua collocazione il “Dado della Pace”, frutto del sapiente lavoro del maestro artigiano Antonio Gotta e di Marco Bergesio.

Il Dado è stato il protagonista di un progetto biennale di cittadinanza attiva su cui gli studenti e gli insegnanti hanno lavorato per elaborare i temi della pace, della condivisione, della collaborazione, secondo quanto imparato al corso di formazione “Living Peace”, organizzato dalla Scuola di Pace. Ogni faccia del cubo riporta un disegno di Walter Kostner, corrispondente alle frasi proposte da Chiara Lubich, ispiratrice del progetto internazionale. La nuova area va ad aggiungersi a quella situata all’interno del parco “Azzurri d’Italia” di viale Madonna Fiori. Con questi spazi dedicati all’inclusione è stato salvaguardato così un diritto basilare di tutti i bambini: giocare, divertirsi e socializzare senza barriere.

Silvia Gullino

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium