/ Attualità

Attualità | 11 luglio 2020, 10:00

Alba riparte dalle Città Creative Unesco: patto con Bergamo per una nuova alleanza del gusto (FOTO E VIDEO)

Dalla capitale delle Langhe un libro e un video per suggellare il rinnovato impegno all’interno del circuito che riunisce le municipalità d’eccellenza del Bel Paese. L’artista Valerio Berruti aprirà la serie degli albesi illustri chiamati a fare da ambasciatori della città in Italia e nel mondo

Il sindaco Bo e il vice Bolla in collegamento col primo cittadino di Bergamo Giorgio Gori

Il sindaco Bo e il vice Bolla in collegamento col primo cittadino di Bergamo Giorgio Gori

C’è un nuovo importante gemellaggio tra capitali del gusto nel novero delle iniziative che il Comune di Alba ha annunciato ieri in Sala Beppe Fenoglio, nell’ambito di una presentazione che il sindaco Carlo Bo e il neo assessore al Turismo Emanuele Bolla hanno evocativamente battezzato "Ripartiamo insieme".

Ospite d’onore dell’incontro, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, che collegato in videoconferenza dal suo municipio, ha ricordato l’investitura – nel 2019 – della realtà orobica quale "Città Creativa Unesco per la Gastronomia" e accolto l’invito della capitale delle Langhe a rappresentare la sua città, peraltro pesantemente colpita dalla recente emergenza sanitaria, alla 90ª edizione della "Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba".

Un’alleanza salutata in sala dai rappresentanti della Regione Piemonte, presente con Luisa Piazza, in rappresentanza dell’assessore al Turismo Vittoria Poggio, e della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, intervenuta col suo presidente Giandomenico Genta, cui è giunto il ringraziamento delle istituzioni albesi per il supporto garantito agli eventi della promozione albese anche in questo difficile momento, mentre il direttore dell’Atl Mauro Carbone ha portato il saluto dei 211 che compongono il parterre di un Ente Turismo Langhe e Roero ora allargato anche al Monferrato.

Auguri a distanza e il reciproco auspicio a ritrovarsi presto ai rispettivi eventi quelli arrivati in sala per il tramite dei video-saluti inviati dal vicesindaco di Pesaro Daniele Vimini, dal sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli e dall’assessore Cristiano Casa in rappresentanza di Parma, altra "città del gusto" che con Alba ha già messo in piedi significative iniziative negli ultimi anni.

Momenti rievocati da Liliana Allena, alla sua prima uscita pubblica dopo la recente conferma alla guida dell’Ente di piazza Medford. Dopo aver ricordato i tanti progetti che la manifestazione albese ha dedicato nelle sue ultime edizioni agli scambi con le altre realtà del network, di cui Alba fa parte dal 2017 (il riconoscimento dei "Paesaggi vitivinicoli", risale invece al 2012, come ha ricordato Roberto Cerrato), la vulcanica presidente ha rinnovato l’invito all’edizione che, da ottobre, festeggerà le novanta candeline della grande rassegna albese, il cui programma verrà presentato ufficialmente con una conferenza in programma per il pomeriggio di mercoledì 15 luglio in diretta dal castello di Roddi, con la sorpresa di alcuni ospiti internazionali.    

A suggellare il rinnovato impegno albese sul fronte delle "creative cities" anche la presentazione di due speciali produzioni: un libro dedicato, che a guisa di menu enumera gli ingredienti parte dell’inimitabile ricetta turistica delle colline Unesco, raccontata anche in un suggestivo video, che racconta per immagini le bellezze e bontà di una città che si prepara al ritorno dei visitatori all’insegna del motto "accogliente, gastronomica, creativa".

GUARDA IL VIDEO

 

Ultimo ospite a salire sul palco della Sala Fenoglio, l’artista Valerio Berruti, che il sindaco e l’assessore Bolla hanno investito della responsabilità di aprire la schiera di personaggi che il Comune annualmente nominerà come "ambasciatori della creatività di Alba presso il network Unesco". Un nuovo impegno che Berruti ha accettato di assumere a favore di un territorio per il quale è da tempo abituato a spendersi in prima persona, come riprovano gli importanti contributi artistici concessi in passato al programma della Fiera (su tutte l’installazione "La giostra di Nina" allestita nel 2018 nella chiesa di San Domenico), ma anche il suo importante impegno nella recente emergenza sanitaria, con un’iniziativa che ha portato oltre 250mila euro di aiuti alla causa dell’ospedale di Verduno.  

Un programma per la ripartenza del turismo nel comprensorio delle Colline Unesco che il sindaco Bo e il suo delegato Bolla hanno salutato con un messaggio votato a un beneaugurante ottimismo: "Ce la faremo – hanno detto – perché siamo un grande territorio al servizio del quale Comune, Ente Fiera ed Ente Turismo lavorano come una squadra rodata e coesa. Dobbiamo essere positivi, quella al via da ottobre sarà un’eccezionale novantesima edizione della nostra Fiera".

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium