/ Attualità

Attualità | 29 ottobre 2019, 11:32

A Bra arrivano i giapponesi e sono elogi per la mensa “Pellizzari” di via Montegrappa (FOTO)

Questa mattina un gruppo di studenti del Sol Levante ha visitato la struttura nell'ambito di un progetto promosso dal Ministero per l’Educazione di Tokyo. Il sindaco Gianni Fogliato: “La nostra refezione comunale è modello virtuoso e apprezzato ovunque”

Alcuni momenti della visita tenutasi questa mattina presso la mensa scolastica braidese

Alcuni momenti della visita tenutasi questa mattina presso la mensa scolastica braidese

Sostenibilità, qualità e filiera corta. La mensa “Pellizzari” di Bra fa scuola nel mondo. Nella mattinata di martedì 29 ottobre, il sindaco Gianni Fogliato ha accolto, insieme al vicesindaco Biagio Conterno, all’assessore Anna Brizio e al personale comunale in servizio in via Montegrappa, un gruppo di studenti giapponesi della Hyogo Prefectural Itami High School. Tema dell’incontro, la conoscenza approfondita del sistema di refezione scolastica braidese che il primo cittadino ha definito “un modello virtuoso e apprezzato ovunque”.

Durante la visita, organizzata dalla GEN Genuine Education Network (società costituita da ex studenti dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo con lo scopo di promuovere attività formative sull’alimentazione e di creare collaborazioni e scambio di buone pratiche, in campo agroalimentare ed educativo), il cuoco Antonio Petti ha illustrato le modalità di preparazione dei pasti a partire dalla definizione dei menù, all’approvvigionamento delle materie prime, alla preparazione dei piatti, fino allo smaltimento dei rifiuti e all’utilizzo della compostiera.

Il sistema di refezione braidese, con l’adozione in cucina di criteri biologici, di sistemi ecologici nella separazione dei rifiuti, di ricerca della stagionalità e della qualità dei cibi, di metodi per il trasporto a corto raggio, che garantiscono la freschezza degli alimenti e minore impatto ambientale, è visto in Giappone come un esempio di sviluppo sostenibile da studiare e da assimilare.

Grande interesse hanno suscitato sia i numeri, una media di 1.700 pasti giornalieri, sia la sostenibilità ambientale, economica e sociale di tutto il sistema mensa. Un servizio a 360° basato su uno standard organizzativo che combina l’educazione alimentare dei bambini con l’attenzione alla qualità e alla sicurezza alimentare con prodotti a km zero.

Il fatto che gli scolari siano veramente in ottime mani, lo dimostra il fatto che la refezione è allargata anche a dipendenti comunali, società sportive, alle Forze dell’Ordine ed offerta a ospiti anziani in difficoltà, per un concreto esempio di generosità.

Per i visitatori provenienti dal Sol Levante c’è stata la possibilità di entrare nelle cucine, di osservare gli ambienti dove i cibi vengono preparati e di vedere all’opera lo staff di lavoro dello chef Antonio Petti, composto da Assuntina Baglivi, Vanessa Barban, Giusi Cempoli e Loredana Leydouano.

La visita alla mensa comunale cittadina, promossa dal Ministero per l’Educazione giapponese, è stata una delle tappe del viaggio didattico degli allievi giapponesi, che prevedeva diversi approfondimenti tematici sul cibo e sulla refezione collettiva.

E dopo la teoria, è arrivata l’ora della pratica con un menù a base di pasta al sugo, salsiccia di Bra, carote e frutta fresca.

Acquolina in bocca?

Silvia Gullino

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium