/ Attualità

Attualità | 18 maggio 2020, 09:14

Corepla Schoole Contest: primo classificato regionale il "Grandis" di Cuneo

La dirigente Milva Rinaudo: "Questa avventura ha visto l’organizzazione di “sfide” a distanza tra i coetanei di tutta Italia, dimostrando che hanno in questo tempo “sospeso” è importante la passione, l’entusiasmo e la voglia di futuro"

I vincitori cuneesi

I vincitori cuneesi

Anche in tempi di didattica a distanza, gli allievi del Grandis si distinguono per valore ed entusiasmo: al concorso “Corepla School Contest”, cui hanno partecipato ben 5 classi seconde (sezioni E, G, O, M e N).

Il “Grandis” di Cuneo si è infatti portato a casa il premio riservato ai primi classificati regionali. Un risultato che premia il valore della responsabilità individuale e dell’impegno. “Oltre ai meritati complimenti – afferma la Dirigente scolastica Milva Rinaudoquesta avventura iniziata il 5 novembre scorso, ha visto l’organizzazione di “sfide” a distanza tra i coetanei di tutta Italia, dimostrando che hanno in questo tempo “sospeso” è importante la passione, l’entusiasmo e la voglia di futuro. Un ottimo risultato portato avanti dal “capitano”, la professoressa Giuseppina Sculli".

L’iniziativa, volta a promuovere la tutela ambientale e a incrementare la conoscenza della raccolta differenziata, del recupero e del riciclo degli imballaggi in plastica, prevedeva la partecipazione delle classi a due prove (le Mission): nella prima si dovevano affrontare alcune batterie di quiz relativi a raccolta differenziata, riciclo, economia circolare, materie plastiche e cultura generale, mentre la seconda chiedeva la realizzazione di un video di storytelling sul tema degli imballaggi in plastica.

Per i docenti coinvolti è stata una vera soddisfazione assistere i ragazzi mentre partecipavano alle sfide, a colpi di domande e risposte, con i loro coetanei delle scuole di altre province e regioni: pronti davanti alla LIM per veder apparire le domande, affrontare la corsa contro il tempo e lavorare di intuito e ragionamento per agguantare le risposte corrette.

Senza mai lasciarsi andare all’improvvisazione - afferma la prof.ssa Sculli - perché i nostri ragazzi hanno raccolto e studiato con interesse il non poco materiale relativo ai temi del concorso. E davanti ai numeri è emerso anche lo stupore per la mole di plastica che produciamo e immettiamo nell’ambiente”.

“Prof, troppa plastica! Bisogna fare qualcosa!” Ecco la frase più comune dei partecipanti! Davvero impossibile non rimanere affascinati dall’entusiasmo e dalle tante idee di menti giovani, solo apparentemente distratte, che su temi tanto importanti sanno invece dimostrare curiosità, saggezza e voglia di cambiare il mondo. Poi il buio. Il tempo sospeso del lockdown. La scuola chiusa, i sorrisi congelati dalla connessione bloccata, i compiti che viaggiavano sui server e finivano non si sa bene dove, lo stupore di fronte a un modo di vivere mai neppure immaginato.

Eppure, anche dentro alle situazioni più negative si può riuscire a trovare la bellezza. E i nostri ragazzi hanno provato a sperimentare e a lavorare insieme pur essendo distanti, con i collegamenti a ore improponibili rispetto alla didattica tradizionale, con le tantissime idee.

Sono stati questa bellezza e questo entusiasmo ad averli portati a vincere, e a meritarsi l’applauso virtuale di tutti i docenti. Perché partecipare a questo concorso per i nostri ragazzi ha significato credere in ciò che a volte, o forse troppo spesso, viene sottovalutato, pensato con noia o con scarsa considerazione: ciò che si chiama vita e si chiama scuola.

Per noi della 2M è stato un progetto molto importante - hanno dichiarato alcuni tra i protagonisti di questa bella esperienza - non solo per la vittoria finale del tablet messo in palio, ma anche per noi stessi: perché abbiamo dimostrato a genitori e professori che sappiamo fare le cose per bene e ottenere risultati di rilievo; ognuno di noi si è dato da fare e ha contribuito a questo progetto prima in classe e poi a casa. Abbiamo percepito chiaramente che questo lavoro comune ha aiutato anche la classe a unirsi per un unico scopo, quello di vincere!”. Infine, i loro ringraziamenti: “Siamo grati in particolare alla professoressa Sculli, che ci ha aiutato molto in questo percorso, insieme a tutti gli altri professori che ci hanno supportato e hanno creduto in noi. Grazie per averci dato questa opportunità!

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium