/ Economia

Economia | 29 maggio 2020, 07:01

Aria condizionata in auto: come funziona

Nella stagione estiva utilizzare l’aria condizionata in auto può essere davvero necessario

Aria condizionata in auto: come funziona

Nella stagione estiva utilizzare l’aria condizionata in auto può essere davvero necessario. Per comprendere meglio il funzionamento dell’aria condizionata all’interno di un veicolo, dobbiamo partire da un principio fondamentale. Si tratta della capacità di un liquido di trasformarsi in gas, assorbendo calore. Allo stesso tempo vale il principio opposto, ovvero, quando un gas diventa liquido, rilascia il calore che ha assorbito. Quindi possiamo dire, a caratteri generali, che il condizionatore nell’auto in realtà non produce aria fredda, ma ha il compito di ridurre l’aria calda che c’è all’interno dell’abitacolo. Ma andiamo nei dettagli e vediamo come funziona l’aria condizionata all’interno di un veicolo, perché possiamo comprendere fino in fondo come usare al meglio il climatizzatore all’interno dell’automobile.

Una soluzione per gli autoricambi

Anche il funzionamento dell’aria condizionata nell’auto è soggetto all’azione di alcuni elementi, che, con il tempo, possono andare incontro ad usura. Per questo Daparto.it offre una soluzione molto comoda, per cercare gli autoricambi che ti servono per la tua automobile.

Hai a disposizione una modalità molto flessibile ed utile per riuscire a confrontare i prezzi degli autoricambi che ti servono. Li trovi così in maniera piuttosto facile, visto che sul sito di Daparto hai la disponibilità di più di 10 milioni di offerte.

Basta utilizzare l’apposita piattaforma, grazie alla quale puoi trovare le offerte giuste, anche per risparmiare. Poi, dopo la tua ricerca, acquisti il pezzo che ti serve direttamente sul sito e in poco tempo risolvi le tue esigenze che riguardano gli autoricambi.

Come funziona l’aria condizionata nell’auto

Comprendiamo adesso meglio quali sono gli autoricambi che possono essere implicati nel funzionamento dell’aria condizionata. Tutto si basa sull’utilizzo di un evaporatore. Dentro di esso circola un liquido freddo.

L’aria calda viene raffreddata nel momento in cui fa il suo ingresso nell’evaporatore. Quest’ultimo si basa sul funzionamento di un compressore. Infatti è proprio il compressore che mette in circolazione il fluido all’interno dell’impianto.

Il compressore spinge il fluido all’interno del condensatore. Qui diventa liquido e poi viene inviato in un serbatoio, che ha il compito di trattenere le impurità e l’umidità. Poi il liquido diviene vapore e rinfresca l’aria circostante.

Quanto è importante il compressore dell’aria condizionata

Nell’ambito di questo processo è evidente che il compressore del condizionatore per l’auto svolge un compito molto importante. Infatti la sua funzione è quella di comprimere il gas che esce fuori dall’evaporatore.

Di solito nei veicoli più moderni il compressore funziona a pistoni, con cilindrata variabile. È molto importante che la cilindrata sia variabile, perché in questo modo l’impianto può assorbire la potenza necessaria a raffrescare l’interno dell’abitacolo del veicolo.

È un principio molto importante, perché in questo modo si possono ottimizzare i consumi. Naturalmente la potenza necessaria a raffrescare è tratta dal motore. Infatti il compressore è legato al motore da un altro componente importante che si chiama elettrofrizione.

Quando sostituire il filtro dell’aria condizionata nell’auto

A volte l’aria condizionata all’interno dell’auto porta con sé un odore piuttosto sgradevole. Questo problema potrebbe essere legato ad un cattivo funzionamento del filtro antipolline.

Il filtro dell’aria condizionata ha il compito di filtrare l’aria prima che questa venga raffreddata. Quindi potrebbe essere necessario intervenire proprio sul filtro che evidentemente non svolge più il suo compito in maniera esatta.

Puoi intervenire direttamente cambiando il filtro oppure, prima di cambiarlo, provare ad utilizzare dei prodotti specifici che vengono utilizzati con lo scopo di eliminare i cattivi odori.

Comunque considera che, oltre che da un problema al filtro, il cattivo odore dell’aria condizionata potrebbe dipendere anche da un funzionamento non esatto dello scarico della condensa oppure per esempio da un eccesso di accumulo di germi all’interno dell’evaporatore.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium