/ Attualità

Attualità | 29 giugno 2020, 16:12

Peveragno: all'asta per 30mila euro l'ex-collegio salesiano

Il dibattito sul futuro della struttura adiacente al Santuario della "Madonna del Borgato" ha già preso piede sui social network: i cittadini si chiedono se parte della struttura, dopo la messa in sicurezza, si possa ancora utilizzare o se l'unica strada possibile sia la demolizione

Foto generica

Foto generica

E' passato praticamente un anno dall'ultima notizia di rilevanza che ha coinvolto l'ex-collegio salesiano di Madonna dei Boschi di Peveragno. Ma questa volta, invece di un ennesimo episodio vandalico - si era trattato del piccolo incendio, con ogni probabilità doloso, di alcuni vecchi materassi - , si parla della tanto agognata conclusione della diatriba sulla (possibile) nuova gestione dell'immobile.

Nelle scorse settimane, infatti, l'ex-collegio è stato battuto all'asta dal Tribunale di Rimini per 30mila euro. Sul nuovo acquirente l'amministrazione comunale non ha ancora informazioni specifiche, così come sulla possibile destinazione dell'area.

L'edificio è stato costruito negli anni '60 dai Salesiani e poteva ospitare sino a 200 studenti. Sono molti i peveragnesi che vi hanno trascorso la giovinezza e nel tempo è stato oggetto, anche, di reportage fotografici e video.

Il dibattito sul futuro della struttura adiacente al Santuario della "Madonna del Borgato" ha già preso piede sui social network (nelle pagine comunali di riferimento); in tanti si chiedono se la struttura - in forte degrado e, appunto, protagonista sin dalla chiusura ufficiale negli anni '80 di innumerevoli episodi di vandalismo - si possa ancora riutilizzare, almeno in parte, oppure se andrà incontro alla demolizione.

Il sindaco Paolo Renaudi - già l'anno scorso subito dopo l'incendio - aveva espresso la propria idea in proposito (più vicina alla seconda soluzione che alla prima), e aveva impedito l'ingresso alla struttura con una specifica ordinanza. Il nuovo proprietario dovrà, nel caso, farsi carico della messa in sicurezza dell'area.

A ridosso dell'inizio della campagna elettorale più atipica degli ultimi anni - causa emergenza sanitaria - il futuro della struttura potrebbe essere oggetto di serio dibattito. Qualche mese, dopo quasi quarant'anni di stallo, certo non faranno molta differenza.

simone giraudi

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium