/ Eventi

Eventi | 09 maggio 2020, 15:08

Il coronavirus fa saltare anche il primo Cuneo Pride: era in programma il 6 giugno, rimandato a data da destinarsi

Scrivono gli organizzatori: "Non è una rinuncia. La nostra voglia di costruire una provincia più aperta, inclusiva e attenta ai bisogni di tutt* continua"

Il coronavirus fa saltare anche il primo Cuneo Pride: era in programma il 6 giugno, rimandato a data da destinarsi

Arcigay Cuneo GrandaQueer annuncia che il Cuneo Pride, in programma per sabato 6 siugno di quest'anno, verrà rimandato a data da destinarsi. 

La manifestazione avrebbe portato per le strade della città "una folla coloratissima e festosa, che avrebbe sfilaro contro le discriminazioni, abbracciando non solo l'orgoglio LGBTQIA+*(lesbico, gay, bisessuale, transgender, queer, intersessuale e asessuale) ma tutti quei valori di liberà e giustizia sociale che hanno forgiato la democrazia in Italia."

La decisione arriva dopo una riflessione che ha coinvolto tutti i comitati presenti sul territorio italiano ed europeo; una scelta dolorosa, ma non una rinuncia, né tanto meno un arretramento. Nelle parole della presidente Elisabetta Solazzi: “per tutelare la salute di tutte e tutti, in attesa che la grave emergenza in atto si stabilizzi, cogliamo questa occasione cercando nuove modalità e nuovi canali per entrare in contatto con istanze sempre presenti. La nostra vita continua, così come continuano ad esistere i bisogni e le difficoltà della nostra comunità: persone che non si sono ancora aperte alla loro famiglia riguardo orientamento sessuale, o alla loro identità di genere, coppie che vivendo lontane, vengono private della reciproca presenza fisica. Permangono la stessa solitudine, lo stesso isolamento, lo stesso disorientamento.” 

L'impegno e la progettualità si concentreranno nella costruzione di una piazza virtuale, attraverso interviste, approfondimenti e momenti di condivisione e confronto, con lo scopo di far conoscere l'impegno delle associazioni coinvolte in questo viaggio verso il Cuneo Pride, permettendo nuove prospettive e forse un graduale ritorno alla vita di prima. 

“Continua anche la nostra voglia di costruire una provincia più aperta, inclusiva e attenta ai bisogni di tutt*, di aiutare le persone che in questo momento sentono maggiormente il peso della solitudine e dell’esclusione, nonostante la lontananza. R_esistenza, il nostro motto, non cambia di significato, né perde di valore. Crediamo che mettersi in gioco come individui, a cuore aperto, sia l'unico modo di costruire il nostro futuro, a partire da una volontà ed un passato comune. Ringraziamo quanti hanno creduto in noi e nel nostro progetto, e invitiamo non solo a tenere duro, ma a prendere parte al cammino che ci condurrà verso il nostro Pride, che sarà ancora più forte e sentito.” 



Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium