/ Attualità

Attualità | 11 giugno 2020, 13:06

E per i più piccoli Alba propone l’Estate Bimbi: da lunedì attività al via in quattro sedi cittadine

La rassegna dedicata alla fascia di età 3-5 anni in campo grazie al lavoro di Comune e Consorzio e alle proposte degli asili Città di Alba e Maria Ausiliatrice, e delle cooperative Emmaus e Il Pianeta. L’assessore Elisa Boschiazzo: "In campo un grande lavoro per non fare mancare questo importante servizio alle famiglie"

E per i più piccoli Alba propone l’Estate Bimbi: da lunedì attività al via in quattro sedi cittadine

Non si limitano alla fascia di età 6-17 anni le attenzioni che l’Amministrazione albese ha voluto dedicare al mondo dei minori, tra le categorie forse più dimenticate da quando è iniziata l’emergenza Coronavirus.

Al fianco della rassegna rivolta ai più grandicelli (qui il programma completo), totalmente ridisegnata stante l’impossibilità di organizzarla negli oratori cittadini come sempre avvenuto in passato, il Comune e il Consorzio Socio Assistenziale si sono anche mossi affinché non venissero meno le proposte dei vari soggetti tradizionalmente impegnati in attività estive dedicate alla fascia 3-5 anni.

Quattro in questo ambito le iniziative in partenza presso altrettante ben note realtà cittadine. Si tratta dell’Asilo Nido "Città di Alba" di via Accademia, nel centro storico; la cooperativa Il Pianeta, che ogni anno promuove l’iniziativa nel quartiere San Cassiano, presso la scuola dell'infanzia; la cooperativa Emmaus che accoglierà i bambini presso la propria sede del Mussotto, e l’Asilo "Maria Ausiliatrice" di corso Langhe che li ospiterà presso i propri locali in zona Moretta.

Qui le attività prenderanno il via già da questo lunedì, 15 giugno, mentre il termine sarà individuato dai singoli gestori anche a seconda della risposta in termini di iscrizioni.

Rimesse ai gestori saranno anche le tariffe praticate alle famiglie, che il Comune interverrà per calmierare, analogamente a quanto disposto per i più grandi. Se in quel caso si tratterà di un contributo di 90 euro a bambino per ogni turno di attività, qui il Municipio interverrà erogando un contributo settimanale di 20 euro a bimbo, per un massimo di 6 settimane.

Del tutto analogo invece l’erogazione una tantum da 2.500 euro assicurata a ogni singolo gestore per le attività di preparazione e sanificazione degli spazi che accoglieranno i bimbi e per l’acquisto di Dpi, in ottemperanza alle norme governative regionali sui centri estivi.

In capo all’Amministrazione comunale – che sull’intero capitolo delle attività estive ha messo in campo uno stanziamento straordinario di 200mila euro, che si aggiungono ai 54mila euro già previsti per l’edizione 2020 – saranno anche i costi e l’organizzazione della formazione specifica prevista per tutti gli educatori.

"Abbiamo messo in campo risorse importante per assicurare alle famiglie che questo importante servizio non dovesse venire meno nonostante l’impossibilità di proseguire col modello affidato alle parrocchie –
commenta l’assessore comunale Elisa Boschiazzo, con riferimento alle due iniziative –. E’ stato un percorso non facile, abbiamo incontrato parecchi ostacoli, a partire dalla normativa, disponibile soltanto dal 4 giugno scorso. Difficoltà che abbiamo però superato grazie all’ottimo lavoro svolto dagli uffici del Comune e del consorzio socio assistenziale, che ringrazio per l’importante impegno profuso. E’ un mese ormai che seguiamo questo lavoro, che ha dovuto incastrare le disponibilità raccolte dalle diverse associazioni e realtà del terzo settore che hanno deciso di partecipare con la ricerca di sedi adeguate, ferma la nostra volontà di concepire un progetto che mantenesse comunque un profilo uniforme anche sotto il profilo della proposta educativa. Grazie al contributo di tutti ci siamo riusciti".

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium