/ Attualità

Attualità | 31 ottobre 2019, 20:37

La "Nocciola d'Oro delle Langhe" va allo chef Enrico Crippa (VIDEO)

In piazza Risorgimento, presso il Salotto dei gusti e profumi, la consegna del premio allo stellato brianzolo adottato dalle Langhe. Nell'occasione, celebrato anche il recente riconoscimento della menzione geografica "Nocciola Piemonte IGP delle Langhe"

La consegna della Nocciola d'Oro delle Langhe" 2019 a Enrico Crippa. Da sinistra, Emanuele Bolla, Liliana Allena, Alberto Cirio, Enrico Crippa, Flavio Borgna, Elisabetta Grasso e Roberto Bodrito

La consegna della Nocciola d'Oro delle Langhe" 2019 a Enrico Crippa. Da sinistra, Emanuele Bolla, Liliana Allena, Alberto Cirio, Enrico Crippa, Flavio Borgna, Elisabetta Grasso e Roberto Bodrito

Uno spazio speciale, in piazza Risorgimento, ad Alba, tra Duomo e Palazzo del Comune, per conoscere e gustare le più pregiate eccellenze agroalimentari piemontesi: è il Salotto dei gusti e profumi, elegante padiglione che nel pomeriggio di oggi, giovedì 31 ottobre, è stato teatro dell'evento dedicato alla "Nocciola Piemonte IGP delle Langhe", oggetto del recente riconoscimento arrivato con la menzione geografica a seguito della battaglia burocratica partita con il ricorso al TAR del Lazio, tramite l'iniziativa del Consorzio Tutela Nocciola Piemonte.

Così Flavio Borgna, presidente dell’Ente Fiera della Nocciola: "In questa occasione di festa mi preme ricordare la battaglia condotta per difendere la denominazione “Langhe”. Ringrazio tutti i sindaci, tutte le organizzazioni sindacali agricole, l'Alta Langa Azienda Agricola, l'Associazione Regina Nocciola e il Consorzio di Tutela della Nocciola Piemonte, che insieme al nostro Ente avevano sottoscritto il ricorso presentato al Tar del Lazio, poi vinto, evitando che in tutto il mondo, per le piante di nocciola, si potesse fare un uso indiscriminato del nome “Langhe”. Tale vittoria ha costituito il presupposto per il percorso intrapreso dal Consorzio di Tutela dapprima presso il Ministero delle Politiche Agricole e poi presso la Comunità Europea, grazie al quale oggi il nome “Langhe” è tutelato e potrà essere indicato in etichetta solo da coloro che operano in una precisa area geografica: quella delle nostre colline. Un successo per il quale dobbiamo certamente un ringraziamento speciale all'allora europarlamentare e oggi presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio".

"Cento sindaci del nostro territorio hanno fatto qualcosa di straordinario, licenziando una delibera per procedere con un'impugnativa al TAR del Lazio contro il Ministero dell'Agricoltura, per sanare una situazione paradossale... Non era affatto semplice, ma grazie al supporto dell'avvocato Roberto Ponzio e del professor Vittorio Barosio e della sua collaboratrice, l'avvocato Serena Dentico, che hanno dato forma alla questione sollevata, per primi, da Terenzio Ravotto e dalla dottoressa Ponchione, finalmente alla nostra Tonda gentile delle Langhe è riconosciuto il giusto valore", ha dichiarato il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, che da europarlamentare si era battuto, al riguardo, tra Strasburgo e Bruxelles, per la menzione geografica di origine alla Nocciola Piemonte IGP delle Langhe.

"Le colline dell’Alta Langa sono le più autentiche del territorio e quelle che più si prestano a vivere esperienze di vita locale, alla scoperta dei prodotti e delle tradizioni - è il commento di Elisabetta Grasso, direttore del Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero, organizzatore dell’evento -. La Nocciola rappresenta il frutto simbolo, ha caratteristiche superiori a tutte le altre nocciole diffuse nel mondo della trasformazione e quindi il nostro impegno quotidiano è quello di presentarla come ingrediente d’eccellenza – e questo allestimento ne è un esempio - con il messaggio che le nostre piccole produzioni sono solo per le migliori pasticcerie, gelaterie e ristoranti di qualità. Questo importante evento rappresenta un’imperdibile occasione per proporre la Nocciola e il suo territorio alla prestigiosa e internazionale clientela della Fiera del Tartufo con attività di approfondimento e strumenti moderni e innovativi di comunicazione: dall’Albero degli Aromi ai giochi, agli aspetti salutistici, tanti spunti curiosi per raccontare la Nocciola e le sue qualità in modo efficace e coinvolgente fino alle visite alle piccole aziende di trasformazione, ai pranzi e alle cene narrate che diventano vere esperienze emozionali, capaci di accrescerne ulteriormente il valore percepito e la sua riconoscibilità tra le eccellenze del territorio".

Il supporto dell’Unione Montana Alta Langa, della Regione Piemonte, della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, dell’ATL Langhe Monferrato Roero, del Consorzio Prodotti Tipici Langhe Monferrato Roero, dell’Associazione Commercianti Albesi e di Alta Langa Azienda Agricola, testimoniano l’ampia condivisione dell’iniziativa, che ha portato in dote gli interventi del presidente dell'Unione Montana Alta Langa Roberto Bodrito, della presidente dell'Ente Fiera internazionale del Tartufo Bianco d'Alba Liliana Allena, del vicesindaco di Alba Emanuele Bolla, del vicepresidente del consorzio Alta Langa DOCG Giovanni Carlo Bussi e del presidente del consorzio Nocciola Piemonte IGP Sergio Lasagna, che ha ricordato come ci siano ancora problemi da risolvere, parlando di nocciola, legati al proliferare di ungulati, all'invasione della cimice asiatica e al cambiamento climatico.

Nell'occasione, menzione speciale anche per la consegna della "Nocciola d'Oro delle Langhe", riconoscimento tributato quest'anno allo chef brianzolo Enrico Crippa - tre stelle Michelin con il suo "Piazza Duomo", fortemente voluto dal produttore vinicolo Bruno Ceretto, che ha  dispensato consigli invitando sì a produrre nocciole, ma anche a lavorarle e trasformarle sul territorio, perché il comparto possa compiere un percorso analogo a quello del Barolo -, per la sua valorizzazione ad altissimo livello di questo straordinario prodotto, proposto come gioiello dell'alta cucina.
"Con rigore e dedizione, passione e creatività, è un eccellente interprete e ambasciatore nel mondo di questo prodotto delle nostre colline", si legge nelle motivazioni proposte dall'Ente Fiera della Nocciola e prodotti tipici dell'Alta Langa, in accordo con l'Unione Montana Alta Langa, il Consorzio Turistico Langhe, Monferrato e Roero, l’Associazione Commercianti Albesi, l'Ente Turismo Langhe Monferrato Roero e l'Ente Fiera internazionale del Tartufo Bianco d'Alba.

"Sono orgoglioso di essere arrivato qua... ci sono volte in cui quasi non mi manca più la mia Brianza. Sono stato veramente fortunato a incontrare la famiglia Ceretto e di poter lavorare in un territorio così grandioso dal punto di vista delle materie prime - ha affermato lo chef Enrico Crippa -. Lavoro con persone che vengono qui per il cibo e per il vino, che quando sono qui sono felici e non stressate: la nostra è una clientela sorridente. Dobbiamo continuare con questo spirito".
Aggiunge ancora Crippa: "Le nuove generazioni, nelle cantine, parlano inglese: le visite sono diventate professionali. La strada è quella giusta e gli sforzi degli attori del territorio sono ben mirati e ragionati. Praticamente non c'è più la 'stagione'... forse gennaio è un po' più tranquillo, ma si lavora benissimo tutto l'anno".
Chiude infine lo chef: "Sono molto affezionato alla nocciola, che uso sia sui dolci che sui piatti salati. Proprio oggi stavamo mettendo a punto un agnello sambucano impanato con le nocciole, con una salsa di nocciole e pepe per una Gran Maison di Champagne francese che farò assaggiare loro tra due settimane".

L’evento è stato dunque l’occasione per presentare, in anteprima, con la partecipazione dello chef Damiano Nigro, l’iniziativa “La Nocciola in tavola e il suo incontro con il Tartufo Bianco d’Alba”, in programma il 2 dicembre a Benevello, che, in collaborazione con l’Ente Fiera del Tartufo, chiuderà in dolcezza in Alta Langa l’89a Fiera.

Dopo gli eventi di oggi, apertura straordinaria anche domani, venerdì 1° novembre, con l'obiettivo di valorizzare e consentire un approfondimento della conoscenza della Nocciola Piemonte IGP, al pari del territorio dell'Alta Langa, in abbinamento al Moscato d'Asti DOCG.

Quindi, si torna al calendario dei weekend: archiviato l'appuntamento con i formaggi targato ONAF dello scorso fine settimana, venerdì 1, sabato 2 e domenica 3 novembre - nel consueto orario dalle ore 10 alle ore 19.30, valido per tutti i weekend - sarà la volta delle degustazioni guidate di "Nocciola Piemonte IGP Alta Langa. La più buona del mondo", in collaborazione con l'Ente Fiera della Nocciola e i prodotti tipici dell'Alta Langa.
L’Ente Fiera della Nocciola e Prodotti Tipici dell’Alta Langa, in collaborazione con l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba e il supporto organizzativo del Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero, propongono così la nona edizione dell’iniziativa: per tre giorni, dall’1 al 3 novembre, il suggestivo spazio espositivo si vestirà di eleganza e riproporrà l’atmosfera di una raffinata pasticceria, tra aromi dalle note floreali, fruttate, vegetali, tostate e speziate.
I visitatori, che si preannunciano numerosi, in un ponte autunnale che vede le Langhe come destinazione molto richiesta, avranno la possibilità di vivere momenti di narrazione e animazione tra degustazioni guidate, giochi sensoriali, seminari formativi-interattivi, folklore, proverbi, aneddoti e musiche tradizionali per evocare i sapori e l’atmosfera conviviale dell’Alta Langa.
La Confraternita della Nocciola collaborerà all’evento con il gioco pensato per aiutare il pubblico a riconoscere la Nocciola Piemonte I.G.P. tra le varietà più utilizzate nella trasformazione dolciaria; gli studenti dell’istituto Piera Cillario Ferrero di Cortemilia contribuiranno alla proposta dei seminari; l’Enoteca di Mango permetterà l’abbinamento alla dolcezza del Moscato; il Consorzio Tutela Nocciola Piemonte racconterà i futuri sviluppi per l’ulteriore valorizzazione della Nocciola Piemonte I.G.P. “delle Langhe”.

Quindi, sabato 9 e domenica 10 novembre, "Il cioccolato degli artigiani pasticceri della provincia di Cuneo e le pregiate grappe piemontesi", in collaborazione con la Confartigianato Imprese Cuneo e l'Istituto Grappa Piemonte.

Sabato 16 e domenica 17 novembre, "Campagna Amica Day", a cura di Coldiretti Cuneo, chiudendo infine sabato 23 e domenica 24 novembre con "Panettoni sotto le torri", laboratori di realizzazione del panettone artigianale a cura dei Maestri Pasticceri Lievitisti.

Pietro Ramunno

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium