/ Cronaca

Cronaca | 13 luglio 2020, 12:10

Droni, cinofili e decine di soccorritori: in valle Gesso continuano le ricerche del 66enne cercatore di funghi

Una ventina di persone è concentrata attorno alla zona dove è stata ritrovata l'auto, a metà strada tra il lago delle Rovine e il lago della Piastra. Qui i cani hanno fiutato delle tracce, ma per ora nessuna novità

In foto Valter Giulianio, responsabile TAS (topografia applicata al soccorso) dei vigili del fuoco di Cuneo

In foto Valter Giulianio, responsabile TAS (topografia applicata al soccorso) dei vigili del fuoco di Cuneo

Terzo giorno di ricerche in valle Gesso, nella zona del vallone delle Rovine, dove da venerdì non si hanno più notizie di un 66enne cercatore di funghi, residente ad Entracque.

Grande camminatore e conoscitore della zona, è uscito di casa venerdì mattina e non è più rientrato. L'allarme è scattato nella serata e le ricerche sono iniziate il giorno successivo, l'11 luglio.

La vettura è stata ritrovata in una via sterrata più o meno a metà strada tra il lago delle Rovine e il lago della Piastra ed è lì che i cani molecolari hanno avvertito delle tracce, tanto che in quell'area stanno operando circa 20 soccorritori.

Sui sentieri più difficoltosi - verso il passo della Vagliotta - sono impegnati i vigili del fuoco del SAF, i finanzieri del SAGF e gli uomini del soccorso alpino.

Si sta operando anche con i droni, che faticano a mappare l'area in quanto le nuvole sono molto basse e la visibilità scarsa, oltre che con i cinofili dei vigili del fuoco e della Croce Rossa.

Per due giorni tutta la zona è stata sorvolata dall'elicottero dei vigili del fuoco, ma senza successo. Le ricerche sono coordinate dall'UCL, l'unità di comando locale, dove vengono scaricate tutte le mappe delle aree già ispezionate. In totale sono circa 60 gli uomini impegnati.

bsimonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium