/ Attualità

Attualità | 06 giugno 2020, 11:02

L'Associazione Commercianti Albesi scrive ai sindaci: "Per ripartire coltiviamo insieme la bellezza"

La missiva, siglata dal presidente e dal direttore dell'Associazione Commercianti Albesi, Giuliano Viglione e Fabrizio Pace, ha per oggetto “Ripartire in bellezza” ed esprime la vicinanza agli amministratori locali che nei mesi del lockdown hanno tenuto unite le comunità e garantito i servizi, così come l'A.C.A. ha messo in campo il massimo impegno per supportare le attività, rimanendo sempre aperta e a disposizione degli imprenditori in un momento di estrema difficoltà

L'Associazione Commercianti Albesi scrive ai sindaci: "Per ripartire coltiviamo insieme la bellezza"

Rinsaldare il legame tra le attività del commercio, del turismo e dei servizi con il territorio, componente essenziale dell'economia, garantendo reciprocità e sussidiarietà. Con questo obiettivo, l'Associazione Commercianti Albesi ha scritto nei giorni scorsi una lettera al sindaco di Alba Carlo Bo e a tutti i sindaci di Langhe e Roero, nonché al presidente della Provincia Federico Borgna, per dare sostegno ed esortare ad una ripartenza generale e condivisa dopo la crisi causata dal Covid-19.

La missiva, siglata dal presidente e dal direttore dell'Associazione Commercianti Albesi, Giuliano Viglione e Fabrizio Pace, ha per oggetto “Ripartire in bellezza” ed esprime la vicinanza agli amministratori locali che nei mesi del lockdown hanno tenuto unite le comunità e garantito i servizi, così come l'A.C.A. ha messo in campo il massimo impegno per supportare le attività, rimanendo sempre aperta e a disposizione degli imprenditori in un momento di estrema difficoltà.

Ora – secondo A.C.A. - è tempo di riappropriarci della nostra vita, partendo dai nostri spazi, nei quali viviamo e lavoriamo, recuperando e se possibile incrementando le buone pratiche del rispetto, del decoro e della pulizia dei nostri luoghi, prassi che rinsaldano un patto di territorio tacito e fondamentale, sfondo irrinunciabile per un'area Patrimonio dell'Umanità.

Di seguito, il testo della lettera:

“Gentile Sindaco,
la crisi generata dal Covid-19 ha costretto le autorità a relegare in casa le persone e sospendere le attività economiche, con l'obiettivo di tutelare la salute di tutti.
    

Ora che il contagio si attenua, pur con tutte le dovute prudenze e le necessarie precauzioni, anche l'economia tenta una ripartenza che sarà certamente complessa e ci proietterà in una dimensione del tutto nuova, fatta di regole rigide da rispettare e di un accresciuto senso di responsabilità gli uni verso gli altri.
    

I Sindaci figurano tra coloro che maggiormente si sono impegnati in questi mesi difficili, prodigandosi ancora più del solito per il benessere e la tranquillità delle proprie comunità di cittadini.
    

L'Associazione Commercianti Albesi, che nel proprio ambito e per le proprie competenze, ha dato il massimo per portare alle imprese una vicinanza concreta, ringrazia gli amministratori locali, senza i quali non sono possibili le sinergie che aiuteranno il nostro sistema imprenditoriale a ripartire.
    

Mai come in questo momento, infatti, c'è bisogno del territorio. Mai come ora, abbiamo bisogno di avere intorno a noi la bellezza a confortarci e darci forza. Oggi più che mai, desideriamo vivere e lavorare nei luoghi in cui viviamo e lavoriamo. E se dovremo aspettare mesi per veder ritornare i turisti stranieri a gioire insieme a noi dei panorami, dei negozi nelle vie eleganti e dei borghi di collina, della cucina e del buon vivere... crediamo logico, giusto e necessario iniziare da noi.
    

L'A.C.A., come sempre, farà la propria parte, non facendo mancare alle amministrazioni locali il supporto di idee e progetti, andando oltre il suo ruolo istituzionale e favorendo una rete di contatti e scambi verso le iniziative di promozione finalizzate alla ripresa.
    

Chiediamo a voi sindaci di continuare ad esprimere la vostra consueta sensibilità nel mantenimento del decoro e della pulizia urbana, insomma di quei dettagli che possono fare la differenza, a partire dagli sfalci erbosi lungo le strade di competenza, dall'arredo urbano e dalla raccolta dei rifiuti laddove gli impenitenti maleducati continuano a gettarli.
    

Resta la priorità assoluta della salute e del benessere delle comunità, ma siamo convinti che la vostra passione per il territorio accompagnerà ogni azione possibile per garantire ancora una volta, a questo quadro meraviglioso, la sua degna cornice”.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium