/ Speciale Coronavirus

| 09 aprile 2020, 20:23

"170 tamponi eseguiti al 'Sacra Famiglia' di Mondovì, ma servono gli esiti": la FP Cgil di Cuneo interviene

Il presidente dell'istituto denuncia la mancanza di personale e dpi, mentre Gaspare Palermo, rappresentante della segreteria provinciale del sindacato, ribadisce: "Fondamentale che la Regione e gli Enti competenti intervengano tempestivamente a tutela degli ospiti e dei lavoratori della struttura"

"170 tamponi eseguiti al 'Sacra Famiglia' di Mondovì, ma servono gli esiti": la FP Cgil di Cuneo interviene

"A fronte dell'applicazione dei protocolli, l'istituto 'Sacra Famiglia' di Mondovì si è organizzato per creare una specifica area isolata per pazienti sospetti Covid, in attesa di esito del tampone... La situazione, nonostante gli sforzi del personale e della dirigenza, è però preoccupante".

Il grido di denuncia giunge direttamente dalla segreteria provinciale della FP Cgil di Cuneo, rappresentata da Gaspare Palermo, il quale sottolinea come siano "assolutamente carenti, inadeguati e insufficienti i dispositivi di protezione individuale impegnati nella struttura".

Una mancanza a cui Diego Bottero, presidente della casa di riposo ne aggiunge un'altra: "Abbiamo assoluta urgenza di assumere nuove figure lavorative quali, infermieri, oss e badanti (per candidature, telefonare allo 0174/42481). Stiamo faticando ad assicurare l'assistenza ai nostri anziani e, di questo passo, rischiamo di non farcela. Ne parleremo domani in un incontro nel quale coinvolgeremo anche l'Unità di Crisi della Regione Piemonte".

Intanto, rispetto a ieri, sembrerebbe essersi sbloccata positivamente la situazione dei tamponi: ne sono stati eseguiti 100 sugli ospiti e 70 sui dipendenti (diretti e indiretti) del "Sacra Famiglia" e, ad oggi, il bilancio parla di 7 anziani ricoverati in ospedale, 9 dipendenti risultati positivi e in quarantena e 8 dipendenti in mutua o congedo (sulla cui positività al Covid-19 non si sa ancora nulla, a causa dei ritardi nell'esecuzione dei tamponi).

"I risultati dei test effettuati sugli oss e il mix con quelli eseguiti sugli utenti rischiano di rendere ingestibile la situazione - dichiara allarmato Gaspare Palermo -. È fondamentale che a partire dalla Regione e dagli Enti competenti si registri un intervento tempestivo e a tutela degli utenti, del personale e dell'intera struttura... Subito!".

Alessandro Nidi

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium