/ Eventi

Eventi | 02 giugno 2020, 07:43

Fase 2 e turismo di prossimità nel giorno della Festa della Repubblica

Ecco qualche suggerimento per trascorrere questa giornata, martedì 2 giugno, ma ricorda sempre che devi muoverti con responsabilità e prudenza, in totale sicurezza per te e per gli altri e rispettare le regole imposte dall’emergenza sanitaria

Foto di Toomas Tartes- tramite unsplash

Foto di Toomas Tartes- tramite unsplash

Mancheranno tante manifestazioni legate alla ricorrenza della Festa della Repubblica che verrà celebrata con modalità diverse a seconda dei Comuni. A Saluzzo verrà celebrata in forma ridotta per le norme di sicurezza Covid 19. Potrà essere seguita in diretta sulla pagina facebook del Comune. La cerimonia si svolgerà oggi nel cortile della ex Caserma Musso (piazza Montebello 1) a partire dalle 10.30 con l’allocuzione del sindaco Mauro Calderoni. Come tutti anni verrà consegnata la “Costituzione della Repubblica Italiana” ai giovani saluzzesi che nel corso dell'anno compiono 18 anni. Sono 126 quest’anno. A Bra, a partire dalle 11 si svolgerà una cerimonia nella quale interverranno il sindaco Gianni Fogliato e il presidente del Consiglio comunale Fabio Bailo. Un momento che i braidesi sono invitati a seguire da casa grazie a una diretta streaming trasmessa sulla pagina Facebook del Comune di Bra (visibile anche dai non iscritti al social e raggiungibile cliccando su questo link o dalla home page del sito www.comune.bra.cn.it).

Vuoi andare a visitare un museo, una mostra o altri luoghi culturali?

A Mondovì torna Infinitum, la mostra immersiva, prima ed unica nel suo genere in Piemonte, allestita presso la chiesa della Missione di Mondovì Piazza. Apertura straordinaria per oggi, 2 giugno, dalle 20.30 alle 20.30, in occasione della Festa della Repubblica. Ultimo accesso alle 23.00. I nuovi orari di apertura permetteranno una piena fruizione del suggestivo spettacolo “Andrea Pozzo Racconta”, combinazione di giochi di luce, musiche barocche e racconti, oltre all’utilizzo dei visori 3D e dei video immersivi a 360 gradi. Torneranno quindi anche le collaborazioni con i locali commerciali di piazza Maggiore. Infinitum torna con ingressi contingentati su prenotazione, sarà possibile accedere ogni 30 minuti a gruppi di massimo 20 persone mantenendo sempre le distanze di sicurezza. Visitatori e operatori dovranno indossare guanti e mascherine per la protezione di tutti. Per la sicurezza dei visitatori i dispositivi utilizzati per la visita saranno opportunamente sanificati dopo ogni utilizzo. Per prenotazione e informazioni relative alla visita, è possibile consultare il sito internet www.infinitumondovi.it o scrivere alla mail info@infinitumondovi.it.

Oggi, martedì 2 giugno a Cherasco riapre Palazzo Salmatoris, continuando a proporre la mostra: “Ri-cercare la figura infinita” di Sergio Ùnia: le sue sculture, le donne, le figure umane, sono rimaste ad aspettare, in attesa di essere nuovamente ammirate. Grande scultore, disegnatore raffinato e intenso, Ùnia interpreta con dolcezza, spontaneità e forte valenza espressiva l’universo femminile e giovanile, alla ricerca della grazia, dell’armonia e della vita che pulsa. L’artista indaga da sempre la figura umana, soprattutto il mondo femminile: attenzione ai dettagli e una grande carica espressiva sono le caratteristiche che rendono uniche le sue statue”. La rassegna di Palazzo Salmatoris sarà visitabile, ad ingresso libero, rispettando le norme per la sicurezza anti Covid, dal mercoledì al venerdì dalle 14,30 alle 18,30, sabato e domenica e festivi dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,30. Oggi, martedì 2 giugno aperto mattino e pomeriggio, con gli stessi orari della domenica. Info: www.comune.cherasco.cn.it

A Bastia Mondovì da oggi, martedì 2 giugno, riapre la chiesetta quattrocentesca di San Fiorenzo, con visite guidate ogni domenica, fino al termine di ottobre, dalle ore 15 alle 18. I volontari dell’Associazione culturale “San Fiorenzo Onlus” accompagneranno i visitatori, secondo le disposizioni legate all’emergenza sanitaria, suddivisi in due gruppi: uno con inizio visita alle ore 15 e l’altro con inizio alle 16.30. I gruppi possono essere composti al massimo da 34 persone ciascuno; i visitatori verranno sistemati tra i banchi, nei posti assegnati e devono essere dotati di guanti e mascherina. All’interno della chiesa sarà inoltre disponibile il dispenser per l’igienizzazione delle mani. Per ulteriori informazioni e prenotazioni visite contattare il numero 338-4395585 e vai sul sito: www.sanfiorenzo.org

Da martedì 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica Italiana, col consueto orario pomeridiano, dalle 15.30 alle 18.30, il Museo Civico di Cuneo riaprirà al pubblico le sale, dopo il periodo di chiusura forzata dettato dall’emergenza sanitaria.
Per migliorare la qualità dell’esperienza in museo ed evitare tempi di attesa si invita a prenotare in anticipo la visita. Per una visita serena e in sicurezza è necessario rispettare l’accesso contingentato, il rispetto del distanziamento sociale ed è necessario indossare la mascherina. Ingresso gratuito fino al 24 giugno), orari: dal martedì alla domenica, dalle 15.30 alle 18.30. Chiuso i lunedì non festivi.
Anche il Museo Casa Galimberti riapre oggi, 2 giugno e poi le visite si potranno effettuare il sabato, la domenica e i festivi, dalle 15,30 alle 17.  Alcune annotazioni per una visita serena e in piena sicurezza: è necessario prenotare l’accesso telefonando al numero 0171/444801 o inviando una e-mail a museo.galimberti@comune.cuneo.it. Ricevuta la conferma di prenotazione bisogna recarsi qualche minuto prima dell’orario prescelto direttamente al 2° piano e attendere l’arrivo della guida, mantenendo il distanziamento dagli altri utenti. L’accesso è contingentato a 3 utenti a visita; è obbligatorio indossare la mascherina e sanificare le mani prima di accedere.
Info: www.facebook.com/museocasagalimberti

Ti piace visitare forti e castelli?

Oggi, martedì 2 giugno, giorno della Festa della Repubblica, la Fondazione Artea con il Comune di Vinadio riapre al pubblico il Forte Albertino. Le visite e la fruizione dei percorsi saranno strutturate nel rispetto dei protocolli anti Covid, con ingressi contingentati e ogni accorgimento a garanzia della sicurezza sanitaria di pubblico e personale. L’offerta per la stagione 2020 comprende l’itinerario storico con visita guidata e i percorsi multimediali “Montagna in movimento” e “Messaggeri alati”. Rimangono temporaneamente chiusi, invece, i percorsi
di realtà virtuale, mentre è sempre attiva l’applicazione disponibile gratuitamente per iOS e Android del gioco “La lettera perduta”. Per tutto il mese di giugno, il bene sarà fruibile il sabato dalle 14,30 alle 19 e la domenica dalle 10 alle 19. Diverse sono le opzioni di ingresso: “Montagna in movimento” e “Messaggeri alati” al costo di 7 euro intero e 5 ridotto, visita guidata al Forte a 6 euro intero e 4 ridotto, oppure il cumulativo dell’intera offerta a 10 euro intero e 8 ridotto. Anche quest’anno è stata implementata l’offerta “Kids and family” con la programmazione di cinque appuntamenti “Fortemente Eco”, attività didattiche a tema eco-friendly programmate ogni seconda domenica del mese da giugno a ottobre. Un’altra importante novità, online da giugno, è il nuovo portale www.fortedivinadio.com con veste grafica totalmente rinnovata a contenuti ampliati. Per informazioni consultare il sito www.fondazioneartea.org

Per la rassegna Castelli aperti oggi, martedì 2 giugno, sono aperti i seguenti siti:
Torre di Barbaresco dalle 10.00 al tramonto. Prenotazione fortemente consigliata al 333 9040135. Intero 5 €; ridotto e gruppi (min. 10 persone) 4 €; gratuito fino a 12 anni;
Filatoio di Caraglio con visita guidata, per un massimo di dieci persone alla volta per poter garantire le distanze. Si richiede quindi la prenotazione. Info:  www.filatoiocaraglio.it;
Castello della Manta: www.castellodellamanta.it
Aperto anche il Castello di Monticello d’Alba con visite guidate che partono ogni ora. Visita libera nel parco. Anche oggi, martedì 2 giugno, dalle 10 alle 13 e dalle 14 fino alle 18, sarà possibile accedere al Parco e al Castello con guide virtuali d’eccezione. I visitatori, direttamente con il proprio smartphone, possono inquadrare i QRCode installati nei vari punti d'interesse nelle sale e nel parco e ascoltare e vedere filmati con la spiegazione del padrone di casa.
In ottemperanza ai protocolli per le misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19, gli ingressi al Parco e al castello saranno contingentati. La prenotazione è consigliata. Si rammenda che l’accesso è consentito solo se muniti di mascherina.
Info: www.roerodimonticello.it e www.facebook.com/CastelloRoero

Per tutte le informazioni sugli orari, sulle modalità di visita dei siti aperti oggi, consulta il sito: www.castelliaperti.it

Sei appassionato di sentieri da percorrere a piedi (se non piove)?
 
L'Ecomuseo delle Rocche del Roero riunisce in un unico museo a cielo aperto gli otto comuni di sommità sorti dopo l'anno mille sulla faglia delle "Rocche". Da Cisterna a Pocapaglia ci si imbatte in un territorio unico fatto di borghi arroccati sui crinali delle colline, una flora unica composta da microclimi secchi che convivono accanto ad altri estremamente umidi.
Le Rocche del Roero sono da scoprire attraverso le proposte turistiche dell'Ecomuseo: trekking guidati, oltre 100 km di sentieri adatti anche alla mountain bike.
La Rete Sentieristica del Roero è stata manutenuta in seguito al periodo di lockdown con interventi che hanno riaperto quasi tutti i Sentieri.
Risultano ancora chiusi: S2-Sentieri degli Asfodeli di Sommariva Perno, il Sentiero del Trifolao di Vezza d'Alba. Se si riscontrassero criticità in seguito a camminate o sopralluoghi esplorativi è possibile segnalarlo all'indirizzo: sentieri@ecomuseodellerocche.it.  
Consultare il sito: www.ecomuseodellerocche.it

A Vottignasco, lungo il sentiero sul Maira i volontari hanno messo in sicurezza il percorso classico che si snoda lungo la sponda destra del nostro fiume e creato il “Sentiero dei Suoni dell’acqua” nella zona verso Villafalletto ed il “Sentiero Olga” che permette al visitatore di rimanere immerso nel verde e di riscoprire l’antica sorgente Parola per anni rimasta nascosta alla visuale dei passanti. Sono state risistemate alcune varianti del sentiero (Sentiero Jacopo e Sentiero Paulin), appositamente create per gli appassionati di mountain-bike, ma comunque percorribili anche a piedi per chi vuole un percorso un po’ più impegnativo.
Passeggiando lungo il fiume si possono incontrare diversi ambienti e si fanno incontri inaspettati come le lepri, le volpi, i caprioli. Si possono osservare innumerevoli specie di avifauna, sia stanziale che migratoria, come ad esempio gli aironi, le garzette, i germani reali, i picchi, i passeriformi, i rapaci diurni. Spesso sulle lingue di sabbia che affiorano dal corso del fiume sono riconoscibili le orme degli animali che vanno ad abbeverarsi. Oltre alle bellezze naturalistiche, si possono ammirare anche le fiabe su pannelli immersi nel verde realizzati dalla ProVotti per allietare le visite dei più piccoli. Info: www.facebook.com/prolocoVottignasco

A Roccasparvera dalla frazione Castelletto si può percorrere il Cammino delle Parole, un piccolo percorso sui sentieri della frazione in cui sarà possibile, immersi nel verde o tra i casolari più antichi, leggere in solitaria brevi racconti di narrativa, poesia e musica a tema naturalistico in pieno relax. Sette tappe, connotate da altrettante buche delle lettere. che racchiudono brani inediti e non in cui si raccontano episodi legati al posto in cui ci si trova (storie di fiume vicino al rio di Rittana, di borgata nei vicoli antichi di Castelletto, ecc.). Un’idea poetica ed evocativa, una via di mezzo tra l’aprire uno scrigno di ricordi e ricevere una lettera con dei racconti. Il progetto vuol essere un modo per dare una risposta turistico-culturale in un territorio come quello di Roccasparvera così vicino alle città di pianura e comodo per chi volesse passare un momento di relax nel verde. Chi desidera seguire il percorso potrà recarsi presso il Bar Ines di Castelletto, dove riceverà una mappa ed un mazzo di chiavi (preferibile prenotazione via whatsapp al numero 335- 6216583).

A Sanfront, oggi martedì 2 giugno riapre ufficialmente i battenti la Borgata Museo di Balma Boves, caratteristico borgo costruito sotto un’enorme sporgenza rocciosa, il cui peculiare aspetto, con le sue case in pietra dai tetti piatti, tanto ricorda quello dei pueblo indiani del Nord America.
Il sito, oggi ristrutturato e trasformato in ecomuseo, ci svela il segreto degli antichi abitanti di questo villaggio: lo stretto contatto con la natura, l’autosufficienza, la cura ed il saggio sfruttamento delle risorse naturali come l’acqua, la pietra, i frutti della terra. Ancora oggi infatti, gli attrezzi, le abitazioni, le stalle, i fienili, gli essiccatoi per le castagne, le fontane e l’antico forno, ci raccontano di un tempo in cui questi luoghi furono testimoni della cosiddetta “civiltà del castagno”.
L’associazione Vesulus, che da anni gestisce la Borgata Museo sul Mombracco invita alla prenotazione. Info: www.balmaboves.it/

Vuoi andare sulle nostre belle Alpi e magari fare una sosta ad un rifugio (se il meteo lo consente)?

Da inizio mese nelle Valli Cuneesi c’è una novità: “Lou Cavagnin”, il cestino da asporto a prezzo fisso, ma con una gran varietà di composizioni, acquistabile in oltre 40 attività delle valli Maira, Grana, Stura e Varaita. In val Maira si trovano circa la metà degli esercizi che hanno aderito all’iniziativa lanciata dalla Rete del buon cammino che coinvolge locande, rifugi, trattorie e ristoranti, aziende agricole e caseifici; una decina in valle Varaita ed altrettante in valle Stura, 4 in val Grana. Si presenta con due formule a scelta dei visitatori: con 7 euro si acquista Lou Piciot Cavagnin, uno spuntino da consumare durante le escursioni, mentre Lou Grand Cavagnin (al prezzo di 10-12 euro) comprende una cena dai sapori tradizionali. Nel cestino ci sono i piatti ed i prodotti caratteristici di ciascun esercizio confezionati da asporto: il pane cotto nel forno a legna, la toma fresca, gli affettati stagionati in cantina, i raviolas e i cruset, la polenta e le crostate, una birra fresca. Per scoprire che cosa offre ciascun presidio si può consultare le pagine Facebook o Instagram, il sito web o telefonare per informazioni. Dopo aver scelto il presidio (l’elenco completo si trova sulla pagina Facebook Lou Cavagnin) si prenota con una telefonata o via email e si passa a ritirare Lou Cavagnin; posate e bicchieri si portano da casa, meglio se non usa e getta. Dopo averlo ritirato si sceglie un luogo in cui consumarlo in sicurezza, quindi mantenendo la distanza di almeno un metro dagli amici. Info: www.facebook.com/loucavagnin

Ad Acceglio riaperto il rifugio di Viviere che prende il nome dall'omonima borgata nel Vallone di Unerzio, minuscolo agglomerato di antiche grange in pietra poste su un poggio panoramico in Alta Valle Maira, nel cuore delle Alpi Occitane.
Sono disponibili 6 camere con bagno privato, cucina con tipici piatti occitani e piemontesi. Vedi le regole per accedere sulla pagina Facebook della struttura. Info: http://rifugiodiviviere.com/  

A Montaldo di Mondovì riapre il Rifugio “La Maddalena”, ai Vernagli, immerso nel verde al confine tra i Comuni di Roburent e Montaldo. Per la riapertura sono state seguite le direttive di
Conitours e Confcommercio, che si uniformano alle linee guida del Ministero della sanità. Come sempre, per la ristorazione calda si lavora su prenotazione, mentre il servizio bar e tavola fredda sono sempre aperti. Info: www.rifugiolamaddalena.it/

Aperto da inizio giugno a fine settembre in maniera continuativa il bellissimo Rifugio Valasco, nel cuore del Parco delle Alpi Marittime a 1764 m in Valle Gesso, località Terme di Valdieri (CN).
Offre servizio bar, ristoro e soggiorno.
In ottemperanza alla normativa Covid è necessaria la prenotazione.
Per avere tutte le informazioni aggiornate, consulta la pagina: www.facebook.com/Rifugio-Valasco




M.B.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium