/ Curiosità

Curiosità | 25 giugno 2020, 10:27

"Eviriamo il virus": un libricino con mascherina, l'originale idea benefica di un'insegnante cuneese

Bruna Brignone ha raccolto le reazioni scaramantiche e comiche circolate nei mesi della pandemia. Il ricavato andrà a favore del Reparto di Terapia inteniva neonatale del Santa Croce

"Eviriamo il virus": un libricino con mascherina, l'originale idea benefica di un'insegnante cuneese

Si intitola “Eviriamo il virus - Fase 1” la simpatica iniziativa benefica lanciata da una cuneese per il dopo-Covid, nel segno dell’umorismo e della solidarietà.

Nel rispetto assoluto di chi ha perso familiari e amici, e anche di tutti coloro che hanno faticosamente affrontato la drammaticità di questi mesi, “Eviriamo il virus” vuole essere un modo per ricordare ciò che tutti vogliamo dimenticare presto, conservando nella memoria solo le immagini che, in forma scaramantica, hanno rappresentato la reazione della gente comune all’aggressione di questo virus.

E il titolo stesso evoca proprio l’intento di rendere inoffensiva la brutalità che, su tutti i fronti, abbiamo subito: condividere, attraverso l’unica forma di socialità concessa, le iniziative e le parodie di una quotidianità chiusa tra le mura domestiche.

Ne è nato un piccolo libro, con mascherina allegata, in distribuzione presso librerie ed edicole del cuneese oltre a punti vendita che si sono resi disponibili, per una raccolta fondi che aiuta l’associazione “Voglia di crescere - Odv”.

L’iniziativa è opera di Bruna Brignone, insegnante cuneese, che ha voluto realizzare una sorta di “diario comico” della pandemia da trasformare in un messaggio di speranza.

Una raccolta di elaborati personali, immagini e frasi umoristiche circolate sui social e diffuse tramite messaggi privati nelle settimane del lockdown da coronavirus: uno specchio dei tanti modi in cui la gente comune ha esorcizzato le paure legate alla pandemia.

“Eviriamo il virus - Fase 1” è accompagnato da una mascherina intessuto lavabile: tante mascherine colorate, confezionate da un gruppo di volontarie operose e generose. Queste hanno collaborato con l’autrice, che ringrazia Mara, Caterina, Marisa, Monica, Veronica e Piera per aver donato tempo, tessuti e cuore, oltre a Sandra ed Emilia Campia del laboratorio sartoriale di haute couture Defilé Cuneo per illoro contributo laboratoriale ed economico. 

Un’opera corale e solidale, espressione di partecipazione e sensibilità tutta femminile, per affrontare questa difficile circostanza e per sostenere il progetto “Blud” (banca del latte materno umano) promosso dall’associazione “Voglia di crescere - Odv” a favore del reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium