/ Cronaca

Cronaca | 01 luglio 2020, 16:42

'Ndrangheta a Bra, dopo Fratelli d’Italia anche il M5S chiede le dimissioni di Borrelli

Il consigliere regionale Ivano Martinetti: "Chi è coinvolto in un'indagine sulla criminalità organizzata non può continuare a rappresentare i cittadini"

'Ndrangheta a Bra, dopo Fratelli d’Italia  anche il M5S chiede le dimissioni di Borrelli

"Adesso serve una reazione forte e chiara da parte della politica braidese. Chi è coinvolto in fatti relativi ad un'inchiesta sulle infiltrazioni mafiose sul territorio, a nostro avviso, non può continuare a rappresentare i cittadini".

E’’ quanto il consigliere regionale albese Ivano Martinetti, insieme al gruppo braidese del Movimento Cinque Stelle, dichiara in nota in merito all’indagine coordinata dalla Dda di Torino circa le infiltrazioni dell’ndrangheta sul territorio braidese e sull’avviso di garanzia recapitato all’assessore comunale Massimo Borrelli.

"Non ci può essere nemmeno un'ombra sull'istituzione comunale – prosegue l’esponente pentastellato –. E' necessaria una prova di maturità da parte della politica locale, di fronte a fatti del genere i calcoli politici devono passare in secondo piano. Bisogna marcare le distanze, reagire e schierarsi con fatti concreti e coerenti dalla parte della legalità".

"Occorre inoltre una immediata verifica da parte dell'amministrazione comunale su quanto fino a qui denunciato – si conclude la nota –. Ora auspichiamo che le indagini da parte degli inquirenti siano rapide e possano portare, il prima possibile, a certezze".

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium