/ Economia

Economia | 09 aprile 2020, 17:36

Dal Capitolo BNI Tartufo di Alba, 2.000 euro per l’Ospedale di Verduno

Givers gain, cioè “chi dà, riceve”: la donazione del gruppo di imprenditori albesi arriva nell’ottica di restituzione al territorio promossa dall’organizzazione fondata sul passaparola strutturato, positivo e professionale

Il comitato di gestione del Capitolo Tartufo BNI di Alba

Il comitato di gestione del Capitolo Tartufo BNI di Alba

Cambiare il modo in cui il mondo fa affari”, passando dall'economia competitiva all'economia collaborativa: è questa la mission di BNI, acronimo di Business Network International, organizzazione (fondata nel 1985 negli Stati Uniti e forte, oggi, di 270.000 membri in tutto il mondo) strutturata in decine di “Capitoli” locali in cui imprenditori, liberi professionisti, artigiani e commercianti si incontrano allo scopo di aumentare il proprio giro di affari – attraverso il “passaparola strutturato, positivo e professionale”, con lo sviluppo di relazioni significative e a lungo termine e attraverso lo scambio di referenze qualificate –, allargando la rete delle proprie conoscenze.

“L’ottica di BNI, in sostanza, non guarda al mero saldo economico: fra i principi cardine dell’organizzazione c’è anche quello della restituzione al territorio – afferma Valentina Culasso, presidente del Capitolo Tartufo di Alba, insieme al vicepresidente Fabio Ratto e al segretario Massimo Occhetti –. È per questo che il nostro gruppo ha deciso convintamente di aderire alla campagna di crowdfunding della Fondazione Nuovo Ospedale Alba Bra onlus, donando 2.000 euro per far fronte all’emergenza Coronavirus. La somma è servita per acquistare parte di uno dei 4 totem necessari per connettere il Covid Hospital allestito a Verduno con il reparto di rianimazione dell’ospedale San Lazzaro di Alba, in modo che i medici possano monitorare i letti anche da remoto”.

Alla base della scelta, la filosofia del “Givers gain”, traducibile con “Chi dà, riceve”. Lo spirito è puramente collaborativo, con la certezza che le occasioni create per altri – presto o tardi – arriveranno anche per chi le ha procurate. E con la consapevolezza che il bene fatto torna sempre indietro.

In attesa di riprendere le riunioni di persona, con colazione e open networking, l’attività del gruppo prosegue “virtualmente”, in collegamento remoto per i membri iscritti, con la possibilità di partecipazione gratuita per gli ospiti che fossero interessati. Chiunque volesse prendere contatto con il Capitolo BNI Tartufo di Alba potrà partecipare alle riunioni settimanali in calendario ogni mercoledì mattina dalle 7.15 alle 9.00, scrivendo all’indirizzo email bni.tartufo@gmail.com.

i.p.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium