/ Cronaca

Cronaca | 30 ottobre 2019, 15:48

All’opera nell’Albese una banda dedita alla "truffa dell’asfalto inglese": Polizia Locale di Guarene mette in guardia

Offrono lavori di bitumatura a prezzi fuori mercato, ma dietro c’è l’inghippo. La Municipale del centro roerino ha identificato quattro soggetti di nazionalità polacca sospettati di mettere in pratica un raggiro già segnalato in diverse regioni italiane: "Per procedere serve la querela di parte, eventuali vittime ci contattino"

Foto di repertorio

Foto di repertorio

La Polizia Locale della Convenzione Guarene, Alba e Castagnito ha proceduto all’identificazione di quattro cittadini di nazionalità polacca che, da riscontri e analogie, risultano sospettati di far parte di una banda dedita alla cosiddetta “truffa dell’asfalto inglese”, raggiro ormai ben noto alle cronache locali di diverse regioni italiane e già perpetrato anche nella stessa zona di Guarene, dove un episodio simile venne segnalato un paio di anni addietro.

Il riferimento – come fa sapere la stessa Polizia locale in una nota appena diffusa – è a un tipo di truffa diffusasi negli ultimi anni a opera di malavitosi stranieri detti 'travellers’, dal nome con cui verrebbero identificati i nomadi irlandesi. Di origine anglosassone – in questo caso un inglese, a capo di una società regolarmente registrata in Piemonte – sarebbero infatti i titolari delle fittizie aziende che, tramite una manovalanza proveniente normalmente dall’Est Europa, si propongono a privati per effettuare lavori di bitumatura offerti a condizioni fuori mercato, ma dietro ai quali si celerebbero veri e propri raggiri, quando non episodi di intimidazioni e minacce.

"In sostanza – si spiega – un soggetto molto distinto che parla italiano con forte accento inglese si propone di eseguire lavori di asfaltatura a privati quali piccoli imprenditori, artigiani, società con capannoni purché abbiano un piazzale di proprietà da asfaltare a prezzi vantaggiosi e di gran lunga inferiori a quelli di mercato, dicendo di avere del bitume avanzato da altri interventi, spesso, per essere più credibile, riferendo sempre falsamente di lavori eseguiti per conto di Comuni o altri enti pubblici. La vittima, una volta accettata la proposta, ottiene lavori svolti velocemente e con materiale di scarsissima qualità, che già il giorno dopo iniziano a sbriciolarsi. Spesso i metri coperti non coincidono con quelli dichiarati e pagati alla banda, che intanto si è resa però irreperibile. Per essere più credibili in alcuni casi rilasciano anche una ricevuta di pagamento con dati societari e recapiti che dovrebbero anticipare la fattura elettronica".

La parte della banda identificata dagli agenti della Polizia guarenese e presumibilmente operante nell’Albese circola sia a bordo di camion – attrezzati con spartani attrezzi da lavoro –, sia su auto e furgoni, utilizzati per promuovere la vendita e trasportare il team di operai; tutti i veicoli noti ai poliziotti locali hanno targhe inglesi (gialle).

La Municipale consiglia ai privati della zona di segnalare al Comando roerino eventuali lavori fatti eseguire da queste persone (il reato di truffa è infatti perseguibile solo dietro querela di parte, ma al momento non risultano denunce), oltreché naturalmente di diffidare di questo tipo di prestazioni a basso costo e di richiedere subito l’intervento delle forze di polizia tramite il numero d’emergenza unico 112 in caso di eventuali contatti.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium