/ Click sulla Psicologia

Click sulla Psicologia | 13 agosto 2020, 17:05

Click sulla Psicologia: "La vacanza non è un luogo, ma uno stato d'animo"

La possibilità di variare gli schemi, di concedersi tempi e spazi diversi dalla quotidianità, di riposare il corpo ma anche la mente è qualcosa che porta un innegabile vantaggio esistenziale.

Click sulla Psicologia: "La vacanza non è un luogo, ma uno stato d'animo"


In questo periodo ci si sente un po' come a dicembre, verso la fine dell'anno: si hanno poche energie, si ha bisogno di staccare un po la spine e pensare un po più a sè stessi.

Capita però anche che le vacanze  possano essere stressanti, con ritmi diversi da sentire e da sintonizzare. Parlo spesso con i miei pazienti della necessità di prendere i propri spazi, i propri ritmi e avere cura di se stessi.

Quest'anno, un'anno in cui molti non andranno fisicamente in vacanza, per più motivi, ho pensato di lasciarvi qualche spunto di riflessione da utilizzare per passare del buon tempo, tempo di qualità, con voi stessi e-o in compagnia. Attenzione però alle incomprensioni con il partner, alle discussioni con i figli, allo stress accumulato e agli errori nell’organizzazione che possono trasformare le tanto attese ferie in un incubo.  

prima di tutto, provate a godervi libertà mentale: staccate il cellulare, non guardate la mail, posate l'orologio. Il tempo può rallentare un po' e potete concedervi la tanto salutare libertà mentale da scadenze, orari, lavori, impegni, ecc

Che stiate a casa, o che vi muoviate, fate foto: ma non  solo per condividerle sui social, stampate momenti speciali per non dimenticare i momenti belli che avete trascorso.

Spesso il tempo della vacanza è poco e ci possono essere imprevisti che rischiano di far saltare i piani: non rimuginate, non rimanete fermi, cambiate, riorganizzate. Il tempo è prezioso e deve essere usato al meglio!

Ovunque voi andiate, non portatevi dietro il peso delle aspettative e dei tanti pesi dell'anno. 

Sfruttate i benefici della natura: mare, montagna, collina, parco, giardino di casa. Vivere l’estate per ritrovare il contatto perso con la natura è la miglior idea che si possa avere. Fermarsi a trovare il tempo per guardare l’alba o il tramonto, aspettare che cali la notte sulla spiaggia o semplicemente passeggiare nella foresta, ascoltare la natura per entrare più in contatto con voi stessi. 

In vacanza possono verificarsi momenti di consapevolezza: la creatività, l’interpretazione differente di cose che si sono sempre pensate e viste in un certo modo sono una conseguenza della mente che è più libera. Le ferie aiutano a focalizzare in maniera diversa delle situazioni e a produrre delle strategie di comportamento o delle linee di pensiero e ideologiche differenti, quindi ascoltatevi!

Quest'ultima riflessione, ma non la meno importante, vale per le vacanze, ma anche per tutto l'anno: è quello di imporsi (sì, imporsi) delle pause e rilassarsi.  Questo non vale solo per l’estate, ma in generale.:siamo costantemente bombardati da informazioni, richieste, parole. Troviamo il tempo per fermarci e ascoltarCI.

Nell'augurare buon riposo a tutti, informo che gli studi di Cuneo e Fossano saranno chiusi fino al 24 agosto e del 4 al 13 settembre. 

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e curiosità, potete seguire la mia pagina Facebook mettendo "mi piace" alla pagina D.ssa Ernestina Fiore Psicologa Psicoterapeuta e la pagina Instagram “psicoterapeutafiore” o visitando  www.ernestinafiorepsicologocuneo.it, dove potete trovare anche tutti i precedenti articoli della rubrica e vedere di che cosa mi occupo 

Click sulla Psicologia

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium