/ Attualità

Attualità | 10 febbraio 2020, 13:12

Neive, discarica abusiva rimossa dalle rive del Tanaro. Il vicesindaco: "Realizzato uno dei nostri primi impegni, ora controlli e sanzioni" (FOTO)

Promosso dal Comune ed effettuato dal Coabser l’intervento ha consentito di rimuovere i quintali di rifiuti che ammorbavano gli spazi ai piedi del ponte

L'intervento di pulizia realizzato nei giorni scorsi ai piedi del ponte sul Tanaro

L'intervento di pulizia realizzato nei giorni scorsi ai piedi del ponte sul Tanaro

Gli articoli coi quali i giornali locali avevano denunciato la presenza di una discarica a cielo aperto ai piedi ai piedi del ponte sul Tanaro Unesco avevano preceduto di pochi giorni l’intervento che la nuova Amministrazione neivese aveva concordato da tempo col Coabser, il consorzio raccolta e smaltimento rifiuti dell’Albese e del Braidese, per rimuovere quel pessimo biglietto da quella che rappresenta la porta a una delle zone più pregiate nel panorama delle colline Unesco, accesso al territorio di un comune il cui capoluogo fa parte della ristretta schiera dei borghi più belli d’Italia.

"Tra i primi impegni del mio mandato, iniziato nel giugno scorso, c’è stato proprio quello di contrattare col Coabser la rimozione di quello scempio, da tempo visibile a chi si fosse spinto sulle rive del fiume – spiega il vicesindaco Francesco Bordino –. Neive ospita uno dei siti del Coabser, e in ragione di questa presenza abbiamo chiesto un intervento che, per ragioni tecniche, è stato possibile realizzare solamente nei giorni scorsi. In ogni caso un primo importante passo è stato fatto. Giovedì scorso uomini e mezzi hanno rimosso dalla zona quintali di rifiuti abbandonati, mentre come Amministrazione abbiamo già sollecitato a fare altrettanto il proprietario dell'edificio, un residuato della cava un tempo lì presente, che insiste sulla stessa zona".

"Personalmente sono molto contento di poter vedere questo spazio restituito finalmente alla civiltà – prosegue il vicesindaco –. Ora dobbiamo vigilare per mantenerlo tale, ma confido nella civiltà delle persone, e comunque stiamo lavorando per mettere la zona sotto controllo anche col ricorso a telecamere. Certamente puniremo chi pensasse di poterlo nuovamente utilizzare come una discarica, così come fatto anche recentemente nei confronti di alcuni trasgressori, cui siamo risaliti grazie all’esame dei rifiuti abbandonati".

L’intervento di pulizia nella zona verrà completato a stretto giro, per intervenire anche lungo il rio che costeggia il fiume, dove per ragioni di sicurezza non è stato possibile operare durante la prima giornata, mentre la stessa Amministrazione guidata da Annalisa Ghella punta a organizzare giornate ecologiche che, con l’aiuto di volontari, possano interessare l’intero territorio comunale.

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium