/ Economia

Economia | 09 maggio 2020, 13:15

Fermento nei negozi di Cuneo: si allestisce la fase2, quella della ripartenza, tra nuove regole e nuovo entusiasmo

Ancora dubbi sulla data. Al momento resta quella del 18 maggio, ma sono tante le pressioni per anticipare almeno al 14. Lanciata l'iniziativa di lasciare le vetrine accese, tante stelle che illuminino la città dopo lunghe settimane di buio

Fermento nei negozi di Cuneo: si allestisce la fase2, quella della ripartenza, tra nuove regole e nuovo entusiasmo

I commercianti cuneesi hanno voglia di ripartire. In ballo c'è la data del 18 maggio, come indicato nel cronoprogramma della #fase2 dal premier Conte, ma crescono le pressioni per un anticipo della riapertura al 14 maggio.

E alcuni di loro hanno lanciato l'iniziativa #tantavogliadiripartire

Ieri il governatore Alberto Cirio, in conferenza stampa, non ha sciolto le riserve sulla data, perché si attendono istruzioni in merito dal governo.

L'unica certezza è che, già da qualche giorno, i negozi del capoluogo sono in fermento. Chiusi al pubblico ma in piena attività, per organizzare la ripartenza e fare tutte le operazioni necessarie per riaprire l'attività. Il 14 o il 18, a questo punto, poco importa.

Cambio merce, resi, allestimenti con gli articoli per la primavera-estate ma, soprattutto, organizzazione dei negozi secondo le regole di sicurezza. Dal dispenser alle corsie ai plexiglass alle posizioni da mantenere per le distanze.

"Ci teniamo a rassicurare i clienti - evidenzia Alberto Ravizza, titolare di diversi negozi di corso Nizza - che noi commercianti di Cuneo saremo attentissimi al rispetto di tutte le indicazioni igienico-sanitarie. Lo facciamo anche e soprattutto per tutelare noi stessi e i nostri dipendenti. Non solo, credo che tutti abbiano potuto vedere con i propri occhi quanto sia triste una città con le attività chiuse. I negozi, come i bar e i ristoranti, mantengono viva la città perché prima di tutto se ne prendono cura, mantenendola pulita e sicura".

Non solo, man mano che i negozi saranno pronti a riaprire, lasceranno le luci delle vetrine accese, a rappresentare tante piccole stelle e illuminare la città dopo lunghe settimane di buio.

I prossimi giorni saranno cruciali. Si attendono indicazioni dal governo già da lunedì 11 maggio. I commercianti non vogliono farsi trovare impreparati e sono pronti a rialzare le serrande.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium