/ Cuneo e valli

Cuneo e valli | 29 marzo 2020, 08:41

Un’odissea il mio rientro in Italia: la storia di un cuneese rimasto bloccato a Cuba (VIDEO)

A Marianao per trovare il figlio, il 59enne Dante Benzi ha rischiato di non ritornare a casa. "I voli sono sospesi e gli aeroporti vuoti. I turisti stranieri sono visti come un pericolo". Ventiduemila gli stranieri bloccati sull'isola caraibica a causa dell'aumento dei contagi da Coronavirus

Dante Benzi, 59 anni è un ispettore del Lavoro di Cuneo

Dante Benzi, 59 anni è un ispettore del Lavoro di Cuneo

 

Dante Benzi, 59 anni è un ispettore del Lavoro di Cuneo. Il 29 febbraio era partito con un volo diretto di (11 ore) della compagnia Blu Panorama dall'aeroporto di Malpensa in direzione Cuba per andare a trovare il figlio e la sua famiglia cubana a Marianao, uno dei dieci comuni dell'Avana. Aveva già acquistato il biglietto per il volo di ritorno in Italia, ma dopo una settimana che era nell'isola cubana arriva la brutta notizia: i primi casi di Coronavirus anche a Cuba.

"Sono bloccato qui almeno sino all'11 aprile perché hanno sospeso tutti i voli verso l’Italia e non posso andare nemmeno in un altro Paese perché tutta l'Unione Europea ha bloccato i voli. Dopo la chiusura c’è un solo volo di rientro alla settimana - scrive Dante il (15 marzo) -. Qui all'Avana, tre giorni fa, hanno rilevato 3 casi di Coronavirus. Si tratta di tre turisti italiani"


La permanenza a Marianao

Per quasi tutto il periodo di permanenza a Marianao, comune di circa 200 mila abitanti nell'Avana, Dante ha alloggiato (come gli altri 11 mila turisti stranieri) in una "casa particular" casa privata dove si affittano stanze a pochi cuc. Quando è arrivato all'aeroporto di Cuba erano presenti medici che controllavano i passeggeri stranieri appena atterrati e, solo a coloro che presentavano sintomi di tosse o di raffreddore veniva loro misurata la temperatura corporea. In caso risultasse superiore ai 37,5 ° toccava il trasferimento immediato presso l’Istituto di Medicina Tropicale "Pedro Kouri'" per verificare se avessero contratto il Covid-19.

 "Dopo 20 giorni che ero qui all'Avana - spiega Dante - un'infermiera è venuta a cercarmi dicendo che dovevo fare l’esame del sangue per vedere se avevo malattie tropicali. Ho trovato la cosa con poco senso logico: le malattie tropicali non c’entrano con il Covid-19. Sono comunque  andato al Policlinico di Marianao, qui dove sto, mi hanno fatto il prelievo e rimandato nella casa dove alloggiavo, dicendo di aspettare due o tre giorni per l'esito dell'esame, risultato poi negativo"


La situazione contagi sull'Isola caraibica

Nel frattempo i contagi a Cuba stavano aumentando e mettendo in allarme tutto il Paese. Il presidente cubano, Miguel Díaz-Canel, emette una misura restrittiva con la chiusura immediata di: ristoranti, bar, discoteche, camping e negozi, ad eccezione delle attività di prima necessità. Gli albergatori iniziano a lasciare a casa il personale degli hotel. Lo stesso Díaz-Canel, annuncia la possibilità di proroga della misura, per essere sicuri che non vi siano focolai interni.

Da considerare che Cuba è temprata in tema di emergenza a causa degli uragani che si manifestano sull'isola di conseguenza si avvale di un sistema sanitario diffuso ed efficiente: ha medici eccellenti. Nei giorni scorsi a Crema sono arrivati 56 medici ed infermieri cubani in aiuto all’Italia.

"Al momento sono 21 i contagiati da Covid-19 e un morto - continua Dante dopo aver sentito le notizie del Tg cubano - Hanno messo in osservazione e isolato circa 200 persone che erano entrate in contatto con loro. Qui ci sono problemi di mancanza di beni di consumo. Le bodegas, che sono i negozi di Stato dove la popolazione può ritirare gratuitamente alcuni prodotti alimentari nella misura prevista dal Governo per ogni persona sono semi vuoti, e come sempre, ci sono solo il pane e il pollo. La scarsità di beni è abbastanza costante qui, ma con il Coronavirus potrebbe peggiorare la situazione a causa del mancato ingresso di valuta per il blocco del turismo. Cuba importa quasi l’80 per cento degli alimenti".

I giorni passano ed esplode l'emergenza sanitaria a Cuba. Il bollettino cubano il 26 marzo annuncia 67 contagi da Covid-19 e due morti, un russo e un italiano, e 1200 persone in isolamento per aver avuto contatti con le persone contagiate dal virus. Il primo ministro cubano, Manuel Marrero Cruz, sospende le lezioni scolatiche e universitarie per tre settimane. Come misura di protezione dell'epidemia di Coronavirus blocca le frontiere in entrata. L'uscita dal Paese è consentita solamente ai turisti stranieri, mentre solo i cittadini cubani possono farvi ingresso. Sospende anche i trasporti interprovinciali. Secondo i dati ufficiali ci sono 32.474 turisti stranieri presenti in Cuba.

La Tv cubana annuncia 22 mila stranieri sull'isola, soprattutto canadesi spagnoli russi ed italiani. E parla di una protesta inscenata da argentini bloccati a Cuba nell'aeroporto dell'Avana perché vogliono tornare a casa.

La ricerca disperata del volo

Sempre più preoccupato, ogni giorno che passa, Dante decide di insistere con l'agenzia di Viaggi di Cuneo che gli aveva prenotato il pacchetto del volo aereo. Dopo ore ininterrotte passate in collegamento telefonico, arriva la buona notizia: trovato un volo per Cuneo. Non gli sembra vero.

Guarda il video di Dante registrato all'aeroporto di Parigi:


"Se tutto và per il verso giusto rientrerò in Italia sabato 28 marzo. Sono stato fortunato a trovare una combinazione di voli per rientrare a Cuneo - scrive Dante su WhatsApp il 26 marzo -. Domani a mezzanotte parto per Madrid, da lì verso Parigi ed il giorno dopo il (28) a Nizza. Lì viene a prendermi in taxi un amico per raggiungere in serata Cuneo"

Dopo 2 giorni e mezzo di volo e 3 ore di auto, è finalmente arrivato a casa. Ora gli toccheranno due settimane di quarantena come previsto dalle direttive sanitarie e dal Dpcm.

Tiziana Fantino

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium