/ Cronaca

Cronaca | 09 aprile 2020, 11:25

Castagnole delle Lanze, tentato furto ed evasione: arrestati due volte nel giro di 24 ore

Coppia di stranieri con precedenti residenti in paese finisce in carcere. Accusati del colpo tentato nella tarda serata di ieri in un discount, hanno abbandonato il loro domicilio nonostante la misura cautelare. I Carabinieri li hanno trovati alla fermata del bus in centro paese

Castagnole delle Lanze, tentato furto ed evasione: arrestati due volte nel giro di 24 ore

Alle ore 23 di ieri, mercoledì 8 aprile, la Centrale Operativa dei Carabinieri di Canelli riceveva un allarme intrusione scattato presso il discount “Ekom” di via Abbate a Castagnole delle Lanze. Immediatamente veniva inviata sul posto la pattuglia in circuito della Stazione Carabinieri di Castagnole delle Lanze che, appena sopraggiunta sul posto, scorgeva due individui intenti a forzare con degli arnesi in ferro il portone dell'accesso secondario al centro commerciale.

I due, vistisi scoperti, abbandonavano gli attrezzi a terra e tentavano di scappare, ma venivano immediatamente bloccati dai militari e condotti in caserma.

Il contestuale sopralluogo, effettuato in loco da un’altra pattuglia giunta in rinforzo, consentiva di rilevare i segni dello scasso, mentre il tentativo di accedere all’interno era stato vanificato dal tempestivo operato dei Carabinieri.

Una dinamica che veniva ulteriormente avvalorata dalla perquisizione personale effettuata sui due fermati, entrambi trovati in possesso di cacciaviti.

Gli autori del tentato furto al centro commerciale venivano sottoposti a fotosegnalamento e identificati in M.I., classe 1989, nato in Romania, regolare sul territorio nazionale, anagraficamente residente a Ragusa ma domiciliato a Castagnole delle Lanze, in attesa di occupazione, già gravato da precedenti di polizia e penali per furto, rapina e stupefacenti; S.M., classe 2001, nato in Romania, regolare sul territorio nazionale, anagraficamente residente ad Agrigento ma domiciliato a Castagnole delle Lanze unitamnete al M. I., in attesa di occupazione, già gravato da precedenti di polizia e penali per furto.
 
Una volta avvisato il pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica di Asti, veniva disposta la misura degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida che si sarebbe dovuta tenere in via telematica, secondo le nuove procedure disposte dal Ministero della Giustizia.

Nella tarda mattinata di oggi, giovedì, i Carabinieri si sono recati presso il domicilio dei detenuti per notificare la data dell’udienza di convalida, ma non hanno trovato gli interessati. Attivato subito il dispositivo di ricerca previsto dal piano di controllo del territorio, M.I. e S.M venivano intercettati alle ore 10 alla fermata dell’autobus di linea in piazza Lucchini e, sebbene datisi nuovamente alla fuga, venivano raggiunti e arrestati per evasione. Questa volta però l’udienza di convalida si terrà dal carcere di Asti, dove sono stati tradotti su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il più giovane dei due arrestati – si segnala dal Comando Carabinieri di Asti – il 2 aprile scorso era stato sanzionato amministrativamente dai Carabinieri per violazione delle prescrizioni imposte con il DPCM per il contenimento del contagio da COVID 19, in quanto trovato all’ora di pranzo nella piazza centrale di Castagnole delle Lanze senza che avesse addotto una valida causa di giustificazione.

C. S.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium