/ Sanità

Sanità | 27 febbraio 2020, 19:15

I pediatri di famiglia cuneesi: "Gravi ritardi nel rifornimento di mascherine e camici monouso"

L’attività intensa di assistenza ai malati, in questo periodo di emergenza prenderà il posto alle normali visite di controllo, per patologie minori o per i bilanci di salute (sono solo valutabili, e su rigoroso appuntamento, quelli sotto l’anno di età!)

I pediatri di famiglia cuneesi: "Gravi ritardi nel rifornimento di mascherine e camici monouso"

I Pediatri di Famiglia Fimp che operano sul territorio del cuneese hanno diffuso alcune informazioni utili in relazione alle caratteristiche del virus COVID 19 ed alle disposizioni introdotte per contenere i contagi.

I coronavirus sono responsabili di infezioni respiratorie che vanno dal comune raffreddore fino a malattie respiratorie più gravi delle basse vie aeree. Nei bambini sembrano determinare forme più lievi che negli adulti. L’infezione si diffonde per via respiratoria e le raccomandazioni dei pediatri di famiglia sono le seguenti:

  1. La prevenzione si effettua lavandosi spesso le mani, coprendosi la bocca durante la tosse o gli starnuti, evitando di toccarsi con le mani la bocca, il naso o gli occhi.

  2. Si consiglia di lavare le superfici , con cui abbiamo contatto , con prodotti disinfettanti, di arieggiare le stanze dell’abitazione ed evitare i luoghi affollati specie se in ambienti chiusi.

  3. Per quanto riguarda l’assistenza, il vostro Pediatra di Famiglia sarà contattabile telefonicamente ed eseguirà un triage ponendo una serie di domante per stabilire la priorità d’intervento e valutare se siano sufficienti dei consigli telefonici oppure se sia necessario visitare il bambino. In questo caso ogni pediatra si attiverà per creare dei percorsi preferenziali su appuntamento che evitino il contatto con altri pazienti in sala d’attesa o se la situazione lo richiedesse, si possono attivare i servizi d’Igiene per effettuare un tampone diagnostico al domicilio del paziente o si può ricorrere ai numeri telefonici 118; 1500.

Il vostro Pediatra di Famiglia dunque vi invita a non ricorrere immediatamente al Pronto Soccorso dell’Ospedale e a non recarsi spontaneamente nello studio stesso del vostro pediatra senza prima concordare telefonicamente una visita. Questo consentirà al medico di predisporre una visita senza attese anche in orari diversi da quelli consueti.

Siamo molto preoccupati per i ritardi con cui ci verranno forniti, per noi Pediatri e per alcuni dei bambini che vengono nei nostri studi, le mascherine, gli occhiali ed i camici monouso come è previsto dalla Circolare del Ministero della salute

Così rischiamo di ammalarci e a nostra volta trasmettere il contagio ai nostri pazienti ed ai genitori!

Al momento stiamo usando le dotazioni che, cautamente e in modo lungimirante, ogni pediatra si è autonomamente procurato nelle scorse settimane, ma auspichiamo che le mascherine vengano fornite.

L’attività intensa di assistenza ai malati, in questo periodo di emergenza prenderà il posto alle normali visite di controllo, per patologie minori o per i bilanci di salute (sono solo valutabili, e su rigoroso appuntamento, quelli sotto l’anno di età!)

Il Segretario prov. Fimp Cuneo dr Daniele Tarò

Il Segretario Regionale Fimp Piemonte dr Giulio Michele Barbero





Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium