/ Spazio antivirale

In Breve

lunedì 18 maggio
sabato 16 maggio
venerdì 15 maggio
mercoledì 13 maggio
lunedì 11 maggio
sabato 09 maggio
venerdì 08 maggio
COMBATTENTE
(h. 19:00)
mercoledì 06 maggio
domenica 03 maggio
sabato 02 maggio

Spazio antivirale | 10 maggio 2020, 18:30

L’Albero della resilienza per gli alunni dell’istituto Comprensivo Oltrestura di Cuneo

Le piante, come parte del creato, ci ricordano che ognuno deve lottare, cercare le energie e le giuste strategie per affrontare le sfide toste che la vita ci mette davanti

L’Albero della resilienza per gli alunni dell’istituto Comprensivo Oltrestura di Cuneo

L’istituto Comprensivo Oltrestura di Cuneo ha proposto agli alunni delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di aderire al progetto “Albero della resilienza” promosso dal Trauma center psicologico dell’ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo.

Il risultato è una valanga di disegni, uno diverso dall’altro, che dimostra l’impegno della dirigente, Paola Banchio, degli insegnanti e, soprattutto, degli studenti e delle loro famiglie.

Ho proposto il progetto nelle ore di Religione, nella didattica a distanza, alle 15 classi della scuola secondaria di primo grado – spiega l’insegnante Serena Rosso, che ha già raccolto quasi un centinaio di disegni - Questo mi ha permesso di riflettere con gli alunni, nei vari collegamenti online, sul significato della parola resilienza. Una parola per molti sconosciuta nel suo concetto, ma ben presente nella loro vita attuale per affrontare le difficoltà causate dal ovid -19. Disegnare l'albero ha permesso a molti ragazzi di riflettere su ciò che accomuna noi con il mondo vegetale. E' stata un'occasione per prendere consapevolezza di come anche noi, come le piante che ci ricordano, abbiamo la capacità innata di rimarginare le ferite che questo periodo difficile ha provocato in noi, ripartire da capo, mettere nuove radici. Le piante, come parte del creato, ci ricordano che ognuno deve lottare, cercare le energie e le giuste strategie per affrontare le sfide toste che la vita ci mette davanti. Il tempo e la nostra caparbietà sapranno, pian piano, richiudere le ferite per poter ricominciare, diversi da prima, sta a noi scegliere se più deboli o più forti!”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium