/ Attualità

Attualità | 28 novembre 2019, 18:25

Si tratta al Ministero per salvare 452 dipendenti Mahle, sospesa momentaneamente la procedura di licenziamento: la trattativa si allunga di 30 giorni

A coordinare i lavori il vice capo di Gabinetto Giorgio Sorial con il sottosegretario del Mise Alessandra Todde. Una delegazione di circa 200 dipendenti (circa 100 da Saluzzo e 100 da La Loggia) è partita questa notte con due pullman alla volta della capitale. Dalle 14 circa i lavoratori hanno presidiato davanti agli uffici del dicastero con sede in via Veneto. Presente, insieme ai lavoratori, anche il vicesindaco di Saluzzo Franco Demaria

L'incontro al Mise di Roma sulla vertenza Mahle

L'incontro al Mise di Roma sulla vertenza Mahle

E terminato poco fa l’incontro al Mise di Roma sulla vertenza Mahle. Il colosso tedesco ha annunciato lo scorso 23 novembre la chiusura dei due stabilimenti italiani di Saluzzo e La Loggia. L’indomani l’azienda aveva aperto la procedura di licenziamento collettivo per 452 dipendenti (209 a Saluzzo, 243 a La Loggia), stabilimenti che producono pistoni per vetture diesel.

Presenti all’incontro le segreterie nazionali e locali di Fiom, Fim e Fismic oltre alle delegazioni sindacali di stabilimento. A coordinare i lavori il vice capo di Gabinetto Giorgio Sorial con il sottosegretario del Mise Alessandra Todde. Una delegazione di circa 200 dipendenti (circa 100 da Saluzzo e 100 da La Loggia) è partita questa notte con due pullman alla volta della capitale. Dalle 14 circa i lavoratori hanno presidiato davanti agli uffici del dicastero con sede in via Veneto. Presente, insieme ai lavoratori, anche il vicesindaco di Saluzzo Franco Demaria. Presenti l’onorevole Chiara Gribaudo e rappresentanti della Regione.

Al tavolo c’era anche l’azienda che non ha fatto dietro front inizialmente rispetto alla scelta iniziale. Dopo una sospensiva e una call con i vertici tedeschi della Mahle, si è arrivati alla decisione di sospendere per 30 giorni la procedura di mobilità. La trattativa quindi ha adesso maggior respiro. I sindacati chiedono dall’inizio il ritiro della procedura di licenziamento per poter avere un margine di trattativa.

Ricordiamo che il 5 dicembre si sarebbero chiusi i 45 giorni di fase sindacale. La trattativa sarebbe stata aperta ancora per 30 giorni, dove la palla sarebbe poi passata all’assessorato al Lavoro della Regione Piemonte. Con una risoluzione da trovare entro l’Epifania. Dopo l’incontro al ministero il margine di trattativa si amplia. C’è tempo fino a inizio febbraio. Il 7 dicembre verrà presentato un verbale in cui l'azienda sospende i licenziamenti.

“Non abbiamo disinnescato la bomba”
– commenta Maurizio La Spina della Fismic Cuneo, ma abbiamo allungato la miccia. Ci saranno altre tematiche da trattare nei prossimi giorni. Come ad esempio come garantire un futuro agli stabilimenti piemontesi facendo in modo che nessuno perda il posto di lavoro.”

“Un mese in più di dialogo e dibattito. Siamo alla non sufficienza, ma ci dà un mese in più per trattare con Mahle.” – ha dichiarato davanti alla sede romana del Mise Davide Mollo segretario Fiom Cuneo – “Oggi abbiamo un mese in più di vita. Un applauso a voi che siete qui oggi”.

Lunedì l’esito dell’incontro verrà riferito in assemblea.

 

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium