/ Politica

Politica | 10 giugno 2020, 12:09

Un anno da sindaco: a tu per tu con Dario Tallone, primo cittadino di Fossano

Dalla soddisfazione per la fiducia dei cittadini alle difficoltà dell’emergenza Covid-19 con una proiezione al futuro

Un anno da sindaco: a tu per tu con Dario Tallone, primo cittadino di Fossano

Sono trascorsi 12 mesi ieri dal 9 giugno 2019, giorno dell’elezione di Dario Tallone a sindaco di Fossano e abbiamo approfondito con lui alcuni momenti salienti di questo mandato.

Dalla riconoscenza per gli 88 candidati che sono scesi in campo al suo fianco in campagna elettorale all’affetto dimostrato dai cittadini sia nelle fasi iniziali che negli ultimi mesi caratterizzati dall’emergenza sanitaria da Covid-19 quello tratteggiato da Tallone è un bilancio che, nonostante le difficoltà causate dall’imprevedibile contesto emergenziale e dalla difficile macchina burocratica, è positivo.

Una squadra coesa quella descritta da Tallone, con incontri frequenti della Giunta comunale per affrontare tutti i temi: “Facciamo anche due Giunte alla settimana per affrontare tutti i temi senza lasciare nulla al caso. In questo modo stiamo affrontando tutte le problematiche che abbiamo incontrato partendo dal dialogo con le frazioni per arrivare agli incarichi affidati per individuare le criticità sulle scuole”.

Un anno basato sul dialogo, spiega Tallone, con i cittadini, con le associazioni di categoria, quelle di volontariato che ha anche contribuito in questi mesi a contenere l’emergenza sanitaria: “Grazie alla collaborazione con le associazioni di volontariato, ad esempio, è stato possibile far passare il messaggio dell’importanza di stare a casa”. Comunicazione passata anche attraverso il confronto diretto con i cittadini: “Spesso mi chiamavano per dirmi che c’erano anziani soli che faticavano a rimanere a casa, io telefonavo loro e spiegavo l’importanza di non uscire”. L’attenzione per gli anziani è uno dei primi aspetti che Tallone ha voluto sottolineare nella nostra intervista: “Sono importanti per questa amministrazione, un esempio di vita per tutta la città”.

Un anno di mandato inevitabilmente segnato, dunque, dall’emergenza sanitaria, ma non solo. Tra attività svolte e progetti futuri Tallone ha fatto un quadro di dodici mesi intensi.

Ma quali sono i punti che maggiormente hanno contraddistinto questi dodici mesi di mandato?

Riorganizzazione degli uffici comunali

“Abbiamo verificato dove servivano risorse – ha spiegato Tallone -, spostando persone tra gli uffici per coprire una serie di necessità. Da un lato questo ha creato anche un malcontento, ma quando si trasferisce una persona, si crea un’esperienza nuova che può fare bene sia alla persona che si trova coinvolta in un lavoro nuovo, sia alla comunità. C’erano dei blocchi burocratici anche dovuti alla carenza di personale in alcuni settori e in questo modo si stanno risolvendo. Ad esempio uno dei punti importanti, portato avanti insieme all’assessore Paesante, è stato lo spostamento del SUAP per velocizzare il più possibile pratiche di commercio, artigianato e urbanistica”.

Frazioni

“Una delle cose con le quali ci siamo confrontati a inizio mandato è il poco dialogo con le frazioni. La prima cosa che ha fatto l’assessore all’agricoltura e frazioni e vicesindaco Pellegrino è stato sentire tutti i consigli frazionali. La prima problematica emersa è stata quella delle strade vicinali che necessitano di una manutenzione straordinaria. Sono stati stanziati dei soldi per le strade e il vicesindaco sta facendo un buon lavoro. Altri problemi sono emersi per i cimiteri frazionali. Anche in questo caso è già pronta una variazione di bilancio proprio nel mese di giugno per la sistemazione dei cimiteri frazionali”.

Scuole

“Abbiamo riscontrato alcune problematiche anche gravi, anche strutturali nelle scuole ed è uno dei primi punti affrontati. Sono stati affidati incarichi per individuare le priorità. Purtroppo abbiamo alcuni lavori fermi che stiamo cercando di sveltire. Tra quelli risolti vale la pena ricordare quello delle famose aule della discordia (le due aule contese tra scuola media di via Dante e scuola primaria Italo Calvino recentemente assegnate in modo definitivo all’istituto comprensivo Sacco). L’amministrazione precedente non ha mai portato le due dirigenti in questo ufficio per risolvere la situazione. Le abbiamo coinvolte e abbiamo visto che l’accordo tra loro era quasi impossibile quindi, sentiti i pareri delle referenti, abbiamo preso una decisione come giunta destinandole in modo inequivocabile. In questo modo è stato possibile dare il via a una serie di lavoro, attualmente in corso, per compartimentare i due Istituti”.

Edilizia Privata

“L’assessore Paesante, a inizio anno, è riuscito a portare a termine la raccolta una serie di osservazioni al piano regolatore da parte dei cittadini. Sono arrivate circa 100 comunicazioni con un numero complessivo di circa 250 punti precisi e contestualizzati. Queste osservazioni sono state tutte prese in considerazione e analizzate e ci saranno varianti parziali da fare sia cartografiche che di norme tecniche di attuazione. Si tratta di un’azione importante perché l’edilizia è indubbiamente un volano per l’economia perché ci sono molte attività produttive collegate. Anche in merito alle case popolari ci sono buone notizie perché siamo riusciti ad ottenere un tavolo con i responsabili dell’ATC che ha messo delle somme importanti a disposizione per fare degli interventi di riqualificazione”.

Smart city

“Siamo riusciti a sveltire le procedure per il portale tributi online e ora chiunque si può collegare al portale e vedere lo storico dei contributi versati ed effettuare conteggi in modo più rapido. Ovviamente gli uffici saranno sempre a disposizione dei cittadini, ma questo è uno strumento importante a disposizione dei cittadini. Un altro grande successo in chiave di sburocratizzazione e informatizzazione è la possibilità di dotare con 1,22 Euro tutti i cittadini di una PEC. Se pensiamo che ogni notifica costa 10 Euro questo è un grande passo avanti”.

Videosorveglianza

“La sicurezza è molto importante. Per questo motivo abbiamo implementato la videosorveglianza grazie al comandante della Polizia Locale Giacomo Cuniberti che ha fatto un progetto chiaro e sensato per videosorvegliare aree ancora scoperte. Sono state sostituite alcune videocamere obsolete e sono stati fatti passi avanti per la fibra ottica che è in fase di implementazione anche nelle frazioni.

Asfaltature e viabilità

“Per quanto riguarda le strade comunali è stato stipulato un accordo quadro per le attività di manutenzione e asfaltatura. È stata inoltre fatta una richiesta ad ANAS, in virtù di un accordo legato all’usura dei manti stradali di alcune vie cittadine dopo il crollo del ponte della tangenziale, per mezzo milione di Euro. Anche la provincia è già partita con le asfaltature di alcune strade provinciali e c’è stato un incontro con il dirigente della Provincia per ridefinire alcune priorità. Dal punto di vista della viabilità abbiamo voluto valutare con attenzione i progetti che riguardavano via San Michele. Abbiamo fermato il progetto preesistente perché c’erano troppe rotonde e siamo riusciti a riorganizzare il tutto prima dell’esecuzione dei lavori”.

Palazzo Tesauro

Si rischiava di lasciarlo invecchiare, e sappiamo tutto che un edificio abbandonato e vuoto invecchia molto più velocemente di uno utilizzato. Abbiamo voluto fare un intervento stanziando una cifra importante per la riqualificazione per ospitare alcuni uffici comunali in modo da renderli adeguati all’accesso dei disabili e degli anziani, cosa che negli uffici attuali è molto difficoltosa. Per quanto riguarda il pregresso accordo con l’ASL, prima di prendere una decisione, ci siamo sincerati del fatto che le attività avessero trovato una sistemazione al piano terra dell’ospedale”.

Ospedale di Fossano

“Parlando di Asl, sotto Natale abbiamo rischiato di perdere una delle attività che venivano svolte sul nostro territorio per il mancato rinnovo di una convenzione tra un privato e l’ASL. Il rischio era che restassero senza punto di riferimento persone con problematiche non urgenti ma necessarie di cura, come i diabetici e altri pazienti cronici. Grazie all’intervento della Regione e dell’ASL siamo riusciti ad aprire un punto di primo intervento nell’ospedale nell’arco di 8 - 10 giorni che sta facendo numeri importanti.

PUC su reddito di cittadinanza

“Un altro punto importante è quello che coinvolge i percettori di reddito di cittadinanza. Insieme al Consorzio Monviso Solidale è stato fatto un progetto chiaro per collocare chi percepisce il reddito di cittadinanza”.

Manifestazioni

“Avevamo un calendario così fitto da non riuscire ad inserire nulla per i mesi estivi. Purtroppo il Covid-19 ha cambiato la situazione e purtroppo abbiamo dovuto cancellare definitivamente questa endizione del Palio come molte altre manifestazioni. Prima dell’emergenza sanitaria, però c’è stato il Carnevale che è stato un importantissimo ritorno dopo 10 anni di assenza. La cittadinanza ha risposto bene ed è stato un carnevale normale nonostante le imponenti misure di sicurezza. La mia gratitudine va a chi è riuscito a portare il carro a Fossano perché si tratta di giovani volenterosi. Un successo superiore alle aspettative è giunto anche dalla Notte delle Torri”.

Giovani

“Si è insediata finalmente la Consulta giovani, restata ferma per l’emergenza sanitaria. Ora è stato eletto il presidente e il vice e la loro attività è partita. Sono seguiti dall’assessore Rattalino e dall’assessore Tolardo. Io li ho seguiti all’inizio, hanno delle idee buone per riattivare e svecchiare Fossano. poi ho fatto un passo indietro perché se l’obiettivo è lo svecchiamento preferisco che lavorino in armonia tra giovani restando a disposizione”.

Turismo e Castello

“Un punto importante dal punto di vista turistico e culturale è il rinnovo della convenzione con l’ATL per l’ufficio turistico al castello. Sempre per quanto riguarda il castello abbiamo fatto una variazione di bilancio per effettuare una manutenzione straordinaria approfittando dei ponteggi posizionati per il tetto. Abbiamo ritenuto utile fare subito alcuni interventi che sarebbero stati indispensabili nel prossimo futuro”.

E il domani? In questa fase di convivenza con il Covid-19 cosa ci si può attendere dal punto di vista degli eventi e delle attività produttive?

“A luglio agosto e settembre stiamo cercando di montare un palco coperto in piazza Castello per mettere circa 1000 persone sedute lasciando lo spazio al mercato del mercoledì. È un servizio che il comune vuole mettere gratuitamente a disposizione della città per le proprie attività. Ad esempio l’Arrigo Boito in questo momento non ha uno spazio dove fare le prove mantenendo le distanze di sicurezza. In questo modo avrà un luogo sufficientemente distanziato dove fare le prove.

Per quanto riguarda le attività produttive c’era programma ben strutturato che è stato interrotto dall’emergenza sanitaria, ma è solo rimandato. Si sta parlando di Fase 3, anche se io credo si debba aspettare ancora un po’ di tempo prima di parlarne serenamente. Nel frattempo sono stati stanziati fondi importanti per tutte le imprese: dall’agricoltura all’artigianato, all’industria, al commercio ai liberi professionisti stiamo intervenendo su Cosap, Imu, Tari. Per quanto ci riguarda abbiamo sospeso gli affitti sia dei negozi che alle associazioni che utilizzano spazi comunali per i mesi di marzo, aprile e maggio. Da oggi inoltre è possibile fare richiesta per l’ampliamento dei dehor esistenti e la realizzazione di nuovi. Noi mettiamo in campo risorse e le competenze degli uffici comunali, ai gestori dei locali chiediamo la collaborazione per il rispetto delle regole.

Agata Pagani - Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium