/ Attualità

Attualità | 12 giugno 2020, 17:31

Saluzzo, chiude la storica edicola sul piazzale della Stazione

I due titolari Pansa e Pignatta vanno in pensione. L’attività era stata aperta nel 1980. Il chiosco verrà smantellato. Nonostante gli annunci nessuno si è fatto vivo per l’acquisto. “Per 18 anni 360 giorni l’anno di lavoro: non è poco”

Saluzzo, l'edicola sul piazzale della Stazione ferroviaria

Saluzzo, l'edicola sul piazzale della Stazione ferroviaria

La storica edicola di piazza Vittorio Veneto, il piazzale della Stazione, chiude battenti domenica 14 giugno.

I titolari Mario Pansa e Claudio Pignatta vanno in pensione. Per il dispiacere di molti, il chiosco dei giornali verrà smontato. Nessuno per il momento si è presentato per acquistarlo, nonostante i due soci, che avevano rilevato l’edicola da Maria Ballari nel 2002, l’abbiano posto in vendita da mesi.

L’edicola era stata aperta nel 1980 da Adriana Borghino madre di Claudio Pignatta e dopo diversi passaggi di gestione è giunta ai due soci. Faceva anche servizio di vendita biglietti del pullman per conto della Bus Company.

Claudio Pignatta E’ stato pesante, ma piacevole. Bello il rapporto con i cittadini. Per alcuni era come un "Bar Sport" dove acquistando i giornali si facevano commenti  su questioni varie, dalla partita alla politica, alla cronaca. Con alcuni clienti è anche nato un bel rapporto di amicizia.

Ma alla fine il lavoro resta pesante. Per 18 anni dalle 5,15 alle 19, per 360 giorni l’anno (solo 5 di riposo). Non è poco.

L’ultimo periodo, il lockdown è stato triste. Noi consegnavamo a casa il giornale, soprattutto agli anziani. E abbiamo anche sospeso l’attività di edicola mobile in ospedale che abbiamo fatto per 17 anni. C’è molto rincrescimento, ma ora il riposo della pensione ci vuole”.

vilma brignone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium