Spazio antivirale - 26 marzo 2020, 18:45

FERMI COME L’ACQUA DEL LAGO

L’acqua è pura e trasparente, ci sentiamo a nostro agio e al sicuro

FERMI COME L’ACQUA DEL LAGO

 

Ogni giorno uno spunto per continuare a sperare, per potenziare la resilienza e per riadattare la propria vita alle nuove condizioni.

Una quarantena “senza manuale di istruzioni” ci induce a riflettere sull’imprevedibilità della vita e può diventare slancio per rimettersi in gioco e continuare a crescere, nonostante il dolore e la paura.

Gli psicologi del Trauma Center del S.Croce Maura Anfossi, Gemma Falco, Cristina Giordana, Andrea Pascale, Arianna Piacenza


In queste settimane è difficile mantenere la stabilità emotiva. Alcune pratiche immaginative possono aiutarci a recuperare forza e stabilità, caratteristiche già presenti dentro di noi, ma che dobbiamo coltivare.

Mettiamoci in una posizione comoda e raffiguriamoci un bel lago alpino. E assimiliamo dentro di noi le sue proprietà: calma, tranquillità, imperturbabilità.

La cosa principale del lago è che anche se è soggetto a continui cambiamenti della sua superficie conserva calma e quiete nella sua profondità. L’acqua è pura e trasparente, ci sentiamo a nostro agio e al sicuro.

A volte però arrivano perturbazioni che possono agitare le acque del lago, ma senza modificarlo. Superato il temporale l’acqua ritorna quieta. Anche la nostra mente può venire attraversata e scossa da pensieri ed emozioni: lasciamoli passare senza esserne turbati.

Pratiche come questa ci aiutano a sentire meno il fragore del temporale e a rimanere in contatto con le intemperie emotive senza esserne travolti.

A.P.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

SU