/ Saluzzese

Saluzzese | 04 agosto 2020, 09:00

Crissolo attende l’urto turistico, con le attività della famiglia Genre in prima linea

Le previsioni parlano di un’estate numericamente d’altri tempi in quanto a presenze

La "Baita della polenta" di Pian della Regina

La "Baita della polenta" di Pian della Regina

Sarà, perlomeno nelle previsioni, un’estate numericamente d’altri tempi in quanto a presenze turistiche a Crissolo, l’ultimo baluardo abitato prima delle sorgenti del Po e del Monviso, il re delle Cozie.

La calura da un lato, la crisi post Covid  dall’altra, stanno consigliano un po’ a tutti di prediligere le bellezze del nostro Paese alla avventure esterofile: Crissolo ne ha preso atto già negli scorsi week end ed oggi si prepara a reggere il piacevole urto turistico.

Non fa eccezione alla regola la Monviso Ski della famiglia Genre che, oltre ad una seggiovia funzionante, metterà sul piatto della bilancia tutti i gioielli di casa.

La “Baita della polenta” di Pian della Regina, è un capiente ristorante dotato di 150 posti a sedere. Il tradizionale menù propone la degustazione di antipasti a base di salumi, lardo con erbette di montagna, polenta accompagnata da carni al çivet, funghi porcini trifolati e formaggi locali.

Il rifugio conta 7 camere matrimoniali con servizi privati, finemente arredate in stile montano con incantevole vista sulle vette. Posto Tappa GTA con 5 camere da 2 posti con letto a castello, bagno in comune, indicato per sportivi, alpinisti e per chi ama la vacanza dinamica.

A disposizione anche un’area camper, tende, picnic e barbecue. A Pian della Regina è anche possibile campeggiare in estate con tende e camper, piazzole con erbetta immerse tra i larici. Area picnic con tavoli di legno, acqua, ombrelloni e barbecue.

La Pizzeria “Serenella Stube” di Crissolo, con la sua sessantina di “coperti”  a disposizione, il locale – internamente rivestito di accogliente “perlinato” d’abete - miscela con maestria le pizze più classiche con quella ai frutti di bosco o quella “Alpina” con castagne al miele oppure ancora con la “Monviso” con mocetta (pezzi di carne essiccata) con un variegato ventaglio di burger al piatto.

Tra i tanti antipasti si fanno golosamente notare (e preferire) il lardo alle erbe con castagne al miele, il caprino fresco con olive taggiasche, le immancabili acciughe al verde e la trota affumicata in stile nordico.

Di rilievo anche il parco-bevande, dove quelle classiche di montagna come genepy, genzianella, bombardino e vin brulè camminano a braccetto con le birre Menabrea, Weiss Bianca, Du Moulin, Kauss doppio malto oppure rossa e vini quali il Nebbiolo, il Barbaresco ed il Barolo.

collocato ai 1.800 metri di quota dell'arrivo dell’impianto, con vista mozzafiato sulla catena del Monviso e sulla pianura saluzzese.

Il Rifugio “Aquila Nera”, incastonato all’arrivo della seggiovia, è dotato di solarium con sdraio per poter mangiare e accomodarsi all'esterno nelle belle giornate di sole ed offre ai buongustai il  “Menù Montagnard”, proposta culinaria a base di polenta taragna e carni assortite con assaggi di formaggi tipici.

Il locale serve inoltre variazioni sul menù per i più piccoli con pasta e gnocchi, ed anche alternative per i vegetariani. Nel locale ci si ingolosisce anche con sfiziosi taglieri misti con affettati e formaggi tipici, panini, focacce e toast farciti con speck, lardo, salame, prosciutto e formaggi brie, gorgonzola e toma. E poi aperitivi e ampia scelta di vini tipici rossi e bianchi.

Aperto anche “Essenza Monviso” di Pian della Regina che vanta piantagioni di lavanda angustifolia, stelle alpine, calendula officinalis, malva e menta. Inoltre vengono raccolte spontaneamente altre specie quali ad esempio camomilla di montagna, arnica, timo serpillo e iperico.

Gli ingredienti, tutti rigorosamente provenienti dalle piantagioni dell’azienda, sono pazientemente selezionati e trattati nel laboratorio aziendale dedicato alle trasformazioni per arricchire e donare ad ogni prodotto caratteristiche uniche.

Dalle piante officinali direttamente coltivate, o raccolte per crescita spontanea, vengono prodotti oli essenziali purissimi di lavanda angustifolia e di menta piperita ed estratti oleosi di stella alpina, arnica, iperico, tarassaco e calendula che costituiscono inoltre la base per le nostre formulazioni cosmetiche.

La linea cosmetica alla stella alpina, punto di forza dell’azienda, è formulata senza l’uso di oli minerali, paraffine o derivati del petrolio, senza saponi aggressivi per la pelle, senza profumi né colorazioni artificiali.

Info: 017594907.

Informazione Pubblicitaria

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium