/ Attualità

Attualità | 11 settembre 2020, 20:23

Promuovere la cucina e la storia dei prodotti: obiettivo della Delegazione cuneese dell’ Accademia Italiana della Cucina

La conviviale di agosto a Valdieri presso Balma Meris nello locale storico fatto costruire dalla Regina Elena. "Promuoviamo il rispetto e l’osservanza della tradizione della cucina nazionale, regionale e locale" sottolinea il nuovo delegato Ferruccio Franza che ha raccolto il testimone da Ermanno Mauro

Ermanno Mauro e Ferruccio Franza: rispettavamente past delegato e nuovo delegato della Delegazione di Cuneo, Bra e Saluzzo dell'Accademia italiana della cucina

Ermanno Mauro e Ferruccio Franza: rispettavamente past delegato e nuovo delegato della Delegazione di Cuneo, Bra e Saluzzo dell'Accademia italiana della cucina

Si è svolto  a Sant'Anna di Valdieri presso Balma Meris, nello  locale storico fatto costruire intorno agli anni '30 dalla Regina Elena ed utilizzata come scuola sino a metà degli anni '70, l’incontro conviviale di fine agosto  dell’Accademia Italiana della Cucina Delegazione di Cuneo, Bra, Saluzzo.

L’associazione ha visto proprio di recente, un cambio al vertice con  il passaggio di consegne da parte di Ermanno Mauro (sette anni  Delegato del gruppo degli accademici della Granda, membri dell' istituzione culturale fondata a Milano per valorizzare il patrimonio gastronomico nazionale) al nuovo Delegato Ferruccio Franza, vice Direttore generale della Banca di Caraglio.

La scelta del ristorante a Sant’Anna di Valdieri, in linea con le finalità associative per “Promuovere  la nostra cucina,  la cultura e la storia dei prodotti di valli, montagne e pianura. Prodotti coltivati con sacrificio e grande competenza dai nostri contadini, rivisitati in cucina dagli amici ristoratori  che li vogliono valorizzare" afferma il nuovo Delegato, sottolineando che l'appartenenza ad una banca del territorio lo ha fatto avvicinare all’Accademia Italiana della Cucina che ha nelle proprie delegazioni l’espressione dei territori di appartenenza.

"Operiamo su un vasto territorio cuneese ( sono 22 gli associati ) con lo scopo di promuovere e far conoscere quegli esercizi che offrono una seria garanzia del rispetto e dell’osservanza della tradizionale e caratteristica cucina nazionale, regionale e locale". 

Anche la conviviale del 29 agosto  ha visto protagonista la cucina locale "alpina" con materie prime di qualità e gusti antichi, promossa a pieni voti dagli accademici. 

Nell'occasione menzione d’onore all'accademico Francesco Bonamico, simposiarca del pranzo a Balma Meris e alla signora Cinzia, la titolare del locale, "che ha saputo non solo proporre ai commensali un pranzo di elevata qualità con particolarmente attenzione ai tempi e ai riti della tavola".

 Il nuovo delegato ha fatto ingresso nell’Accademia nel 2009 “ Al riguardo vorrei citare alcune persone che mi hanno accolto e che sono state importanti, rappresentando per me motivo di accrescimento culturale: Pier Bordiga, Guido Bonino, Francesco Bonamico ed Ermanno Mauro.

Il prossimo incontro è  previsto il 19 settembre  nel palazzo, Monastero di Cherasco, ex monastero dei Padri Somaschi. La conviviale si svolgerà nella  sala del Teatro, con un antico apparato scenico originale dell'epoca, dove si svolge l'attività del Ristorante Il Teatro, accanto alla chiesa Madonna del Popolo.

Il menù che è stato proposto e  condiviso con il simposiarca Alessandro Pessione.

 

VB

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium