Attualità - 13 marzo 2020, 20:35

L’Associazione FAI Autotrasporti Cuneo chiede condizioni di lavoro più sostenibili per gli autisti

Mairone: "chiediamo alla Protezione Civile provinciale di poter allestire anche alcuni punti di rifornimento e assistenza igienica per tutti coloro che continuano a svolgere il loro lavoro nel pieno rispetto delle restrizioni in essere"

L’Associazione FAI Autotrasporti Cuneo chiede condizioni di lavoro più sostenibili per gli autisti


La FAI Autotrasporti Cuneo è stata fin da subito favorevole all’applicazione del DCPM che contiene le nuove misure restrittive per arginare il coronavirus.

In questi primi giorni però il problema ha impattato sul trasporto e la logistica in modo pesante andando ad eliminare ogni forma di tutela e di buon senso per gli che devono effettuare il transito e le relative consegne al di fuori della rete autostradale italiana.

Ad oggi gli Autogrill hanno mantenuto l’apertura fino alle ore 22 permettendo così agli autisti di poter mangiare e usufruire dei servizi igienici minimi ma indispensabili che ognuno di noi ha fisiologicamente bisogno di fare durante la giornata.

Il problema però si accentua quando ci troviamo all’interno delle reti stradali provinciali dove tutti i servi sono stati sospesi e le stesse aziende nelle quali vengono fatte le consegne hanno limitato quelli che potevano essere i servizi rivolti a chi consegna le merci.

Il Presidente FAI Mario Mairone "chiediamo alla Protezione Civile provinciale di poter allestire anche alcuni punti di rifornimento e assistenza igienica per tutti coloro che continuano a svolgere il loro lavoro nel pieno rispetto delle restrizioni in essere e a fornirci delle mascherine di protezione in quanto risultano praticamente introvabili nelle farmacie".

"Alle aziende chiediamo di poter permettere agli autisti di poter usufruire dei servizi e di eventuali punti di ristoro al fine di consentir loro di poter lavorare in condizioni più accettabili. Adesso i nostri autisti che si recano nelle aziende per caricare o scaricare le merci, sono costretti ad aspettare sul proprio camion perché sono spesso vietati gli accessi ai locali aziendali per ridurre il rischio di contagio da CoronaVirus" conclude Mairone.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

SU