/ Attualità

Attualità | 10 agosto 2020, 16:43

Anpi Mondovì e Avl Piemonte sostengono il riconoscimento alla memoria del brigadiere Angelo Luigi Branca

La proposta partita dell'Amministrazione comunale di Pamparato

Anpi Mondovì e Avl Piemonte sostengono il riconoscimento alla memoria del brigadiere Angelo Luigi Branca

“Come AVL siamo venuti a conoscenza di una proposta all’ Amministrazione Comunale di Pamparato da parte dell’onlus di Mondovì “Col. Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo” che auspica l’attribuzione di un riconoscimento alla memoria a favore del brigadiere Angelo Luigi Branca, comandante della locale stazione dei Carabinieri Reali nel 1943. Abbiamo appreso che egli compì un atto di umanità e coraggio salvando la vita del dr. Marco Levi, capo della comunità israelitica di Mondovì, che nel settembre 1943 per evitare la cattura da parte dei nazisti si era rifugiato a Pra di Roburent nella trattoria della Pace. Nel successivo mese di ottobre il sottufficiale avvertì per telefono il proprietario della trattoria di un pericolo di vita incombente, poiché era stata segnalata la presenza di israeliti.

L’AVL Piemonte, Associazione Volontari per la Libertà legata ai partigiani “Autonomi”I° Gruppo Divisioni Alpine – gruppo “Mauri”, ha come missione la perpetuazione del ricordo dei sacrifici e delle azioni dei tanti che in Piemonte furono disposti, a rischio e a costo della propria vita, a difendere i valori universali ed eterni dell’umanità. La trasmissione e diffusione delle testimonianze costituisce quindi l’impegno dell’Associazione per contribuire a comporre un patrimonio storico da cui le nuove generazioni possano attingere energie morali ed intellettuali capaci di aiutarle nelle ricorrenti sfide imposte al vivere democratico. In tale luce l’AVL si associa all’iniziativa dell’onlus “Col. Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo”, ed auspica che il Comune di Pamparato, medaglia d’ argento al Merito Civile, sia disposto ad accordare alla memoria del suddetto Brigadiere un significativo atto pubblico, quale potrebbe essere la Cittadinanza Onoraria alla memoria. Il Presidente Regionale Mario Anacar”

Per l’ANPI, il Presidente prof. Stefano Casarino ha  scritto “Venuti a conoscenza dell’eroico gesto compiuto dal Brigadiere Angelo Luigi Branca, che nel settembre 1943, correndo un grave rischio personale, permise al Dr. Marco Levi, membro della comunità ebraica di Mondovì, di porsi in salvo evitando la cattura da parte dei nazisti, con la presente esprimiamo il nostro pieno sostegno all’iniziativa dell’Onlus di Mondovì “Col. Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo” e rivolgiamo a codesta Amministrazione Comunale la richiesta di conferire qualche pubblico riconoscimento alla memoria del Brigadiere, riconoscimento che ci pare tanto più opportuno ed importante proprio in questi momenti in cui spesso assistiamo a sgradevoli rigurgiti fascisti nel nostro Paese.”

Altri enti si sono detti disponibili per supportare l’iniziativa.

La onlus "col. Giuseppe Cordero Lanza di montezemolo" ha differito a lunedì 28 settembre 2020, ore 10, la cerimonia di commemorazione , che doveva tenersi il 6 aprile, per ricordare la strage delle "Fosse Ardeatine" in roma, che coinvolse anche l'Ufficiale di famiglia monregalese a cui è intitolata la associazione. Il ricordo dei martiri si terrà presso il monumento, realizzato su bozzetto dell'artista cuneese scomparso Giovanni Gagino, a Mondovì Piazza, nel Giardino che prende il nome dal sottufficiale dell'Arma benemerita. Relatore principale il Direttore onorario dell'Istituto Storico della Resistenza della Provincia di Cuneo, dott. Calandri. 

 

 

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium