/ Agricoltura

Agricoltura | 28 maggio 2020, 20:01

Grano, Coldiretti Cuneo dice "sì" agli accordi di filiera per prodotti da forno 100% piemontesi

Roberto Moncalvo: "I progetti di filiera vanno incontro alle esigenze dei consumatori, sempre più attenti alla provenienza degli ingredienti e sensibili ai temi della tracciabilità e della sicurezza alimentare"

Foto generica

Foto generica

Dopo la corsa ad accaparrarsi la farina per cucinare a casa pane, pizza e pasta durante il lockdown, ora, nella Fase 2 dell’emergenza sanitaria, la corsa è alla pasta Made in Italy che utilizza solo grano nazionale con il mercato dei cibi patriottici in grande espansione che ha raggiunto il valore record di 7,1 miliardi. Una tendenza confermata dal successo della campagna #MangiaItaliano promossa da Coldiretti e Filiera Italia che ha coinvolto industrie e catene della grande distribuzione.

Il Piemonte è particolarmente vocato alla coltivazione di frumento tenero con una superficie dedicata di oltre 84.000 ettari, di cui 17.000 in Provincia di Cuneo dove se ne producono 934.000 quintali. Per questo, spiega il Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo Roberto Moncalvo, “stiamo lavorando alla valorizzazione del frumento tenero piemontese attraverso accordi di filiera da implementare nel breve periodo affinché i prodotti da forno possano essere veramente prepararti con la farina Made in Piemonte”.

I progetti di filiera, oltre a sostenere il #MangiaItaliano e a garantire ai produttori la giusta remunerazione, vanno incontro alle esigenze dei consumatori, sempre più attenti alla provenienza degli ingredienti e sensibili ai temi della tracciabilità e della sicurezza alimentare. Un’attenzione – dichiara Moncalvo – che auspichiamo l’agroindustria virtuosa ponga sempre di più dimostrando disponibilità ad attivare accordi che diano impulso all’economia alimentare del nostro territorio”.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium