/ Eventi

Eventi | 31 maggio 2020, 09:00

Fase 2 e tempo libero dell’ultima domenica di maggio

Ecco qualche idea per trascorrere domenica 31 maggio, tra castelli aperti, parco safari ed escursioni in collina e in montagna, se le condizioni meteo ce lo permetteranno

Fase 2 e tempo libero dell’ultima domenica di maggio

Ecco qualche idea per trascorrere domenica 31 maggio, tra castelli aperti, parco safari ed escursioni in collina e in montagna, se le condizioni meteo ce lo permetteranno.

- Ti piace visitare castelli e torri? 

Il Fondo Ambiente Italiano ha riaperto alle visite il Castello di Manta e si entra al maniero esclusivamente su prenotazione con pagamento anticipato del biglietto per garantire la massima sicurezza per tutti. La prenotazione dovrà avvenire sul sito web www.ibenidelfai.it (tel. 017587822). Una volta all’interno dell’edificio, sarà obbligatorio usare la mascherina durante la visita ai luoghi; con il biglietto si riceverà anche l’accesso a contenuti on-line specifici sul tour. Il Castello della Manta è una fortezza medievale dal fascino severo, che nel suo Salone Baronale custodisce una delle più stupefacenti testimonianze della pittura tardogotica profana, ispirata ai temi dei romanzi cavallereschi.

Per prenotare puoi anche compilare il modulo sul sito www.castellodellamanta.it

Da oggi, domenica 31 maggio, Castelli aperti festeggia la 25ª edizione con le prime visite di stagione nei manieri di Sanfré, Monticello, Govone e alla torre di Barbaresco. L’invito si rinnova il 2 giugno. Da oggi a martedì torneranno visitabili pure i castelli di Barolo, Grinzane Cavour, Magliano Alfieri e Roddi. Fino a martedì 2 giugno sarà quindi possibile accedere agli spazi museali seguendo i protocolli di sicurezza applicati in ottemperanza al Dpcm del 17 maggio, prenotando in anticipo l’ingresso, mantenendo le distanze interpersonali di almeno un metro ed entrando muniti di mascherina. Gli accessi saranno contingentati e all’interno dei castelli il percorso tra gli allestimenti si svolgerà in autonomia.

A Barolo, con il WiMu-Museo del Vino e WiLa e con la collezione di etichette del Fondo Cesare e Maria Urbani, l’orario di ingresso è dalle 10.30 alle 19.00 (ultimo ingresso alle 18,00).

A Magliano Alfieri, con il Museo di Arti e Tradizioni popolari, sezione dei Soffitti in Gesso e il percorso museale dedicato al Teatro del Paesaggio delle colline di Langhe e Roero, si può entrare dalle 10.30 alle 18.30.

A Roddi, ingresso il sabato dalle 15.00 alle 18.00, la domenica e festivi dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00

Il castello di Grinzane Cavour, simbolo dei paesaggi vitivinicoli dell’Unesco, con le sale del Museo delle Langhe e l’Enoteca regionale piemontese, resterà aperto dalle 10.00 alle 19.00 (con ultimo ingresso alle 18.00).

Per accedere alle visite dei castelli da oggi, domenica 31 maggio a martedì 2 giugno è fortemente consigliata la prenotazione. Per Barolo, Magliano Alfieri e Roddi al numero di telefono 0173/386697 oppure scrivendo una mail a info@barolofundation.it. Per tutte le informazioni sulla prenotazione e le modalità di accesso www.barolofoundation.it. Per Grinzane Cavour al numero di telefono 0173/262159. Per tutte le informazioni sulla prenotazione e le modalità di accesso www.castellogrinzane.com.

Oggi è aperta anche la Torre di Barbaresco dalle 10.00 al tramonto. Prenotazione fortemente consigliata al 333 9040135. Intero 5 €; ridotto e gruppi (min. 10 persone) 4 €; gratuito fino a 12 anni. Aperto anche il Castello di Govone dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00; visita libera, con audioguide o guidata. Intero 5 €; ridotto (over 65) e gruppi (min. 20 persone) 4 €; gratuito fino a 14 anni ed Abbonamento Musei Torino Piemonte.

- Ti piace osservare o fotografare gli animali?

A Murazzano questo fine settimana il Parco Safari delle Langhe riaprirà i cancelli dalle 10 alle 18 ai visitatori, che saranno invitati, tramite apposita cartellonistica a rispettare le regole base del distanziamento sociale e al corretto uso delle mascherine.

In diversi punti del parco saranno collocati dispenser con gel igienizzante a disposizione dei visitatori. Il Parco Safari delle Langhe offre la possibilità di osservare da vicino gli animali che vivono in ampi spazi studiati per il loro benessere ed è stato realizzato come luogo di incontro tra uomo e natura;  da molti anni ha intrapreso un percorso di formazione e sensibilizzazione del pubblico che, visitandolo ha l’occasione non solo di ammirarne gli animali ospiti ma anche di comprenderne in profondità peculiarità e comportamenti. Oltre all’area safari, visitabile a bordo del proprio veicolo, saranno operativi il servizio bar e l’area picnic, il rettilario e l’area gonfiabili.

E’ possibile acquistare i “biglietti Sos” a tariffa agevolata direttamente dal sito Internet o direttamente alle casse del parco a prezzo intero. I biglietti acquistati online saranno validi fino alla fine dell’anno. Puoi fare anche una donazione per aiutare il parco. Non è necessario prenotare.

Scopri i tanti animali che puoi vedere su: www.parcosafari.it e www.facebook.com/parcosafari

Riapre il Centro cicogne di Racconigi, che torna agli orari precedenti l’emergenza, con giorno di chiusura il lunedì. L’Oasi è aperta, mentre il bar e il punto ristoro rimangono ancora chiusi fino a nuove disposizioni. Ci saranno alcune regole da rispettare per poter effettuare le visite in piena sicurezza. Le mascherine sono obbligatorie all’interno dei capanni, mentre si potrà scegliere tra i guanti monouso o il semplice igienizzante per le mani. Sono stati affissi dei cartelli che indicano il percorso consigliato per i visitatori, così da evitare assembramenti e avere un deflusso regolare, pur rispettando in ogni momento la distanza di sicurezza. Ogni postazione dovrà essere lasciata libera dopo 15 minuti al massimo. Durante il giorno di chiusura tutte le aree saranno decontaminate e igienizzate in modo professionale, così da garantire un ambiente sicuro a ogni apertura. Aperti anche martedì 2 giugno. 

Info: www.cicogneracconigi.it  e www.facebook.com/centrocicogneracconigi

Nell'Oasi Lipu di Crava-Morozzo, già dal 4 maggio è possibile accedere ai sentieri e passeggiare nell'area. Restano invece chiusi il centro-visita e i capanni di osservazione. 

Riapre il Centro “Uomini e lupi” di Entracque, composto di due sezioni: una in piazza Giustizia e Libertà, l’altra è in località Casermette e a collegarle, per chi vuole evitare spostamenti in auto, c’è un percorso ciclopedonale “Sulle tracce del lupo” di 2,5 km e attrezzato con pannelli. Il biglietto d’ingresso è unico (10 euro intero; 8 euro ridotto) con la possibilità di scaglionare le due visite entro il 31 dicembre 2021. Nella prima sezione si attraversa il mondo della fantasia, delle favole, leggende, miti legati al lupo e al suo rapporto con l’uomo. Nella struttura di località Casermette, altri cinque allestimenti, raccontano il lupo dal punto di vista del ricercatore e del naturalista, il suo ritorno naturale sulle Alpi dall’Appennino. E dopo aver scoperto “tutto” sul predatore si sale su una torretta di osservazione di tre piani affacciata sull’area faunistica in cui vivono otto lupi, recuperati in natura a causa di incidenti o cattive condizioni di salute. La riapertura avviene con ingresso del pubblico contingentato e con le modalità previste per la prevenzione della trasmissione del Covid19. Obbligatori per tutti la mascherina indossata, il rispetto delle distanze tra i visitatori, delle segnalazioni dei percorsi di visita e delle indicazioni degli addetti. 

Informazioni e prenotazioni chiamando i numeri 0171-978616; 0171976850 o scrivendo una mail a centrovisita@centrouominielupi.it.

- Sei appassionato di sentieri da percorrere a piedi (se non piove)?

A Villar San Costanzo è ricominciata la stagione dei “Ciciu”, la riserva naturale in località Costa Pragamonti del Comune di Villar San Costanzo; fino al 30 settembre apertura tutti i giorni (feriali e festivi) dalle 9 alle 19. Tariffe: 3 euro a persona, gratis per bambini con età inferiore a 12 anni. Per rispetto delle normative, non sono ancora previste le visite delle comitive. La riserva è nata per proteggere un fenomeno di erosione molto particolare: le “colonne”, chiamate anche piramidi o funghi, che si ergono ai piedi del massiccio del Monte San Bernardo.

I visitatori possono fruire di diversi percorsi per scoprire la Riserva: il percorso turistico e didattico Ciciuvagando, con un tempo di percorrenza di circa 45 minuti; il più impegnativo percorso escursionistico che inizia da una diramazione del percorso turistico e si snoda lungo la Costa Pragamonti, in direzione del Colle Liretta, con un tempo di percorrenza di circa due ore; il percorso ginnico, con 16 stazioni dotate di attrezzi sportivi in legno lungo un vallone di circa 500 metri e il percorso accessibile. Telefono del centro visita: 327-1176661, sito web: www.provillar.it

A Montemale fino al 30 giugno, lungo il Percorso del Drago è possibile ammirare una mostra fotografica all’aperto che raccoglie alcune immagini realizzate da Luca Cucchietti. Le fotografie, una quindicina, ritraggono prevalentemente angoli di Montemale e paesaggi delle Valli Grana e Maira e sono state posizionate in alcuni punti del sentiero, recentemente ripulito da alcuni volontari. Il percorso, adatto anche a famiglie con bambini, è lungo circa 5 chilometri e ha un lieve dislivello di 200 metri. Lungo il tracciato, che parte dal concentrico di Montemale e scende verso Valgrana, è possibile ammirare alcuni dei punti di maggiore interesse naturalistico e storico del paese come il Brich dle forche, il Drago, l’antica cava di pietra, le rovine del castello della Reino Jano, la Madonna dei Boscaioli. L’esposizione rimarrà allestita fino al 30 giugno.

Ad Ostana il percorso naturalistico e didattico “Bosco incantato” riapre al pubblico oggi, domenica 31 maggio, dalle 9 alle 19. C’è già un tripudio di fiori e di colori. Il “Bosco incantato” è un’esperienza di totale immersione nella natura. Un percorso naturalistico, didattico, filosofico pensato per ritrovare la pace interiore e l’armonia con l’universo. In questo luogo incontaminato abbiamo creato dieci oasi: il giardino botanico, l’orto di permacultura, l’olmo antico, il teatro, il giardino zen, la casa tra gli alberi, le acque della salute, il labirinto spirituale, il camminamento a piedi nudi, il ciclo dell’acqua”. Nella massima sicurezza contro il virus, le famiglie con i bambini (fino a 11 anni non pagano il biglietto di 10 euro, mentre i ragazzi fino ai 17 anni pagano 5 euro) potranno anche fare il picnic nel Bosco, di fronte alla mole incantevole del Monviso.

Info: https://ilboscoincantatoostana.com

- Vuoi andare sulle nostre belle Alpi e magari fare una sosta ad un rifugio (tempo permettendo)?

Ad Ostana riapre anche il Rifugio Galaberna, in uno dei borghi più belli d’Italia, situato di fronte al Monviso, permette ai visitatori di effettuare molteplici attività sportive e di relax quali passeggiate immerse nella natura, trekking, arrampicata, mountain bike. Il rifugio offre camere dotate di ogni confort per garantire agli ospiti un’accoglienza calorosa e rilassante che soddisfi le esigenze di tutti, coppie, gruppi d’amici, famiglie. Nel suo ristorante si possono assaporare le delizie della cucina piemontese e occitana garantite dall’utilizzo di prodotti locali. Nuovo servizio pic-nic.

Vedi tutte le novità e le modalità di prenotazione su: http://www.rifugiogalaberna.com/2/

Ai 1800 metri di Pian della Regina di Crissolo riapre la Baita della Polenta e sarà possibile gustare 

un piatto di fumante polenta taragna, servita con carni al civet, funghi porcini trifolati e formaggi locali e preceduta da una degustazione di sfiziosi antipasti a base di salumi e lardo con erbette di montagna accompagnato dalle immancabili castagne. Un bicchiere di buon vino ed un Genepy finale, frutto della coltivazione di Pian Regina, faranno da corona ad un pranzo o ad una cena preparata con passione.

Da questo week end gli escursionisti torneranno ad avere a disposizione un punto di riferimento che servirà loro bevande calde e fredde ed una serie inenarrabile di ghiotti panini. A disposizione c’è anche un’area camper, tende, picnic e barbecue per campeggiare con tende e camper, piazzole con erbetta immerse tra i larici, area picnic con tavoli di legno, acqua, ombrelloni e barbecue.

La “Baita della polenta” risponde per prenotazioni al numero 0175.94907 ed è presente sul web con il proprio sito www.rifugiopiandellaregina.it e www.facebook.com/Rifugio-Pian-della-Regina-La-Baita-della-Polenta

Dal 18 maggio nuove regole per accedere alle aree verdi e ai parchi, con possibilità di svolgere attività ludiche e ricreative all'aperto. Ecco cosa si può fare nelle Aree Protette Alpi Marittime: picnic, grigliate e barbecue, brevi soggiorni in tenda, camper o roulotte (massimo 48 ore nella stessa località); è consentito inoltre svolgere attività sportiva o attività motoria all'aperto purché nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività. Obbligo di avere con sé la mascherina per indossarla in caso di necessità o per entrare in esercizi pubblici.

Da sabato 30 maggio al 2 giugno i parcheggi di Terme di Valdieri (Lourousa e San Giovanni) e San Giacomo di Entracque saranno a pagamento. Sosta gratuita per il resto della settimana e pagamento nel week-end del 6 e 7 giugno, mentre dal 13 giugno sino a settembre il ticket sarà dovuto tutti i giorni. Le tariffe sono invariate rispetto la stagione passata. 

Da questo fine settimana tutti i rifugi del tour del Marguareis torneranno ad aprire i battenti con protocolli ben precisi: distanziamento, sanificazione, utilizzo di dispositivi come le mascherine. Solo i nuclei famigliari possono stare ad una distanza inferiore al metro, tutti gli altri, compreso un gruppo di amici, dovrà adeguarsi. Non ci possono essere deroghe. Ogni area deve essere delimitata, consentendo un accesso regolamentato, con cartelli che richiamino le norme igieniche e le distanze di sicurezza e prevedere percorsi che non permettano l’incrocio delle persone. Obbligatorio il dispenser con il gel disinfettante. Nelle aree esterne, ove possibile, è opportuno provvedere alla copertura esterna con gazebi, tende, pensiline, limitando così l’eccessiva pressione all’entrata del rifugio.

L’entrata in rifugio è contingentata in base al numero di persone previsto e si potrà accedere solo utilizzando i dispositivi di sicurezza previsti e con distanza di almeno un metro (questa norma non viene applicata per i nuclei familiari). Il servizio al tavolo sarà effettuato con utilizzo della tovaglietta monouso e disinfezione prima del riutilizzo dei posti. Nel caso in cui si raggiunga l’occupazione massima prevista dei posti a sedere per la ristorazione all’interno del rifugio, nel rispetto delle distanze di sicurezza, il gestore deve predisporre un cartello in entrata che blocchi l’accesso. Richiesta la prenotazione sia per mangiare che per pernottare.

Una delle gite più belle e frequentate è senza dubbio il tour del Marguareis e i gestori dei vari rifugi-tappa sono pronti: da sabato tutti riapriranno, dai rifugi “Pian delle Gorre” e “Mondovì” (già aperti nel week-end), al “Garelli”, dal “Mongioie” al “Don Barbera”, fino alla “Locanda d’Upega”.

Ecco i riferimenti per verificare orari e modalità di accoglienza: 

Rifugio Pian delle Gorre: www.facebook.com/piandellegorre/

Rifugio Don Barbera: www.rifugiodonbarbera.eu/

Locanda d’Upega: locandaupega.com

BM

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium