/ Attualità

Attualità | 10 giugno 2020, 15:45

Mauro Gola: "Le aziende sfruttano l'Inps per opportunismo? Pregiudizi anti imprenditoriali"

Bufera dopo le dichiarazioni del Presidente dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale

Mauro Gola: "Le aziende sfruttano l'Inps per opportunismo? Pregiudizi anti imprenditoriali"

Mauro Gola (Confindustria Cuneo): «In Piemonte moltissime Pmi hanno preferito anticipare gli importi ai dipendenti per evitare che questi subissero ritardi nei pagamenti. E in Granda constatiamo efficienza e celerità: la collaborazione pubblico-privato funziona»

Gli ambienti imprenditoriali nazionali e locali hanno letto con scalpore le dichiarazioni del presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, in un’intervista rilasciata a un quotidiano.
Secondo Tridico le imprese non riprenderebbero l’attività per questioni di opportunismo poiché, in attesa che il mercato riparta, è lo Stato a farsi carico dell’80 per cento della busta paga dei lavoratori.
La replica di Confindustria è stata immediata: «Si tratta di affermazioni ingiuste, soprattutto nei confronti delle piccole imprese che faticano a riprendere l’attività per la forte contrazione della domanda e per gli oneri fiscali e contributivi a cui, nonostante la crisi di liquidità, devono comunque adempiere. Inoltre le parole del presidente Tridico evidenziano il perdurare un pregiudizio nei confronti del sistema imprenditoriale e sono ben lontane dallo spirito di coesione invocato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dal governatore della banca d’Italia, Ignazio Visco, e dai più alti esponenti del Governo».

A questa netta presa di posizione si unisce quella di Mauro Gola, presidente di Confindustria Cuneo: «Una risposta chiarificatrice, per quanto riguarda la nostra regione, giunge da una notizia data dal Tg di Confindustria Cuneo sull’emergenza Covid trasmesso sino a fine maggio. In Piemonte moltissime aziende, pur potendo ribaltare sull’Inps l’onere del pagamento della Cig, hanno preferito anticipare a loro carico gli importi ai propri dipendenti per evitare che questi subissero ritardi nei pagamenti; il rapporto tra domanda autorizzate e richieste di pagamento diretto è risultato il migliore in Italia. È il segnale di una classe imprenditoriale sana e seria che riconosce nella propria forza lavoro un elemento strategico, essenziale per la salute delle proprie aziende. Devo peraltro aggiungere che i rapporti con la sede locale dell’istituto sono caratterizzati dalla costante massima efficienza e celerità. Siamo di fronte a un caso di collaborazione virtuosa fra pubblico e privato che, anche in questo periodo così travagliato, consente di arrivare all’erogazione della Cig in tempi assai celeri».

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium