/ Attualità

Attualità | 01 agosto 2020, 12:03

Alba, ambulanti del Goia sfilano in via Maestra. Fiva e Anva si dissociano

Inatteso prologo per la manifestazione indetta per questa mattina dalle due sigle della categoria, che stigmatizzano l’iniziativa non autorizzata della sigla autonoma

Alba, ambulanti del Goia sfilano in via Maestra. Fiva e Anva si dissociano

Ha avuto un inatteso prologo la manifestazione di protesta indetta per questa mattina ad Alba dalle associazioni provinciali del commercio ambulante Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti.

Al presidio, programmato per le ore 10 di fronte al municipio, era attesa la partecipazione di una settantina di operatori, concordi nell’intenzione di fare sentire la propria voce rispetto alla scelta del Comune di rimandare sine die il ritorno del mercato in via Maestra, ma anche di prendere una ferma posizione contro l’iniziativa assunta nei giorni scorsi da alcuni commercianti su sede fissa della stessa via (leggi qui), promotori di una raccolta firme (con circa 70 adesioni) con la quale hanno chiesto al sindaco di valutare un definitivo spostamento del mercato in altre zone delle città.

Una richiesta giustificata a loro dire da ragioni di sicurezza, ma anche da valutazioni attinenti l’incompatibilità delle bancarelle con un contesto commerciale che, anche in chiave turistica, punta a un più alto livello qualitativo della propria offerta.

Regolarmente autorizzato dal Comune e dalla Questura, il presidio di questa mattina è stato però preceduto dalla protesta promossa dal Goia (Gruppo Organizzato Imprese Autonome), sindacato autonomo che ha sfilato in via Maestra con alcune decine di aderenti.

Una manifestazione non autorizzata dalla quale Fiva e Anva si sono immediatamente dissociate, con la prima che ha comunque tenuto il proprio sit-in, mentre la seconda ha deciso di annullare la sua partecipazione alla protesta, rimandando il proseguimento del confronto col Comune all’incontro già programmato per mercoledì 5 agosto.  

"Sono dispiaciuto per quanto accaduto – commenta l’assessore comunale al Commercio Marco Marcarino –. Nonostante mancasse il necessario preavviso di tre giorni avevamo ritenuto di concedere il nostro avallo alla richiesta di poter tenere il un sit-in avanzata da Fiva e Anva proprio perché non volevamo negare agli ambulanti la possibilità di fare sentire il proprio malcontento e testimoniarne le ragioni".

"Da parte mia –
prosegue l’assessore – non posso che ribadire che la decisione del Comune di non riportare per il momento il mercato in via Maestra è dovuta alle contingenze dell’emergenza Covid e che non ha collegamenti con l’iniziativa avanzata dai commercianti della via che chiedono il definitivo spostamento degli ambulanti".

"Manifestare abusivamente –
conclude Marcarino –, così come avvenuto questa mattina da parte di un piccolo gruppo di operatori, non aiuta la dialettica. Registro con piacere che buona parte degli ambulanti si è dissociata da questa iniziativa. A loro ribadisco che il dialogo con la categoria va avanti, a partire dall’incontro in programma per questo mercoledì".

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium