/ Eventi

Eventi | 25 gennaio 2020, 09:34

"Pronti ad agire, insieme possiamo": presentato, ad Alba, il ciclo di conferenze rotariane per la primavera 2020

Il Rotary Club Alba, in collaborazione con la Banca d’Alba, propone 4 conferenze tenute da valenti esperti e scrittori, del calibro di Gianluigi Vittorio Castelli, Alberto Balestrazzi, Dunia Astrologo, Andrea Surbone, Pietro Terna e Carlo Piano

Da sinistra, Paolo Taricco (responsabile Relazioni esterne di Banca d'Alba) insieme ai rappresentanti del Rotary Club di Alba Cesare Girello, Piera Arata, Ezio Porro e Alessandro Pelisseri

Da sinistra, Paolo Taricco (responsabile Relazioni esterne di Banca d'Alba) insieme ai rappresentanti del Rotary Club di Alba Cesare Girello, Piera Arata, Ezio Porro e Alessandro Pelisseri

Nell’ambito delle attività di approfondimento di tematiche professionali e di divulgazione culturale, secondo lo spirito di servizio che lo contraddistingue, il Rotary Club Alba, in collaborazione con la Banca d’Alba, propone un nuovo ciclo di incontri di “Pronti ad agire, insieme possiamo”, che si svolgeranno nella primavera 2020, da febbraio a maggio. Le quattro conferenze, che si svolgeranno di martedì, alle ore 18, presso la Sala convegni della Banca d’Alba, in Alba, via Cavour 4, saranno tenute da valenti esperti e scrittori, del calibro di Gianluigi Vittorio Castelli, Alberto Balestrazzi, Dunia Astrologo, Andrea Surbone, Pietro Terna e Carlo Piano. Verrà affrontata un’ampia rosa di temi: dalla mobilità e le infrastrutture all’autismo, dall’intelligenza artificiale e l’occupazione alla ricerca della bellezza.
 
La prima conferenza, martedì 11 febbraio, dal titolo “Mobilità e infrastrutture (im)materiali per il Paese”, vedrà la partecipazione del professor Gianluigi Vittorio Castelli, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., dell’Union Internationale des Chemins de Fer (UIC) e Direttore del DEVO Lab (Digital Enterprise Value and Organisation Laboratory) della SDA Bocconi School of Management. Laureato in Fisica a indirizzo cibernetico, ha alternato l’attività accademica a quella professionale come esperto di innovazione e digital transformation, ricoprendo ruoli manageriali in vari settori industriali quali automotive, telecomunicazioni e dell'energia. Il suo intervento verterà sulla metamorfosi della mobilità: da un lato, emergono nuovi servizi basati su piattaforme digitali, che abbattono i costi per l’utente finale e possono abilitare le soluzioni intermodali di mobilità; dall’altro lato, siamo agli albori di nuovi mezzi di trasporto più efficienti, veloci, confortevoli e sostenibili, sempre più interconnessi con le infrastrutture e l’ambiente circostante.
 
Il secondo incontro, martedì 10 marzo, avrà come protagonista Alberto Balestrazzi, amministratore delegato di Auticon ITALIA, che spiegherà al pubblico il motto dell’azienda: “L’Autismo non è un errore di sistema, è un nuovo sistema operativo”. Auticon è infatti una società internazionale di servizi che sceglie solo collaboratori nello spettro dell’autismo, in quanto dotati di capacità cognitive particolarmente sviluppate e specialmente adatte agli ambiti scientifici e tecnologici, oltre all’attenzione ai dettagli e agli errori. L’approccio innovativo è quello di aver adottato uno specifico modello inclusivo, dove è quindi possibile far coincidere obiettivi di responsabilità sociale con obiettivi di business facendo leva sulle performance “speciali” delle persone autistiche.
Tutto questo senza ovviamente trascurare l’impatto che tale inclusione ha sulla società nel suo insieme e sugli individui che ne sono direttamente beneficiari.
 
Il terzo appuntamento, martedì 21 aprile, vedrà un dibattito a tre voci su “Il Lavoro e il Valore all’epoca dei Robot. Intelligenza artificiale e non-occupazione”, con l’intervento di Dunia Astrologo, già Direttrice della Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci Onlus, ora membro del Comitato Scientifico, Andrea Surbone, scrittore, editore e viticoltore, e Pietro Terna, già Professore ordinario di Economia all’Università di Torino e già Segretario di Confindustria Piemonte. Che effetto avrà l’intelligenza artificiale sull’occupazione? Lo racconteranno i tre relatori in un vortice di considerazioni, confutazioni, concertazioni per indagare a fondo il problema, alla ricerca di una sintesi, di una traccia comune che apporti una riflessione condivisa al dibattito sul mondo a venire.
 
L’ultimo incontro, martedì 12 maggio, sarà animato da Carlo Piano, scrittore, giornalista e membro della Fondazione Renzo Piano, con “Atlantide. Viaggio alla ricerca della bellezza”. Prendendo spunto dal titolo del libro, scritto con il padre, narrerà un lungo viaggio per mare, alla ricerca della perfezione, dell’edificio e della città, condensando le riflessioni sul senso del costruire. Partendo appunto dalla ricerca di Atlantide, la città perfetta, perché ospita una società perfetta: questa è la sua bellezza, preziosa e inafferrabile.
 
La partecipazione al ciclo di conferenze è gratuita, aperta a professionisti, imprenditori, insegnanti, studenti e a tutti coloro che sono interessati agli argomenti trattati; l’iniziativa vuole offrire un punto di vista diverso su differenti tematiche della modernità. In particolare, il fil rouge dei differenti incontri è il “rompere le regole” inteso quale appello alla creatività, all’innovazione e al cambiamento.

Per informazioni e iscrizioni, e-mail alba@rotary2032.it o tel. 335/6792168.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium