/ Attualità

Attualità | 30 giugno 2020, 14:29

"Al Quintino Sella assicureremo sempre un piatto di pasta o polenta agli alpinisti che tornano dal Monviso" (VIDEO)

L'emergenza non annulla il ruolo di presidio alpino che deve rispondere a tutte le esigenze degli escursionisti e alpinisti. Previa prenotazione si può pernottare con la propria tenda ma non campeggiare

"Al Quintino Sella assicureremo sempre un piatto di pasta o polenta agli alpinisti che tornano dal Monviso" (VIDEO)

Anche i rifugi saranno più sicuri con il kit-Covid che permetterà di sanificare le stanze, controllare la temperatura corporea, misurare la percentuale di ossigeno nel sangue, garantire la tutela di rifugiati ed escursionisti con mascherine in dotazione e cartellonistica. 

La prima struttura alpina a ricevere in omaggio il kit dai vertici CAI nazionali è stato il "Quintino Sella" intitolato al fondatore del Club Alpino italiano, Quintino Sella, ed organizzatore della prima spedizione completamente italiana a giungere in vetta al Monviso. 

Nel suo primo giorno di apertura 2020 siamo saliti al rifugio a (2640 metri di altitudine) situato nel comune di Crissolo in Valle Po nelle Alpi Cozie proprio ai piedi del Re di pietra, per farci raccontare dai gestori, Alessandro Tranchero e la moglie Silvia Balocco, com'è andata la consegna del kit anti contagio e scoprire quale sarà la gestione del ricovero alpino, tappa GTA per tanti escursionisti e alpinisti.



Tiziana Fantino

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium