/ Cuneo e valli

Cuneo e valli | 13 marzo 2020, 15:33

Il grido di allarme dell'ordine dei medici della Granda: "Le Asl devono fornire i dispositivi di protezione a medici e pediatri di libera scelta"

Lettera alle direzioni generali di Asl CN1 e CN2. "Sono sul territorio e hanno contatti con i pazienti. Sono a rischio contagio e possono contribuire a diffondere il virus. Per il momento li acquisterà l'Ordine"

Il grido di allarme dell'ordine dei medici della Granda: "Le Asl devono fornire i dispositivi di protezione a medici e pediatri di libera scelta"

 

Medici e infermieri sono in prima linea ad affrontare la grave emergenza sanitaria in atto. Non solo quelli che lavorano negli ospedali, ma anche quelli sul territorio, i medici di base e i pediatri di libera scelta.

Il loro contagio va evitato in tutti i modi perché, muovendosi sul territorio, rischiano di essere a loro volta veicolo di propagazione del virus. Già alcuni di loro, in provincia di Cuneo, sono stati a contatto con pazienti poi risultati positivi, come è successo, per esempio, a Marene.

E' una situazione sulla quale ieri sera il Consiglio dell’Ordine dei medici della provincia di Cuneo si è riunito in videoconferenza per una seduta straordinaria.

L'ordine ha deciso di inviare una lettera alle direzioni generali di ASL CN 1  e ASL CN2, già spedita stamattina, in cui chiede di “voler ottemperare in tempi ristrettissimi alla dotazione a tutto il personale operativo sia in ospedale che sul territorio dei previsti presidi di protezione stante la primaria necessità di tutela della salute dell’operatore medesimo e della tutela della salute”.

Gian Paolo Damilano, medico presidente dell'ordine degli Odontoiatri di Cuneo, evidenzia la gravità della situazione: "Stanno arrivando e si stanno producendo dispositivi, in particolare le mascherine, che vengono forniti primariamente ai presidi ospedalieri. E' corretto. Ma i medici e i pediatri sul territorio sono da tutelare e proteggere come il personale ospedaliero, perché hanno contatti con i pazienti e possono veicolare il virus. Se sono costretti a mettersi in quarantena, la situazione sui territori rischia di diventare gravissima. Per ora abbiamo stanziato dei soldi per provvedere da soli, ma le ASL devono intervenire per tutelarci". 

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium