/ Bra e Roero

Bra e Roero | 20 aprile 2020, 16:09

Canale, il sindaco torna sui decessi alla casa di riposo: "Procurati allarmi via social, pronto a denunciare"

Quindici finora gli ospiti vittime dell’infezione. Il primo cittadino: "Nella struttura già tre sopralluoghi a sorpresa da commissioni di vigilanza e Nas: gestione esemplare". Comune al fianco di chi vogliare riportare a casa o alloggiare in albergo i propri familiari

La casa di riposo "Pasquale Toso" di Canale

La casa di riposo "Pasquale Toso" di Canale

"Sono esterrefatto dalla faciloneria e dalla superficialità di chi scrive dati inesatti scatenando il panico o scrive che si voglia tenere nascosto qualcosa. Talmente esterrefatto da pensare che in qualcuno ci sia della malafede (…). Con dispiacere segnalo che da oggi segnalerò alle autorità competenti tutti i falsi procurati allarmi per le valutazioni del caso".

A parlare è il sindaco di Canale Enrico Faccenda, che pochi minuti fa ha affidato ai social un nuovo aggiornamento sulla difficile situazione interna al ricovero, la casa di riposo "Pasquale Toso", da settimane al centro delle attenzioni di autorità sanitarie e Comune dopo che al suo interno si è purtroppo sviluppato il focolaio di infezioni già più volte oggetto dei periodici rendiconti del primo cittadino.

"Le notizie sono state date sempre in modo dettagliato e a oggi, dopo due mesi di battaglia, i decessi per Coronavirus sono di 11 ospiti in casa di riposo e 4 pazienti in ospedale per un numero totale di 15",
spiega Faccenda, esprimendo sofferenza per un numero di vittime "sicuramente alto, che ha lasciato nel dolore tante famiglie, che ha segnato la nostra comunità e che colpisce tutti, perché si tratta di persone care e benvolute, artefici e costruttori della società in cui viviamo".

Per quanto critica – rimarca il primo cittadino –, la situazione non è comunque quella tratteggiata da alcuni post letti in queste ore attraverso i social: messaggi secondo i quali il numero delle vittime tra gli ospiti della struttura sarebbe salito addirittura a 25.

"Negli ultimi 15 giorni –
aggiunge Faccenda – nella struttura si sono verificati tre sopralluoghi a sorpresa delle commissioni di vigilanza e dei Nas e una richiesta a medici esterni dell'Usca per il controllo delle cartelle cliniche e la visita dei pazienti che continuerà nel futuro, rilevando che la gestione è esemplare, che le terapie e i protocolli sanitari sono corretti e che le condizioni generali della casa di riposo sono ottimali".

"In pratica –
continua – si sta facendo tutto quanto è umanamente e scientificamente possibile", prosegue il sindaco, che vista la grave situazione ventila poi una possibilità: "Alla luce di tutto ciò, vista la presenza di molti ospiti negativi al Covid 19, l’Amministrazione propone a chi pensa che i propri familiari possano avere necessità di un rapporto diretto, purtroppo sospeso dal 23 di febbraio, o che possano giovarsi delle cure dirette dei propri familiari, magari assistiti dai medici di famiglia e dai servizi impostati per questa emergenza dall'Asl, di provvedere al trasferimento degli ospiti nelle proprie case o in strutture alberghiere (che verranno pagate dall’Amministrazione) nel caso in cui le abitazioni non fossero adatte a ricevere il congiunto".

Un indirizzo preso "nell'ottica di assecondare tutte le decisioni che vorranno prendere i parenti degli ospiti del Pasquale Toso, rimarcando la piena disponibilità a qualsiasi tipo di collaborazione".

"Vorrei evidenziare –
conclude Faccenda prima di richiamare la necessità di evitare falsi allarmismi – come dobbiamo essere civilmente consapevoli, nel dolore, di quello che sta accadendo nel mondo: centinaia di migliaia di morti in tutte le nazioni più progredite, morti che colpiscono giovani e anziani, di fronte alle quali la scienza medica, a oggi, ha pochissime certezze e tantissimi dubbi. Per questi motivi, nonostante tutte le precauzioni prese, non possiamo immaginare che il nostro comune venga risparmiato dalla pandemia".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium