/ Attualità

Attualità | 01 ottobre 2019, 10:02

Ultimi giorni di passione sulle strade di Cherasco: vicini alla chiusura due cantieri causa di code e disagi

Attesa per oggi, martedì 1° ottobre l’ultimazione degli scavi per la posa della fibra ottica in frazione Roreto. Entro venerdì, a un mese dal crollo, il ripristino del doppio senso di circolazione sulla Provinciale 661

Tra la serata di giovedì e la mattina di venerdì è prevista la completa riapertura della Provinciale 661

Tra la serata di giovedì e la mattina di venerdì è prevista la completa riapertura della Provinciale 661

Ultimi giorni di passione – si spera – per gli automobilisti quotidianamente costretti a fare i conti con la viabilità cheraschese, alle prese con due importanti cantieri.

Ancora questa mattina, martedì 1° ottobre, lunghe code venivano segnalate  a carico della viabilità di tutta la zona compresa tra il centro abitato del capoluogo e la frazione di Roreto.

Il maggiore punto di criticità è quello di via Savigliano, a Roreto, dove questa mattina, martedì 1° ottobre, dovrebbero finalmente terminare i lavori per la posa della fibra ottica: un cantiere che negli ultimi giorni ha messo a dura prova la circolazione su questo congestionato passaggio, uno dei più critici dell’intera viabilità provinciale, e dove ancora ieri il sindaco cheraschese Carlo Davico ha disposto l’intervento della Polizia Municipale per la regolazione del traffico tramite senso unico alternato.     

Un altro fronte critico, anche questo in via di risoluzione, è quello riguardante il tratto della Provinciale 661 ai piedi del capoluogo parzialmente franato durante il nubifragio dello scorso 5 settembre.
Qui ormai da alcuni giorni sono partiti ormai i lavori per il ripristino della carreggiata, intervento che richiede il mantenimento del senso unico alternato regolato da semaforo istituito all’indomani dello smottamento, insieme al divieto di percorrenza da parte dei mezzi superiori alle 7,5 tonnellate di peso.

Salvo contrattempi, tali restrizioni dovrebbero comunque poter diventare un ricordo a partire dalla prossima settimana. Tra la serata di giovedì 3 e il giorno successivo, venerdì 4, a un mese dal crollo, la strada dovrebbe essere finalmente riaperta su entrambe le corsie.

L’intervento – lo ricordiamo – è in corso di realizzazione da parte di Tecnoedil, proprietaria della condotta fognaria la cui rottura causò il profondo smottamento, sotto la supervisione della Provincia, proprietaria della strada. Ormai terminata la sponda, ricostruita tramite la posa di massi, oggi gli operai impegnati sul posto lavoreranno sulla fognatura e domani sulla condotta del gas, mentre per giovedì è prevista la posa del nuovo asfalto.

Sul rispetto delle restrizioni in vigore sul posto vigilano gli agenti della Polizia Municipale cheraschese, insieme alla Polizia Stradale, impegnata anche nella regolazione del traffico soprattutto nelle ore di punta del metà pomeriggio, dalle 16 alle 17, quando questo si fa più intenso per l’uscita degli operai da alcuni vicini stabilimenti.

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium