/ Attualità

Attualità | 10 settembre 2020, 16:00

Dopo il successo di un San Chiaffredo diverso (causa Covid), Saluzzo ringrazia a Fondazione Bertoni e i “volontari al servizio della Città”

Nel Consiglio comunale di ieri il “grazie” bipartisan per quanti si sono impegnati in prima linea

Volontari rilevano la temperatura all'ingresso della Fiera della Meccanica agricola di Saluzzo - PH MAURO PIOVANO

Volontari rilevano la temperatura all'ingresso della Fiera della Meccanica agricola di Saluzzo - PH MAURO PIOVANO

Un San Chiaffredo diverso dal solito, ma che comunque ha permesso alla città di vivere un cartellone di iniziative ed eventi, seppur nell’osservanza delle norme anti-Covid.

A Saluzzo si sono da poco concluse le manifestazioni organizzate dalla Fondazione Amleto Bertoni, il massimo Ente organizzativo della Città, in occasione della festa patronale.

E ieri sera (giovedì), durante il Consiglio comunale, tutta l’assise ha avuto parole di ringraziamento e riconoscenza per quanti si impegnano in prima linea al servizio della città.

A dare il “la” ai ringraziamenti, il presidente del Consiglio comunale, Enrico Falda, presidente della Fondazione dal 2014 al 2019, prima di cedere il testimone a Carlotta Giordano.

Falda si è rivolto a Silvana Cravero, membro del CdA FAB seduta tra il pubblico: “Volevo ringraziarvi per come avete gestito, nonostante l’emergenza Covid, l’estate saluzzese. È finita da pochi giorni la Fiera della meccanica agricola, che ha riscosso un grande successo. La Festa di San Chiaffredo, invece, con l’arena allestita nel cortile della Fondazione, con l’accesso sicuro sulle giostre, ha permesso alla città di vivere un momento di festa in modo sereno”.

Parole condivise anche da Andrea Momberto, assessore alla Promozione locale e territoriale: “La creazione dell’area FAB per lo svolgimento degli eventi in sicurezza, in uno spazio delimitato, è il risultato di lavoro, procedure, misure, disposizioni e dell’impegno dei volontari che hanno permesso di mettere in campo una stagione senza eguali in provincia”.

Grazie ai volontari, che lavorano da anni per la Città. – le parole di Carlo SavioIn un mondo in cui l’egoismo, l’individualismo, l’apparenza e i soldi fanno da traino, avere una rete di rapporti in cui molte persone dedicano del tempo, gratuitamente, alla città non è da poco. Grazie da parte mia e, penso, di tutto il Consiglio”.

Il grazie va anche all’Amministrazione comunale ed alla Curia – dirà ancora Fulvio Bachiorrini –: in un momento di difficoltà bisogna avere coraggio e credere fortemente in tradizione e cultura per mettere in piedi due eventi importanti, riusciti grazie alla partecipazione buona, contenuta e composta della nostra cittadinanza. Mi riferisco sia alla fiera del lunedì di San Chiaffredo, sia alla Messa patronale.

Sono state scelte difficili, ma si è deciso di andare oltre e organizzare due eventi che rappresentavano dei rischi. Questo è sintomatico di una citta che non si arrende e che crede nelle tradizioni e nella storia”.

Paolo Demarchi ha voluto invece ringraziare chi ha sostenuto lo sforzo per lo svolgimento della fiera, “riuscita nonostante le restrizioni Covid: un momento molto partecipato, soprattutto la Mostra della Mecanica agricola, nella giornata del lunedì”.

Gli ha fatto eco Domenico Andreis: “Grazie per l’enorme sforzo, in un periodo di pandemia è la prova di grande spirito di adattamento e capacità organizzative, che hanno adattato alle esigenze di sicurezza e prevenzione il calendario di eventi. Modificati nella forma ma non nel contenuto”.

Ni.Ber.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium