/ Economia

Economia | 31 marzo 2020, 07:55

Coronavirus, la Cina riparte: nuovi contagi a quota zero

Sembra avvicinarsi sempre di più la fine di quello che è stato un vero incubo per la Cina: il periodo più buio appare adesso alle spalle

Coronavirus, la Cina riparte: nuovi contagi a quota zero

Sembra avvicinarsi sempre di più la fine di quello che è stato un vero incubo per la Cina: il periodo più buio appare adesso alle spalle. Come è logico che sia bisogna parlare con assoluta prudenza in situazioni come questa, per una serie di fattori. Ma i dati relativi al contagio per Coronavirus appaiono oggi in trend positivo per quello che è stato il primissimo e originale focolaio del virus, ormai divenuto pandemia a livello mondiale.

Tutto è infatti cominciato a Wuhan, nella provincia dell’Hubei, ormai qualche mese fa: la comparsa di questo misterioso virus che ha cominciato a trasmettersi anche tra gli esseri umani, derivante con ogni probabilità da specie animali differenti. Una rapidità di trasmissione e contagio elevatissima, una diffusione che non ha tardato a raggiungere l’Europa e che nelle ultime settimane è approdata anche negli altri continenti: Stati Uniti e Australia si stanno attrezzando in questi giorni contro il nuovo nemico.

Gli ultimi dati sono incoraggianti

Conosciamo bene la situazione e le caratteristiche del Covid-19, essendo l’Italia divenuta nelle settimane successive un altro focolaio, in Europa. Ad oggi però tutti gli stati si sono mossi per contrastare la diffusione di questo virus, attuando misure restrittive a livello precauzionale. In Italia vige ormai da un paio di settimane l’obbligo di restare nelle proprie abitazioni – tramite il decreto “io resto a casa” – se non per determinate necessità; tutti gli eventi sono stati annullati o rimandati, ed è molto probabile che in questi giorni le misure restrittive verranno ulteriormente marcate.

Lo stesso programma di reclusione forzata è stato applicato in Cina con qualche settimana di anticipo, e la nazione ha risposto presente: ligi al dovere, i cittadini cinesi hanno fatto in modo di rispettare il decreto del proprio governo. E proprio adesso arrivano i primi segnali positivi, incoraggianti anche per il resto del mondo; nelle ultime ore infatti è rimbalzata la notizia che potrebbe cambiare l’andamento di questa pandemia: la Cina non conta nuovi contagiati interni. Sono zero i nuovi contagi provenienti dall’interno dei confini cinesi.

Le autorità cinesi hanno provveduto, nello stesso momento, a segnalare all’OMS la presenza di 34 nuovi casi positivi. Partendo dal presupposto che sono numeri assolutamente inferiori a quelli delle scorse settimane, quando gli infetti e purtroppo anche i decessi si contavano in ordini di centinaia se non di migliaia, è da segnalare un dato statistico estremamente rilevante: tutti e 34 i casi sono infatti provenienti dall’esterno: “importati” insomma da altri paesi.

Il bilancio del virus in Cina

Notizie positive certo, ma comunque da non sottovalutare: ecco perché le autorità cinesi si sono subito attrezzate per contenere questi 34 casi, tutti risalenti alla giornata di ieri. Prevenire e isolare è fondamentale, per evitare di andare subito ad alimentare nuovamente eventuali ricadute di focolai nel paese dove tutto è iniziato. Consideriamo infatti che fino a questo momento, dall’inizio della pandemia, sono circa 81 mila le persone contagiate dal Coronavirus in Cina. Di queste, 3.500 sono in questo momento ancora ricoverate in ospedale ed altrettante stanno osservando l’isolamento domiciliare.

È fondamentale non dare neanche la minima fiammella di possibilità per riaccendere una miccia che tanto duramente è stata spenta e combattuta. Se circa 700 persone restano ad oggi in terapia intensiva, ogni giorno aumenta il numero dei guariti. E proprio questo fattore, unitamente al recentissimo dato rilevato, deve spingere la Cina a proseguire sulla strada intrapresa, ed a trainare in questa risalita il mondo intero. Chiaramente la nazione nella quale tutto ha avuto inizio può fungere da modello globale nella lotta al virus. La Cina sta, lentamente, rialzando la testa.



Kontrokultura.it

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium